29
novembre
2022

arti

Beppe Navello
Alla Casa delle letterature di Roma

Il colore delle parole

Qual è lo spirituale della poesia? E quale quello della prosa? Albertina Bollati prova a rispondere con le sue opere che si confrontano con le parole di alcuni grandi: da Pavese a Kafka, da Calvino a Magris a Rigoni Stern

Alla Casa delle Letterature a Roma c’è una mostra di piccole opere pittoriche, discreta e appartata ma molto curiosa, Per incantamento di Albertina Bollati: si tratta di 20 tavole ad acquerello, acrilico e china esposte in quel chiostro biblioteca che ospita studenti silenziosi, impegnati nella lettura e nella scrittura. Sopra le loro teste, alle pareti […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Garage dell'Auditorium di Roma

Icaro e Batman

Il nuovo spazio espositivo nei sotterranei della "città della musica" ospita una grande, spettacolare antologica di Adrian Tranquilli. Il mondo dei fumetti, con i suoi riferimenti all'immaginario popolare, dialoga con quello dei miti: un gioco di rimandi tra passato e presente

Giusta l’idea della direzione di Musica per Roma di trasformare in palcoscenico permanente di eventi artistici l’intero primo piano del garage sotterraneo dell’Auditorium. Era uno spazio di servizio in disarmo, visto che le aree all’aperto circostanti erano sufficienti ad assorbire le macchine in sosta dei frequentatori. Da qualche mese parzialmente collaudato per questa sua nuova […]

continua »
Danilo Maestosi
Un nuovo restauro

Torlonia kitsch

La riapertura della Serra Moresca di villa Torlonia, a Roma, è una buona occasione per ripercorrere la storia di questo monumento alla grandiosità di una delle più furbe famiglie romane, giunta al vertice della ricchezza grazie alla sua spregiudicatezza e al suo cattivo gusto

Riapre dopo un lungo restauro la Serra Moresca di villa Torlonia. Una delle tante bizzarrie di questo parco romano lungo la via Nomentana costellato di edifici, ruderi in facsimile, monumenti e simulazioni architettoniche che hanno accompagnato e celebrato l’inarrestabile ascesa della famiglia di commercianti emigrata a Roma dalla Francia alla metà del Settecento, arrivata al […]

continua »
Tina Pane
Al Mav di Ercolano

Spettacolo Vesuvio

Una bella mostra curata da Rita Scartoni e Vittorio Ragone racconta "'a Muntagna" negli scatti dell'Archivio Alinari dalla metà dell'Ottocento all'utlima (speriamo) eruzione del 1944. Una rassegna di immagini che svelano come un lungo mitico sia diventato centro dell'identità napoletana

Al MAV.5 di Ercolano va in scena il Vesuvio, forse il vulcano più famoso di sempre. “Il formidabil monte”, descritto in letteratura e saggistica, cantato in poesie e canzoni, rappresentato in pittura e fotografia, ‘a muntagna, la montagna per antonomasia, è da secoli icona e simbolo di un intero territorio, flash visivo automatico quando si […]

continua »
Paolo Spirito
Al Castello Visconteo di Novara

La Venezia di Hayez

«Il mito di Venezia. Da Hayez alla Biennale» è una ricca mostra che racconta come la città più famosa, amata e mitizzata del mondo sia stata anche il luogo d'elezione della pittura romantica e di quella storica lungo tutto l'arco dell'Ottocento

Francesco Hayez (Venezia, 1791-Milano, 1882) è il massimo esponente in Italia della pittura romantica, vissuto nell’epoca di passaggio tra la cultura neoclassica e quella romantica, ponendosi come il principale pittore italiano di quest’ultima corrente. Non solo: con alcune sue opere altamente simboliche e di elevato valore patriottico, come il famoso Bacio, dipinto in tre versioni […]

continua »
Lidia Lombardi
Alla Galleria di Palazzo Barberini di Roma

La mano di Giuditta

Una bella mostra mette insieme la celebre tela "Giuditta e Oloferne" di Caravaggio e una serie di ritratti della donna "giustiziera" realizzati da Artemisia Gentileschi. Uno squarcio importante sulla pittura del tempo e sui diritti negati

Com’è il volto di chi si rende conto che gli stanno tagliando la testa? E quello di chi compie l’omicidio ai danni di un infame oppressore, atto di estrema giustizia? Li restituisce, con intensità mai fino ad allora toccata, il Caravaggio. Lo fa in una grande tela del 1599, tra i capolavori dell’incipiente XVII secolo. […]

continua »
Danilo Maestosi
A Palazzo Braschi di Roma

L’oro di Klimt

Torna in mostra Gustav Klimt ed è subito grande successo di pubblico. Perché la sua arte così datata suscita ancora passioni e attenzioni? Forse perché rappresenta un'icona assoluta di bellezza. Liberata di qualunque altro condizionamento

Esco da questa mostra romana su Klimt, in corso fino al 27 marzo a palazzo Braschi, trascinandomi appresso una doppia sensazione di piacere e disagio, che mi consente di svincolarmi nel racconto dalla neutralità della cronaca. Il disagio nasce dal distacco con cui mi scopro a guardare molte delle opere alle pareti. Un po’ come […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Maxxi di Roma

L’etica di Hirshhorn

L'artista svizzero Thomas Hirschhorn espone i suoi collage che dietro ai pixel raccontano il mondo e le sue terribili contraddizioni. Una galleria di orrori, assassini e scene di terrore "sfuocato” che impongono allo spettatore una domanda: si può fare arte col dolore?

Un mausoleo dell’orrore e della rimozione collettiva che ne allontana o ne camuffa, a presenza. È l’enorme labirinto di squillanti tramezzi monocromi che accoglie e inghiotte il visitatore della mostra La lunga linea viola inaugurata al Maxxi dove terrà cartellone fino al 6 marzo. Porte, nicchie, gradinate corridoi e viottoli in discesa e in salita: un […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria Corsini di Roma

Il segreto di Plautilla

Dopo il successo del romanzo che le ha dedicato Melania Mazzucco, una bella mostra ripercorre la strana figura di Plautilla Bricci, artista e protagonista molto particolare del Seicento romano. La sua vocazione di “architettrice” apre uno squarcio significativo su un'arte ritenuta ingiustamente minore

È come una coreografia di fantasmi che tentano di riprendere corpo la mostra, in cartellone fino al 19 aprile, con cui la Galleria Corsini di via della Lungara riapre dopo vari mesi di pausa per i lavori di restauro e riallestimento. Un fantasma recuperato tra le pieghe e dietro i sipari d’ipocrisia della cronaca, sempre […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria Nazionale di Roma

Il colore Spalletti

Omaggio a Ettore Spalletti, maestro defilato del Novecento. Un grande del pensiero lento che si è trovato a muoversi in uno scenario globale che gira e cambia a velocità astronomiche. Ecco perché la sua arte è quella di un genio appartato

Ci sono artisti che, come i divi del cinema, bucano lo schermo. Ti afferrano per la pancia e ti trascinano dentro il loro mondo per emulazione. Con immediatezza. Ettore Spalletti, scomparso due anni prima di varcare la soglia degli ottant’anni, è sempre appartenuto ad un’altra specie di seduttori visivi che non ti stordiscono di provocazioni, […]

continua »