29
novembre
2022

memorie&archivi

Marta Morazzoni
Ricordando il campione scomparso

Il fischio di un treno e Paolo Rossi

A Gallarate, l’urlo del macchinista che conduce il Milano-Domodossola-Ginevra-Parigi, amici riuniti in una villa per vedere la finale, il tricolore regalato dal sindaco, tenuto riposto e poi, in quel Mondiale del 1982, sventolato fino a lacerarlo...

Il treno ha fischiato non è una novella di Pirandello, è il Milano-Domodossola-Ginevra-Parigi, segnale fuori ordinanza che il macchinista del Domodossola ha lanciato a tutto fiato, prendendo la curva larga tra i due passaggi a livello che preludono alla stazione di Gallarate. Un fischio infinito, e il macchinista affacciato al finestrino che grida più forte […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Presepe 3.0

Nell’infausto anno del covid è negata anche la visita ai presepi ma col soccorso delle piattaforme la realtà virtuale è un utile succedaneo. Come nel caso di Assisi che mostra sulle facciate delle case la nascita di Gesù vista da Giotto o della Gnam di Roma con la Natività di Strazza

Nel chiuso delle nostre stanze, di fronte al pc. Anche guardare un presepe quest’anno è vietato. Certo, all’aperto, ce ne sono parecchi. Ma attenzione, fuori regione (e Comune, decreta per le giornate clou l’ultimo Dpcm) non si va. E neanche si entra nei musei, manco fossero bolge dove i visitatori si accalcano (raramente è successo […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Piazza Vittorio e i giardini ritrovati

Intitolati a Nicola Calipari, il poliziotto che pagò con la vita la liberazione di Giuliana Sgrena, sono al centro della piazza più grande di Roma. Tra i ‘luoghi del cuore’ del Fai, dopo il restyling sono ora un piacevole e ottimo punto d’osservazione sulla storia e la grande bellezza della città

L’apertura è avvenuta in sordina, causa coronavirus. Eppure erano venti anni che Roma aspettava di poter varcare la splendida cancellata che cinge il giardino di Piazza Vittorio, anzi i “Giardini Nicola Calipari”, come sono stati rinominati in omaggio al poliziotto che pagò con la vita la liberazione di Giuliana Sgrena. In mascherina, controllati da una […]

continua »
Gabriella Sica
“Semicerchio” sul poeta traduttore dei classici

Sulla via maestra di Pietro Tripodo

«Sornione e affettuoso, dubbioso sempre e umile fino all’esagerazione ... andava dai rifacimenti dal greco e dal latino, dal provenzale e dal tedesco alle proprie poesie, e così, sempre all’insegna del rigore, parevano antiche ed erano invece irrequiete e nuove. C’era in quello che scriveva “uno svolgersi del suo spirito”»

È stato presentato nei giorni scorsi su Facebook, su invito della Società Dante Alighieri, il numero on line della rivista “Semicerchio”, a cura di Niccolò Scaffai, dedicato a Pietro Tripodo, poeta e traduttore di classici scomparso nel 1999. All’incontro sono intervenuti, fra gli altri, Francesco Stella, Ignazio Visco, amico di Tripodo fin dai banchi del […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Sulle tracce di Sant’Egidio

Nel milletrecentesimo anno dalla morte dell’abate francese che dedicò la vita ai poveri, una visita alla chiesa trasteverina a lui intitolata dove dal 1968 si riuniscono a pregare i giovani aggregati alla Comunità fondata da Andrea Riccardi

Di Sant’Egidio non si conosce precisamente l’anno della morte, situato tra il 720 e il 740. Ma se ne è fissato bene il giorno, il 1° settembre. Per questo l’abate francese che dedicò la vita ai poveri è stato celebrato con commozione in questo 2020 – che si pone mediamente come il milletrecentesimo dal suo […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Mezz’ora d’arte con l’occhio digitale

La Cappella dei Magi di Benozzo Gozzoli e, prossimamente, il cortile di Michelozzo e la Galleria degli Specchi di Luca Giordano. Tour on line dedicati ai musei fiorentini svelano particolari di edifici e affreschi che altrimenti è difficile cogliere

Non siamo ancora confinati nella nostra regione, né obbligati a fare tutt’al più il giro del palazzo. Però il semi lockdown ci costringe a una disposizione mentale ripiegata su noi stessi. I musei sono aperti, sì, ma chi azzarda viaggiare per andare a visitare qualche scrigno d’arte? Allora, come nella primavera 2020 – all’insegna del […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Il tesoro dei sarti banchieri

Si disvelano i Marmi Torlonia. 92 sculture della maggiore raccolta di arte antica in mano privata, ora esposte a Roma in una mostra che unisce bellezza a perfetta leggibilità. A Villa Caffarelli sul colle Campidoglio fino al 29 giugno

È un paradosso che il disvelamento, a Roma (e al mondo), di opere d’arte raccontate e non più viste da ottant’anni sia avvenuto in una grigia e piovosa giornata funestata dall’incubo del coronavirus. Disvelamento, la mostra I Marmi Torlonia appena aperta al pubblico sul colle Campidoglio, nella inedita sede di un’ala restaurata di Villa Caffarelli. […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Il Fai raddoppia

Per favorire visite con il “distanziamento” il Fai moltiplica le aperture di ottobre mettendo in mostra alcune meraviglie italiane per due finesettimana. Da non perdere Macchiagodena in Molise, Piedimonte Matese e l'Acquedotto Augusteo nell'avellinese

Mille indirizzi in quattrocento città per salvare l’Italia. Il Fai raddoppia le sue Giornate d’Autunno, ovvero l’apertura straordinaria di luoghi di solito inaccessibili, che in molti casi lo stesso Fondo per l’Ambiente Italiano restaura per mantenerli in piedi e vivi. Per la prima volta saranno due i week end consecutivi delle porte aperte, una sorta […]

continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Sui passi di Dante

A Fonte Avellana, all’ombra del Catria, la vetta più alta delle Marche, in visita all’eremo dove il Sommo Poeta sostò nel 1318. Lo emozionò al punto da evocarlo nel XXI canto del Paradiso, a ridosso dell’incontro con Pier Damiani che proprio in quei luoghi si fece monaco nel 1035

Nell’anno di Dante, sotto il segno del settecentenario della morte (nel settembre 1321), è suggestivo calcare l’eremo che lo ospitò nel 1318. È quello di Fonte Avellana, un’oasi di pietra bianca seppellita tra monti di inestricabile verde. E all’ombra del Catria, la vetta più alta delle Marche, nella provincia di Pesaro-Urbino. Dante sostò qui mentre […]

continua »
Lucia Dell’Aia
Ricordo di Enrique Irazoqui

Il volto e la storia

Scomparso a 76 anni, è stato il Cristo del “Vangelo” di Pasolini. Di origini basche, attraversato da uno spirito rivoluzionario, partecipò al “simposio” pasoliniano e da Elsa Morante apprese, e poi esercitò per tutta la vita, la critica radicale dei poteri

Il non ci rivedremo mai più, come scrive Leopardi nello Zibaldone, non può non produrre una sensazione triste e una commozione ed è proprio quel mai più che non può essere udito senza una particolare sensazione di smarrimento. È così che una vita compiuta, giunta al suo termine, ci fa tornare in mente una serie di ricordi. Mi piace […]

continua »