Nicola Bottiglieri
A proposito di “Delitto Neruda"

Inchiesta su Neruda

Roberto Ippolito ricostruisce in un'inchiesta appassionata tutti i misteri della morte del grande poeta cileno con ogni probabilità avvelenato dal regime di Pinochet che ne temeva il prestigio internazionale e la sua capacità di coagulare l'opposizione

«Nel piccolo ambiente del Cementerio dove vengono collocati diciannove anni dopo la morte, i resti del poeta stupiscono il nipote perché riconoscibili e perché “basterebbe aggiungere un po’ di pelle per avere il Neruda di sempre”. Oltre alla cintura, trovata chiusa con il foro solitamente usato, nella cassa ci sono dei pezzi della giacca. Niente […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Elogio della calzatura

Storia della scarpa

Scarpe, scarponi slacciati, scarpini da calcio, sandali: la civiltà comincia nel momento in cui l'uomo frappone fra il suo corpo e la terra un oggetto, mentre il lavoro inizia quando l'uomo "addomestica" gli animali con la sella, l'aratro ed i propri piedi con le scarpe

I piedi hanno camminato molto nell’ultimo secolo prima di essere accettati in società. Hanno dovuto costruirsi una dignità ed una autonomia che prima non avevano. Da sempre le “estremità” erano state considerate volgari ed il loro linguaggio “pedestre” non degno di considerazione. Bisogna ringraziare il calcio, che ha contribuito a questa rivoluzione, anzi, che ha […]

continua »
Nicola Bottiglieri
La morte dello scrittore/2

Epica di Sepulveda

Luis Sepulveda, nei suoi libri, ha tracciato la strada della sinistra del Ventunesimo secolo che scopre i temi dell'ecologia e concentra la sua rivoluzione sul "bene della terra". Così ha aggiornato l'epica del mare e della natura

«Giovedì 16 Aprile, alle 00. 03, (tre secondi dopo la mezzanotte) è morto Luis Sepulveda». Questo il post apparso su FB sul sito di Cristina Pizarro Silva, scultrice di chiara fame in Cile, che insieme al marito Tito Castillo, anche lui scultore, vive a Isla Negra sull’Oceano Pacifico, il paese fondato da Pablo Neruda. Cristina […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Ai tempi del Coronavirus

La rivincita della scienza

In queste settimane la cultura umanistica è come attonita e ferma di fronte alle "necessità" della cultura scientifica. Finché un giorno, su una terrazza condominiale, si scopre che anche Thomas Mann è necessario...

La separazione fra cultura scientifica e cultura umanistica oggi ha acquisito aspetti imprevisti. Anzi, con i tempi che corrono, o meglio con i tempi che corrono di notte o sbirciano al di sopra delle mascherine, essa ha svelato la sua irriducibile dualità. Da un lato le speranze di vita, dall’altro la noia, con la sua […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Le ragioni di un rito

Piazza San Pietro

La benedizione di Papa Francesco, che ha impressionato tutti per la sua potenza simbolica, è stata un richiamo a vivere il futuro in modo diverso da come lo abbiamo immaginato fin qui. Senza più mettere in conflitto scienza e religione

«Ci siamo trovati impauriti e smarriti, siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa, ci siamo resi conto di trovarci sulla stessa barca tutti fragili e disorientati ma allo stesso tempo importanti e necessari. Tutti chiamati a remare insieme, tutti bisognosi di confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti, tutti. […]

continua »
Nicola Bottiglieri
In margine a un'immagine simbolica

Pregare con i piedi

La passeggiata di papa Francesco fuori dal Vaticano in mezzo al museo a cielo aperto di Roma suggerisce molte riflessioni sul dopo-emergenza coronavirus. A partire da come ricostruire e da che cosa perdere

Fra le tante immagini piovute su di noi dai giornali, dalla televisione, dai computer durante questa quarantena (il popolo in festa sui balconi, i paracadutisti che si lanciano con la bandiera italiana, i malati agonizzanti con il casco dell’ossigeno, i volti delle infermiere con il livido fatto dalle mascherine sul volto, ecc.) quella che più […]

continua »
Nicola Bottiglieri
La rivoluzione del comportamenti

Il baco di Magellano

Ormai è chiaro che la diffusione del coronavirus rappresenta l'ultimo atto di un processo di globalizzazione economica iniziato cinquecento anni fa da Magellano. Ma stavolta cambierà tutto. Forse...

È con vera amarezza che stiamo ricordando il V centenario del primo viaggio intorno al mondo, iniziato il 20 settembre 1519 e concluso il giorno 8 settembre 1522 a Siviglia. Le celebrazioni, aperte a Valladolid in Spagna nel marzo del 2018, alla presenza del re Filippo VI e di un ventaglio di studiosi di fama […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Dopo la manifestazione di Roma

Sardine parlanti

Chi sono le "sardine" e che cosa vogliono, davvero? Probabilmente chiedono di usare le parole con giusto criterio. Inseguendo metafore che corrispondano alla realtà. Ecco perché il loro obiettivo critico non è solo la destra...

Il “pesce azzurro” ha invaso le piazze. Non è stato pescato, è balzato fuori dagli abissi dell’anonimato e si è spiaggiato in 130 piazze italiane. Non per morire, ma per far capire che sono i pesci più vivaci e numerosi del mare. Stupito da tanto vigore, sabato 14 ero in piazza San Giovanni, in qualità […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Un'anticipazione dal libro "A Sud del Sud”

Leopardi a Capo Horn

Esce in libreria un bel reportage del nostro Nicola Bottiglieri: un viaggio alla fine del mondo, a Capo Horn, per guardare l'infinito e recitagli la celebre poesia di Giacomo Leopardi. Una sfida delle parole alla natura

Ad alta voce dissi: “Albatros, petrelle, pinguini ed uccelli pelagici tacete ed ascoltate. Allungate i colli nel cavo del vento, aprite le orecchie acque e siepi, dilatate le fessure pietre antartiche perché ora ascolterete una poesia che farà brillare di felicità l’ultimo angolo del mondo. Perché essa fu scritta anche per voi, in questo dilatato […]

continua »
Nicola Bottiglieri
Storia di un curioso accidente

Censura in Rete?

Su Facebook un post "politico" prima diventa intermittente poi sparisce definitivamente. Chi governa le parole e le opinioni sui social? Una vicenda che fa riflettere

Ieri sera, al programma di Lilli Gruber Otto e Mezzo vi era il Ministro Alfonso Bonafede, incalzato dal professor Gianrico Carofiglio sulla votazione on line del Movimento 5S che ha evitato al ministro Matteo Salvini di essere processato per il caso della nave Diciotti. Di fronte alle pressanti domande del professore, il ministro balbettava, si […]

continua »