17
agosto
2022

arti

Lidia Lombardi
Alla Galleria Borghese di Roma

La danza di Guido

Esposto per la prima volta (dopo l'acquisto di due anni fa), "La danza campestre" di Guido Reni. Intorno allo splendido (e atipico) olio, una ricca mostra che riflette sul rapporto tra la Natura e il Sacro nell'arte del Seicento, da Caravaggio a Bernini

La pandemia lo ha tenuto celato per oltre un anno. Adesso è esposto al pubblico nella sede originaria. E attorno ad esso ruota un’intera mostra, a salutarne il ritorno nella Capitale e nelle collezioni di Beni Culturali. Parliamo della Danza campestre di Guido Reni, ricomprato nel 2020 e ricollocato nella raccolta dalla quale era partito. […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria La Nuova Pesa di Roma

Arte sul tovagliolo

Inseguendo il mito della vecchia “Osteria dei pittori” (quella dove a Roma negli anni Cinquanta si fronteggiavano astrattisti e figurativi), Roberto Gramiccia confeziona una mostra collettiva in cui artisti di generazioni e scuole diverse riflettono sul fare arte

Osteria dei pittori. È il titolo di uno struggente diario di ricordi scritto dallo sceneggiatore Ugo Pirro e pubblicato da Sellerio quasi trent’anni fa. Racconta le vicende della comunità di artisti, intellettuali e scrittori che per un decennio a partire dagli anni ‘50 ha animato la trattoria dei fratelli Menghi in via Flaminia a due […]

continua »
Roberto Segatori
La scomparsa di Alfred Hohenegger

Il Maestro dei segni

Grafico, pittore, musicista, tipografo. Ricordo di un artista “medioevale” che, approdato in Italia nel 1954, s’impose per il talento innovativo e insieme tradizionale. Suo il fondamentale “Graphic design”, primo manuale di grafica pubblicato in Italia

Si è spento il 29 gennaio 2022 nella sua casa di Treggio (Foligno), Alfred Hohenegger, tra i più importanti grafici della scena internazionale. Nato a Dachau nel 1928, si stabilì in Italia nel 1954 imprimendo subito il suo talento artistico, tecnico e innovativo. Musicista, pittore e scrittore di saggi e racconti, ha insegnato per molti […]

continua »
Danilo Maestosi
A Palazzo Merulana di Roma

La pittura, bellezza!

è una mostra da non perdere quella che mette uno accanto all'altro tre outsider della pittura: Luigi Boille, Lamberto Pignotti e Bruno Aller. Nelle loro opere c'è la radicale difesa dell'arte, dei suoi principi, della sua essenza. Al di là delle convulsioni delle avanguardie

Le regole e il colpo d’occhio sono garanzie da mostra doc. Prestigioso, ben gestito e ben frequentato il museo romano, ai confini dell’Equilino, che la ospita: Palazzo Merulana, scrigno di una piccola ma straordinaria collezione privata del primo e secondo Novecento, restaurato e aperto al pubblico da qualche anno. Bello e luminoso lo spazio che […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria di San Luca di Roma

La saga Marchini

Da Balla a Fausto Pirandello, da Licini a Leoncillo: una grande mostra ripercorre la storia epica di una famiglia di appassionati d'arte, quella di Alvaro Marchini, e della sua galleria La Nuova Pesa, ancora oggi attiva grazie alla figlia Simona

Una storia nell’arte. Incisivo e intrigante come un manifesto ben fatto il titolo con cui è stata battezzata la mostra che a Roma fino al 22 aprile invade e ridisegna gli austeri spazi dell’Accademia di San Luca. Spiega con grande chiarezza l’iniziativa in cartellone: ricostruire il lungo tragitto di mutazioni di orientamenti e di sedi di […]

continua »
Beppe Navello
Alla Casa delle letterature di Roma

Il colore delle parole

Qual è lo spirituale della poesia? E quale quello della prosa? Albertina Bollati prova a rispondere con le sue opere che si confrontano con le parole di alcuni grandi: da Pavese a Kafka, da Calvino a Magris a Rigoni Stern

Alla Casa delle Letterature a Roma c’è una mostra di piccole opere pittoriche, discreta e appartata ma molto curiosa, Per incantamento di Albertina Bollati: si tratta di 20 tavole ad acquerello, acrilico e china esposte in quel chiostro biblioteca che ospita studenti silenziosi, impegnati nella lettura e nella scrittura. Sopra le loro teste, alle pareti […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Garage dell'Auditorium di Roma

Icaro e Batman

Il nuovo spazio espositivo nei sotterranei della "città della musica" ospita una grande, spettacolare antologica di Adrian Tranquilli. Il mondo dei fumetti, con i suoi riferimenti all'immaginario popolare, dialoga con quello dei miti: un gioco di rimandi tra passato e presente

Giusta l’idea della direzione di Musica per Roma di trasformare in palcoscenico permanente di eventi artistici l’intero primo piano del garage sotterraneo dell’Auditorium. Era uno spazio di servizio in disarmo, visto che le aree all’aperto circostanti erano sufficienti ad assorbire le macchine in sosta dei frequentatori. Da qualche mese parzialmente collaudato per questa sua nuova […]

continua »
Danilo Maestosi
Un nuovo restauro

Torlonia kitsch

La riapertura della Serra Moresca di villa Torlonia, a Roma, è una buona occasione per ripercorrere la storia di questo monumento alla grandiosità di una delle più furbe famiglie romane, giunta al vertice della ricchezza grazie alla sua spregiudicatezza e al suo cattivo gusto

Riapre dopo un lungo restauro la Serra Moresca di villa Torlonia. Una delle tante bizzarrie di questo parco romano lungo la via Nomentana costellato di edifici, ruderi in facsimile, monumenti e simulazioni architettoniche che hanno accompagnato e celebrato l’inarrestabile ascesa della famiglia di commercianti emigrata a Roma dalla Francia alla metà del Settecento, arrivata al […]

continua »
Tina Pane
Al Mav di Ercolano

Spettacolo Vesuvio

Una bella mostra curata da Rita Scartoni e Vittorio Ragone racconta "'a Muntagna" negli scatti dell'Archivio Alinari dalla metà dell'Ottocento all'utlima (speriamo) eruzione del 1944. Una rassegna di immagini che svelano come un lungo mitico sia diventato centro dell'identità napoletana

Al MAV.5 di Ercolano va in scena il Vesuvio, forse il vulcano più famoso di sempre. “Il formidabil monte”, descritto in letteratura e saggistica, cantato in poesie e canzoni, rappresentato in pittura e fotografia, ‘a muntagna, la montagna per antonomasia, è da secoli icona e simbolo di un intero territorio, flash visivo automatico quando si […]

continua »
Paolo Spirito
Al Castello Visconteo di Novara

La Venezia di Hayez

«Il mito di Venezia. Da Hayez alla Biennale» è una ricca mostra che racconta come la città più famosa, amata e mitizzata del mondo sia stata anche il luogo d'elezione della pittura romantica e di quella storica lungo tutto l'arco dell'Ottocento

Francesco Hayez (Venezia, 1791-Milano, 1882) è il massimo esponente in Italia della pittura romantica, vissuto nell’epoca di passaggio tra la cultura neoclassica e quella romantica, ponendosi come il principale pittore italiano di quest’ultima corrente. Non solo: con alcune sue opere altamente simboliche e di elevato valore patriottico, come il famoso Bacio, dipinto in tre versioni […]

continua »