22
maggio
2024

commenti

Sergio Zoppi
Riflessioni di cultura sociale

Sulla fiducia

«Malgrado gli avanzamenti della scienza e della tecnologia che hanno del prodigioso, di declino – o forse di un peggioramento – si deve prendere atto». È quanto ha detto l’arcivescovo di Milano Mario Delpini in occasione di Sant’Ambrogio. Ma è possibile costruire una “città nuova” con responsabilità e competenza?

«L’umanità tutta merita fiducia». Ci si può aggrappare a questa frase, in giorni in cui l’angoscia potrebbe attanagliarci se le possenti voci del mondo post-industriale non riuscissero pur sempre a prevalere? E ancora, è tempo di invocare «seminatori di fiducia, capaci di contribuire al futuro della città promuovendo un umanesimo della fiducia». Quelli appena riportati […]

continua »
Giuliano Compagno
In morte di un campione

Bandiera Totonno

Totonno Juliano è stato un campione-simbolo di un calcio che non c'è più. Quello che univa lo sport alla passione. Una vita intera con la maglia del Napoli a incarnare sogni e sofferenze

È da un po’ che disprezzo le miserie e gli sfarzi del calcio, è da tempo che mi tornano in mente episodi e personaggi di tutt’altre bandiere. Ho avuto la buona sorte di godermi il periodo in cui le squadre più importanti vantavano, ciascuna, la loro bandiera, ossia un calciatore che rappresentava il capitano e […]

continua »
Nicola Fano
Il caso Officina Pasolini

Salvate l’ex Civis

Da Eugenio Barba a Eduardo, breve storia dell'ex Sala Civis, oggi Teatro Eduardo De Filippo, che la politica vorrebbe cancellare. Per trasformare un piccolo gioiello dell'architettura teatrale in una sala da conferenze

Chi non c’era non può nemmeno immaginarlo. Metà/fine Anni Settanta: Roma era al centro del dibattito culturale internazionale. Fiorivano cantine teatrali, festival, occasioni d’incontro dove gli artisti di casa (teatranti, poeti, critici, pittori) si mescolavano ai luminari della scena creativa del mondo: a ripensarci oggi, pare di aver vissuto un sogno che si è trasformato […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Contro Kissinger

Una voce fuori dal coro: davvero Henry Kissinger era quell'equilibrato genio della politica che è stato dipinto in morte? Perché ci si dimentica delle sue guerre? E dei colpi di Stato che ha sostenuto in America Latina? Perfino Obama lo stigmatizzava...

L’ultima immagine che ho di Henry Kissinger, prima dell’annuncio della sua morte qualche giorno fa, risale al film Golda diretto da Guy Nattiv e uscito nelle sale in America nell’agosto di quest’anno. In esso Helen Mirren che interpreta Golda Meir in maniera portentosa deve affrontare l’attacco ad Israele perpetrato da Egitto e Siria in quella […]

continua »
Beppe Navello
Politiche culturali

Quale teatro a Roma?

Dopo anni di commissariamento, il Teatro di Roma finalmente ha un nuovo consiglio di amministrazione. Ma - aspettando un nuovo direttore - qualcuno si chiede per farne che cosa?

Il Teatro di Roma ha finalmente un consiglio di amministrazione dopo anni di commissariamento, di incertezza, di pettegolezzi e di dimissioni. Non che siano mancate personalità di rilievo negli organi aziendali ma sono state zittite dalla vocazione al patteggiamento degli incarichi e dall’ossequio nei confronti delle lobbies politico culturali. Adesso l’occasione per ripartire c’è: alla […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Addio Argentina!

Perché in Argentina ha vinto Milei? Quale demone spinge il mondo verso leadership ignoranti, sbruffone, pazze? Attenzione, però, non è solo una questione di folklore: il vero problema è la crisi della democrazia

La sera vai a letto sereno e sventato, e la mattina ti svegli con una bastonata: “ha vinto Milei”… ma come, ha vinto Milei? No llores por mi Argentina. Eppure, ero stato avvertito: successe anche sei anni fa con Donald Trump. Alle sette di mattina, ancora mezzo addormentato: “ha vinto Trump”, disse mia moglie. Ma […]

continua »
Giuliano Compagno
In margine al femminicidio

Anatema contro i (nuovi) maschi

Riflessione sui maschi e sui loro stili di vita: se, per esprimerti, non ti rimane altro che la violenza, è peggio per te. Se non hai acquisito i mezzi idonei ad amare una donna, la colpa è solo tua. Su questo, il perdono va bandito per sempre

Ho la sensazione che le analisi e i commenti spesi sull’ennesimo omicidio di una donna in Italia la stiano facendo un po’ facile. Parto dalle minime esperienze come quella di osservare il comportamento di donne e uomini portati a esercitare il loro controllo sul partner. Negli ultimi vent’anni avevo anche percepito una trasformazione non da […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Che farà Biden?

Gradimento personale basso ma ottimi risultati alle elezioni: davvero il presidente Biden deve cambiare strategia? Oppure è solo un problema di empatia e comunicazione?

A quasi un anno dalle presidenziali americane tutti si domandano se Joe Biden ce la farà a conquistare il secondo mandato. Eh sì, perché se gli exit poll lo danno in calo esponenziale (appena il 38% della popolazione adulta approva in generale la sua performance), le elezioni della settimana scorsa in Kentucky, Virginia, Ohio (un […]

continua »
Riccardo Caporossi
Un intervento tra arte e società

Teatro di guerra

Riccardo Caporossi, uno degli ultimi maestri dell'avanguardia teatrale italiana, riflette sull'arte e la guerra. Da Gerusalemme a Gaza. La disperazione di un abbraccio

Sono nato nell’anno in cui è stato costituito lo Stato di Israele. Sono stato ad Amman (Giordania) per replicare in un Teatro uno spettacolo realizzato a Roma con ragazzi sordo-muti, nell’ambito di un Convegno internazionale dedicato alla loro disabilità. In quella occasione ho visitato, nella periferia della città di Amman, insediamenti abitativi in cui vivono […]

continua »
Giuliano Capecelatro
Una voce fuori dal coro

C’è davvero domani?

Qualche considerazione (non necessariamente positiva) sul film del momento, la "favola vera" di Paola Cortellesi dedicata alla violenza dei maschi sulle donne. Forse, il tema è stato solo enunciato...

Quasi non si parla d’altro. Nelle cronache cinematografiche. Nelle chiacchiere estemporanee. Nel diuturno dibattito pubblico sui social. Commenti lusinghieri. Salve di applausi. Evviva tonitruanti. Code davanti ai cinema. C’è ancora domani, opera prima di Paola Cortellesi in veste di regista, tiene banco e scala la classifica degli incassi. Al momento dovrebbe essere al secondo posto. […]

continua »