Luca Fortis
La polveriera mediorientale

Nella crisi libanese

Incontro con Misbah Ahdab, politico libanese molto attivo sia nel suo paese sia in Europa: “La comunità internazionale continua a scegliere le persone sbagliate da appoggiare. Occorre puntare sui leader onesti con una visione concreta per il futuro. E dirlo a tutti. Anche ai libanesi»

La situazione libanese è sempre più complessa e non è facile prevedere come evolverà. Per comprendere meglio cosa sta accadendo ne parliamo con l’ex deputato indipendente di Tripoli, eletto nel collegio sunnita, Misbah Ahdab. Ahdab è nato il 1 aprile 1962. Laureato in Economia e Management, è stato nominato Console Onorario di Francia nel 1992. […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il caso Malcolm X

Una serie televisiva di grande successo ha riaperto il caso dell'omicidio, 55 anni fa, del leader nero e pacifista Malcolm X. Errori giudiziari, bugie, depistaggi... insomma, una tipica storia di ragion di Stato e di diritti negati. Una vicenda purtroppo molto attuale

Che le serie televisive americane abbiano ormai un’importanza basilare non solo per illustrare la società, ma anche per rivedere la storia di quel paese è ormai un fatto assodato. Addirittura per riaprire, come in questi giorni, procedimenti giudiziari e fare scoprire nuovi indizi su omicidi eccellenti come quello di Malcolm X, scagionando colpevoli che sono […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Il fortino di Putin

Dietro il dramma dei migranti accolti in Bielorussia e condotti dal regime di Lukashenko al confine con la Polonia per minacciare l'unità europea, c'è la mano evidente di Putin. L'uomo di Mosca ha deciso di sfidare la democrazia: provando a distruggere la Ue

Guardiamo sulle carte: il lungo confine verticale tra Polonia e Bielorussia costituisce la frontiera ad oriente dell’Europa unita. Si tratta – come scrive El Paìs – di un “piccolo abisso” non solo geografico, ma anche economico, sociale e civile. Guardiamo ora a terra, calpestiamo la terra: nel gelo e nel fango dei boschi invernali che […]

continua »
Gianni Marsilli
Cartolina da Parigi

Incubo Zemmour

Éric Zemmour, 63 anni, razzista dichiarato, populista senza se e senza ma, tormenta i sonni della destra e della sinistra francesi. Ufficialmente, non ha ancora dichiarato di voler correre per l'Eliseo, ma i sondaggi sono dalla sua parte. Vediamo chi è e perché può avere un futuro

Essendo un ebreo di origine algerina – la sua famiglia ottenne la cittadinanza francese nel 1870 per decreto, ai musulmani in quello stesso anno venne invece negata – gli piace definirsi berbero. I berberi, si sa, non sono arabi. Non è un vezzo, ma un programma politico. Un solco elettorale ben tracciato, senza fronzoli. L’islam […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Tempo d’impegno

Vent'anni dalle Torri gemelle: due decenni di inutile e tragica guerra in Afghanistan, poi la radicalizzazione della destra americana, il ciclone distruttivo di Trump che ha travolto le istituzioni Usa. Serve una nuova strategia per risollevare il Paese. L'impegno, per esempio...

Seppure riluttante a scrivere In occasione della tragica ricorrenza dei venti anni trascorsi dall’11 settembre, proprio perché tutti si affrettano a farlo, credo tuttavia che per rispetto ai temi americani di cui mi sono occupata in questi anni e mi occupo da sempre per Succedeoggi compiere alcune riflessioni sia quasi un dovere. Ma è davvero […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

L’età di Obama

Barack Obama ha festeggiato i suoi sessant'anni. Un'occasione preziosa per riflettere meglio sulla sua parabola alla Casa Bianca: ha rappresentato il sogno di un'America che abbandona i suoi fantasmi. Ma il razzismo, la prassi antidemocratica della destra e Trump hanno cancellato nella violenza

Il 4 agosto l’ex presidente americano Barack Obama ha compiuto sessant’anni. Divenuto il 44esimo presidente degli Stati Uniti a soli 47 anni è stato il primo presidente afroamericano della storia statunitense. Figlio di madre single bianca e di padre keniota nero ha studiato prima alla Columbia University e poi ad Harvard dove si è laureato […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

America a rischio

I repubblicani, sempre più ostaggio dalla propaganda di Trump, hanno approvato in molti Stati leggi che limitano o addirittura impediscono il diritto di voto. La denuncia non viene da pericolosi rivoluzionari, ma del presidente Biden: «La prova più significativa della nostra democrazia dai tempi della guerra civile»

Al discorso di Joe Biden di martedì scorso al Centro Nazionale della Costituzione di Filadelfia è stata data poca rilevanza, ma la passione e la rabbia con cui il presidente si è espresso sono viceversa degne di nota. Ma non solo. È il pericolo che sta dietro alle sue parole ad essere ancora più degno […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

La sentenza

Ventidue anni e mezzo di carcere: la sentenza al processo per l'omicidio di George Floyd da parte del poliziotto Derek Chauvin ha un forte valore simbolico (anche se la pena è inferiore rispetto alla richiesta). È una decisione che segna una svolta nei rapporti tra giustizia e polizia negli Usa

La sentenza che condanna Derek Chauvin, il poliziotto che a sangue freddo giustiziò nel maggio dell’anno scorso, George Floyd tenendogli premuto un ginocchio sul collo per 9 minuti e 30 secondi, mentre l’uomo, senza successo, implorava di lasciarlo respirare, è arrivata. 22 anni e mezzo. Non pochi se si pensa che una condanna di tale […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Strategia Biden

Il presidente statunitense ha rinfrancato gli alleati europei e poi ha incontrato Putin. Ha riconosciuto all'uomo forte del Cremlino una leadership innegabile e un ruolo chiave sulla scena internazionale. Ma non ha fatto sconti in materia di democrazia e diritti umani

Dopo i meeting con i leader europei, e dopo la conferenza stampa seguita al suo incontro a Ginevra con il presidente russo Vladimir Putin, proprio prima di salire sull’ Air Force One, Joe Biden ha affermato che molti rappresentanti dei governi europei non solo hanno salutato positivamente l’atteso ritorno degli Stati Uniti sulla scena internazionale, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Fantasmi americani

A un anno dall'assassinio di George Floyd, gli Stati Uniti sono sempre più segnati dalla radicalizzazione del conflitto tra repubblicani e democratici. I venti del razzismo non si sono placati e il Paese è ancora in preda alle lobby delle armi: lo scorso week end ci sono state sparatorie in 12 stati con un totale di più di 15 morti

È passato un anno dall’omicidio di George Floyd, ucciso barbaramente a Minneapolis da un poliziotto che ha tenuto il suo ginocchio premuto sul collo dell’uomo per 9 minuti e 30 secondi fino a farlo soffocare. Dopo il video della diciassettenne Darnella Frazier, che ha filmato la scena permettendo di vedere dal vivo l’orrore di quell’ […]

continua »