8
dicembre
2022

arti

Sergio Buttiglieri
Alla Palazzina Reale di Firenze

Design Gavina

Un convegno di studi e testimonianze ricorda la mente geniale e poliedrica di Dino Gavina, imprenditore e "operatore della creatività” che nel tempo ha rivoluzionato il rapporto tra industria e estetica

Si è appena concluso a Firenze un memorabile convegno promosso dalla presidente dell’ADI Toscana, Perla Gianni, membro del Consiglio Direttivo dell’ADI, dedicato al mitico Dino Gavina che giustamente sosteneva che il «moderno è ciò che è degno di diventare antico»e non a caso mise in produzione la sedia in legno rinascimentale Tomasa che vide in un museo fiorentino […]

continua »
Loretto Rafanelli
“LIB(E)RI per il MARE” a Milano

L’alfabeto marino del maestro della luce

Marco Nereo Rotelli, che si muove tra segno, poesia e luce, allarga il suo sguardo anche alle emergenze ambientali. La mostra alla Fondazione Luciana Matalon «è la perfetta dimensione plurale della sua concezione artistica, affidata a materiali diversi e consegnata a un segno che perdura»

Marco Nereo Rotelli continua nella sua intensa ricerca artistica, inoltrandosi in percorsi preziosi a varie letture, come l’aspetto relativo all’emergenza ambientale, ciò recuperando e lavorando con oggetti e manufatti destinati allo scarto o peggio all’abbandono, ne sono un esempio i pneumatici delle auto (ma ricordo anche le porte vecchie usate come tele con i versi […]

continua »
Roberto Cavallini
Al Mattatoio di Roma

Roma bianca e nera

Una bella mostra mette una accanto all'altra le visioni fotografiche di Roma firmate da William Klein e Plinio De Martiis. Il mito, la solitudine, la solidarietà, la devastazione e la storia: ma quella città esiste ancora? Che cosa potrebbe cogliere, oggi, l'occhio degli artisti?

Roma è al centro, descritta e indescrivibile. Roma è inserita come lemma, come segno grafico tra i nomi dei due fotografi che sono stati messi a confronto nella mostra William Klein ROMA Plinio De Martiis. La mostra sarà ospitata fino al 26 febbraio 2023, presso il Padiglione 9a del Mattatoio di Roma, a cura di […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria comunale di Roma

I colori di Pasolini

Una bella e ricca mostra di opere pittoriche chiude a Roma le celebrazioni per il centenario della nascita. L'occasione giusta per conoscerlo fuori dal mito. Più per i bei tentativi giovanili che per le meno incisive tele della maturità

Pasolini pittore. È il titolo, sobrio e senza orpelli, della mostra appena inaugurata a Roma nella Galleria comunale d’arte moderna di via Crispi, dove resterà in scena fino al 16 aprile del prossimo anno. Tra le tante manifestazioni che hanno costellato in tutta Italia il cartellone delle celebrazioni del centenario della nascita, finalmente una ribalta […]

continua »
Sergio Buttiglieri
A Napoli, a Castel Sant'Elmo,

Libertà restaurata

Gian Maria Tosatti ha inaugurato una sua nuova opera altamente simbolica. La descrive così: «Con questi materiali da accudire, grano e plastica, volevo sfidare il mio paese a dimostrare che poteva mantenere viva l’eredità culturale»

L’emozione che ha fatto venire al numeroso pubblico intervenuto all’inaugurazione della ultima immaginifica installazione dell’artista Gian Maria Tosatti all’interno di Castel Sant’Elmo a Napoli è simile per intensità a quella che il pubblico internazionale a Venezia aveva provato percorrendo il suo iconico Padiglione Italia, creato per la prima volta nella Storia della Biennale d’Arte da […]

continua »
Teresa Maresca
Un genio della pittura

I fantasmi di Munch

Un bel film documentario diretto da Michele Mally ricostruisce la biografia, le passioni e gli esperimenti pittorici di Edvard Munch. Come dice il titolo, è una storia di donne, fantasmi e vampiri. E di turbamenti dell'arte

Il film biografico, o biopic, che racconta la vita di un personaggio celebre, è una categoria che spesso delude gli appassionati di quel personaggio, oppure piace loro per l’attrazione che si prova per una star, per un mito dell’arte, ma in realtà è sempre un prodotto “di servizio”. Da piccola ho amato molto il librone […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo Goethe di Roma

Viaggio in Italia

Una piccola mostra mette a confronto quattro artisti italiani e quattro tedeschi: Francesco Arena, Guido Casaretto, Johanna Diehl, Esra Ersen, Silvia Giambrone, Benedikt Hipp, Christian Jankowski, Alessandro Piangiamore. Un modo per rinnovare il mito del "Viaggio in Italia"

Quattro artisti italiani a confronto con quattro artisti tedeschi più o meno della stessa generazione. In nome del viaggio in Italia, che dovrebbe accomunarli, ma diventa solo un pretesto per affrontare il tema più generale del viaggio, come percorso spaesante verso le derive e gli approdi della creatività occidentale del XXI secolo. Non se la prendano a […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Palazzo delle Esposizioni di Roma

Il ‘900 di Pasolini

Una grande mostra di oggetti e immagini chiude le celebrazioni per il centenario di Pasolini. Memorie, parole e fotografie per ricordare un grande intellettuale e un grande artista “perduto” inesorabilmente legato al suo tempo

Sì, ci manca Pier Paolo Pasolini. Con il suo coraggio e i suoi errori. Anche se non riesco a includere in quel noi tutta la grande folla che attraversa le sale romane del Palaexpo, per visitare l’ultima grande mostra che gli rende omaggio nel quadro delle celebrazioni del centenario della nascita. Una mostra che, partendo […]

continua »
Paolo Petroni
Anniversari

Roma Futurista!

Cent'anni fa, la Capitale conobbe una strana, felice fiammata futurista. Grazie a due locali, il Bal Tic Tac progettato da Giacomo Balla e il Cabaret del Diavolo da Fortunato Depero. Una storia in cui si intrecciano arte e teatro

Tra la fine dello scorso anno e questo 2022 due centenari curiosi, relativi all’apertura di due locali futuristi, il Bal Tic Tac (nella foto qui accanto) progettato da Giacomo Balla e il Cabaret del Diavolo da Fortunato Depero, passati quasi sotto silenzio, avrebbero dovuto ricordarci quanto era culturalmente vivace Roma  alla viglia della presa del […]

continua »
Roberto Cavallini
A proposito di “macchine visuali”

L’occhio e lo spazio

Incontro tra un fotografo e un architetto alla ricerca del significato del “punto di vista”. Parla Alessandro Panzetti: «Una figura piana, se proiettata nello spazio scomponendo i suoi elementi grafici su più piani, è in grado di generare una infinità di forme tridimensionali»

Era d’obbligo, tanti anni fa, per chi si approcciava alla fotografia, la lettura del libricino di Federico Arborio Mella dal titolo: Sulla Strada della fotografia, i cui primi capitoli riguardavano il Brunelleschi e la prospettiva, Leon Battista Alberti, il prospettografo di Leonardo e quello di Dürer (anche se la fotografia nasce ufficialmente nel 1839, la […]

continua »