25
settembre
2021

commenti

Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

America a rischio

I repubblicani, sempre più ostaggio dalla propaganda di Trump, hanno approvato in molti Stati leggi che limitano o addirittura impediscono il diritto di voto. La denuncia non viene da pericolosi rivoluzionari, ma del presidente Biden: «La prova più significativa della nostra democrazia dai tempi della guerra civile»

Al discorso di Joe Biden di martedì scorso al Centro Nazionale della Costituzione di Filadelfia è stata data poca rilevanza, ma la passione e la rabbia con cui il presidente si è espresso sono viceversa degne di nota. Ma non solo. È il pericolo che sta dietro alle sue parole ad essere ancora più degno […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Piedi per aria

La Coppa Covid

Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo, disse Pasolini nel 1970. Oggi, forse, direbbe che è sacrilega. Perché di peccati il calcio continua a commetterne. Quasi quanto la politica. In Italia e nel mondo. Malgrado la vittoria scacciapensieri di Mancini & Co.

Da un anno e mezzo si aspettava qualcosa del genere, una ubriacatura collettiva che scacciasse via l’incubo che avvolge il mondo intero, una pestilenza che non ci lascia più ed ha sconvolto le nostre vite. Essere campioni di Europa infonde un po’ di speranza e quindi va detto subito grazie agli azzurri del pallone, un […]

continua »
Nicola Fano
A proposito di nomine culturali

La scelta Fuortes

Carlo Fuortes è stato indicato dal governo per la gestione della Rai. Dopo Paolo Grassi, un altro uomo di teatro arriva al vertice di Viale Mazzini. Accanto all'indiscutibile talento di organizzatore culturale, Fuortes vanta anche la capacità di gestire gli altrui appetiti politici

Dopo Paolo Grassi, un altro uomo di teatro occuperà la poltrona più scottante della Rai: Carlo Fuortes. Si ricorderà che Paolo Grassi, intellettuale a tutto tondo, organizzatore geniale, dopo aver fondato il Piccolo Teatro di Milano e monumentalizzato Giorgio Strehler, fu chiamato alla Scala; che abbandonò nel 1977, appunto per diventare presidente della Rai. Di […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

La sentenza

Ventidue anni e mezzo di carcere: la sentenza al processo per l'omicidio di George Floyd da parte del poliziotto Derek Chauvin ha un forte valore simbolico (anche se la pena è inferiore rispetto alla richiesta). È una decisione che segna una svolta nei rapporti tra giustizia e polizia negli Usa

La sentenza che condanna Derek Chauvin, il poliziotto che a sangue freddo giustiziò nel maggio dell’anno scorso, George Floyd tenendogli premuto un ginocchio sul collo per 9 minuti e 30 secondi, mentre l’uomo, senza successo, implorava di lasciarlo respirare, è arrivata. 22 anni e mezzo. Non pochi se si pensa che una condanna di tale […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Strategia Biden

Il presidente statunitense ha rinfrancato gli alleati europei e poi ha incontrato Putin. Ha riconosciuto all'uomo forte del Cremlino una leadership innegabile e un ruolo chiave sulla scena internazionale. Ma non ha fatto sconti in materia di democrazia e diritti umani

Dopo i meeting con i leader europei, e dopo la conferenza stampa seguita al suo incontro a Ginevra con il presidente russo Vladimir Putin, proprio prima di salire sull’ Air Force One, Joe Biden ha affermato che molti rappresentanti dei governi europei non solo hanno salutato positivamente l’atteso ritorno degli Stati Uniti sulla scena internazionale, […]

continua »
Flavio Fusi
Tormentoni estivi

Scandalone Strega

Una scrittrice "bocciata" (Teresa Ciabatti) si consola a cena con il suo patrocinatore al mancato Premio Strega (Sandro Veronesi) prima di venir difesa a spada tratta dall'illustre tuttologo Aldo Cazzullo: «È un'autrice scomoda...». Insomma, un mondo letterario in affanno cerca visibilità

La notizia di oggi – anzi, dei giorni scorsi – è la clamorosa esclusione della favoritissima Teresa Ciabatti dalla cinquina finalista del Premio Strega (qui l’articolo di Lidia Lombardi). Il luttuoso evento ha gettato nel panico la nostra amata patria delle lettere. Per un momento si è temuto il peggio, finché il generoso Sandro Veronesi […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

L’allarme dei cento

«La nostra democrazia ora è a rischio. La storia ci giudicherà per quello che facciamo in questo momento»: è il grido d'allarme firmato da cento intellettuali statunitensi che accusano il Partito Repubblicano di essere rimasto in ostaggio di Trump e della destra estrema e razzista

Riportato da molti giornali nazionali, è apparso ieri un allarmante appello firmato da più di 100 intellettuali che dichiarano: “La nostra democrazia è adesso a rischio. La storia ci giudicherà per quello che facciamo in questo momento”. Sono professori di Scienze politiche, di Sociologia, di Storia, di Scienze della comunicazione e di molte altre discipline […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Fantasmi americani

A un anno dall'assassinio di George Floyd, gli Stati Uniti sono sempre più segnati dalla radicalizzazione del conflitto tra repubblicani e democratici. I venti del razzismo non si sono placati e il Paese è ancora in preda alle lobby delle armi: lo scorso week end ci sono state sparatorie in 12 stati con un totale di più di 15 morti

È passato un anno dall’omicidio di George Floyd, ucciso barbaramente a Minneapolis da un poliziotto che ha tenuto il suo ginocchio premuto sul collo dell’uomo per 9 minuti e 30 secondi fino a farlo soffocare. Dopo il video della diciassettenne Darnella Frazier, che ha filmato la scena permettendo di vedere dal vivo l’orrore di quell’ […]

continua »
Leonardo Tondo
Contro la crescita della natalità

Figli, pensioni e libertà

Gli appelli per invertire la tendenza alla decrescita italica, che non nascondono scopi economici, non tengono conto delle ragioni di donne e uomini che non vogliono essere genitori. E neppure di un’evoluzione sociale che ha aspetti e potenzialità positivi

Mettiamo una sera a cena: coppia etero collaudata, bollicine fresche, musichetta, atmosfera. Lei: «Come, niente precauzioni?». Lui: «Amore, non hai sentito Draghi e il Papa? Dobbiamo pensare alle nostre pensioni e al futuro del Paese». Dialogo tanto improbabile quanto corrispondente, in sintesi, alle motivazioni sostenute da economisti e giornalisti, prevalentemente maschi, a favore della necessità […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Gli occhi di Gaza

La nuova guerra tra Hāmas e Israele ha i contorni di un confronto politico che drammaticamente dimentica (e calpesta) i diritti degli individui. Il problema non è nel riaprire il "tavolo delle trattative" ma da dove cominciare per dare un futuro a questo tormentato pezzo di mondo

Guardo questo breve video da Gaza – ce ne sono decine in rete, in questi giorni – e non riesco a staccarmi dalla verità che le immagini raccontano.  Al centro di un paesaggio desolato di rovine e macerie fumanti che nascondono l’orizzonte, una ragazzina parla al nulla e a tutti noi, mentre l’urgenza della sua […]

continua »