Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

La musica è donna

"Gloria!" di Margherita Vicario è davvero un film da non perdere. Una storia d'epoca che aiuta a capire la forza della musica e quella delle donne

Parafrasando Pascoli, c’è qualcosa di nuovo oggi nel cinema italiano, anzi d’antico. E per dirla con quel gran genio di Geppi Cucciari: ho visto un film di donne che anche gli uomini possono capire. Di quale film sto parlando? Parlo di Gloria! (col punto esclamativo) scritto e diretto da Margherita Vicario, esordiente che finora faceva […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

La lentezza di Rosa

Il nuovo film di Robert Guédiguian, "E la festa continua!", racconta la storia di Rosa, un'eroina dell'impegno e della memoria condivisa. Ma lo fa senza ritmo...

“Bisognerebbe avere due vite, una per se stessi e una per gli altri”, dice Rosa, la protagonista del nuovo film di Robert Guédiguian, E la festa continua! Non è una frase del regista marsigliese, lo scrisse Italo Svevo nel suo primo romanzo Una vita. Chi è Rosa? Nella realtà è l’attrice e sceneggiatrice Ariane Ascaride, […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Miracolo Guy e Zahra

Guy e Zahra, il regista israeliano Guy Nattiv e l'attrice iraniana Zahra Amir Ebrahimi, hanno girato un film potentissimo sui diritti negati: “Tatami", un'opera da non perdere

Se un regista israeliano decide, ed è una cosa mai vista, di lavorare insieme a una collega iraniana scappata in Francia per evitare la lapidazione, il risultato non può essere semplicemente un film magnifico, il risultato è un miracolo. E come se assistessi a un miracolo ho guardato attonita il film di Guy Nattiv e […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Orlando (in genere)

Il filosofo e scrittore spagnolo Paul B. Preciado ha diretto un nuovo film da Orlando di Virginia Woolf. Un apologo sui generi (che non vanno decisi mai a tavolino)

Novantotto minuti che tecnicamente lo classificano nella categoria dei docu-film. Ma non c’è categoria cinematografica per Orlando, ma biographie politique, prima pellicola scritta e diretta dal filosofo e scrittore spagnolo Paul B. Preciado, e certo questa constatazione è quanto mai legittima visto che si ispira al romanzo Orlando. A biography di Virginia Woolf. Preciado chiama […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Miracolo abruzzese

Il nuovo film di Riccardo Milani con Antonio Albanese e Virginia Raffaele, "Un mondo a parte”, è un film necessario: perché ci racconta che la nostra società si salva solo se rimane unita

I miei auguri di Pasqua li faccio consigliando di vedere un film che ha l’apparenza di una commedia leggera, ma che in realtà contiene alcuni messaggi positivi di cui abbiamo molto bisogno in questi tempi bui. È il nuovo film di Riccardo Milani Un mondo a parte, protagonisti due attori “comici”, e mai etichetta è […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Donne allo specchio

Il nuovo film di Todd Haynes racconta l'incontro tra una donna "scandalosa" e l'attrice che deve interpretarla al cinema. Ma è una pellicola sempre sopra le righe e disturbata da una colonna sonora invasiva

C’è un film, tra i molti usciti in questi giorni, che sta ottenendo critiche lusinghiere, si intitola May December (ovvero “Maggio Dicembre”, titolo che pare riferirsi alle stagioni della vita) ed è la nuova pellicola firmata dal regista e sceneggiatore di Los Angeles Todd Haynes. A me questo film, lo dico subito senza giri di […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Le donne di Coen

Ethan Coen firma un nuovo film senza il fratello Joel (ma con la moglie Tricia Cooke): un road movie scanzonato pieno di donne e di amori. Con un risvolto tra il giallo e il grottesco

Il titolo è difficilmente traducibile, del resto il film è distribuito solo in versione originale sottotitolata. Drive-away dolls potrebbe significare o anche no “alla larga, bambole”. Più chiaro è il sottotitolo: “A story of two ladies going South”. In effetti la pellicola è un classico road-movie, la storia di due donne dirette a sud, ma […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Virzì torna a Ventotene

Fa discutere il nuovo film di Paolo Virzì, il sequel di "Ferie d'agosto": vuole raccontare l'Italia di oggi ma finisce per essere un "amarcord". Tra nostalgia e orrore del presente

C’è una legge nel cinema per la quale il sequel fa sempre rimpiangere il film che l’ha originato. Ovviamente ci sono le eccezioni. Per spiegare ciò che fra poco scriverò del film di Paolo Virzì Un altro ferragosto, devo fare una premessa che in apparenza non c’entra ma c’entra: sono stata l’ufficio stampa della Società […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Oscar da guerra?

Tutto (quasi) come previsto alla notte degli Oscar: Hollywood preferisce Oppenheimer a Barbie e a Scorsese. E sul palco irrompono il Medio Oriente e l'Ucraina

Non c’è stato il colpo di scena, anzi no, una sorpresa c’è stata: l’Oscar alla migliore attrice protagonista non è andato, come molti prevedevano, a Lily Gladstone per Killers of the Flower Moon, ma ha premiato una incredula Emma Stone, straordinaria Bella in Povere creature!, un esito che personalmente avevo previsto.  Tutto il resto, nella […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Memorie sbagliate

“Memory", il nuovo film di Michel Franco racconta la storia di due personaggi traditi dai ricordi e poi salvati dall'amore. Sulle note dei Procol Harum

Come annuncia chiaramente il titolo, Memory, il film scritto e diretto dal regista-sceneggiatore-produttore messicano Michel Franco, presentato all’ultimo festival del cinema di Venezia, è una pellicola sulla memoria: la memoria perduta, la memoria che inganna, la memoria di ciò che è avvenuto e che non può essere dimenticato. In questi crocevia della memoria si incontrano […]

continua »