Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Faccia a faccia sui ponteggi

Visita a Palazzo Venezia. Non solo per la X Biennale dell’Antiquariato in corso in questi giorni, ma anche per ammirare da vicino (a partire dal prossimo 8 ottobre) il restauro degli affreschi nella Sala delle Fatiche d’Ercole. Alla scoperta del loro autore…

30Palazzo Venezia continua ad aprire le porte alla gente. Non solo nell’estate appena conclusa ha spalancato il giardino interno, di giorno per chi volesse godere il fresco sulle panchine restaurate (ce n’è pure una targata “Benito”), di sera per spettacoli. Infatti in questo fine settimana, in occasione della X Biennale dell’Antiquariato, permette di varcare il […]

continua »
Nicola Fano
Visto al Théâtre du Châtelet di Parigi

Bob Wilson e Faust

Quattro riflessioni sul "Faust" di Goethe smontato e rimontato a mo' di opera rock da Bob Wilson per il Berliner Ensemble. Uno spettacolo che aggiorna il metodo brechtiano in chiave pop

Immaginate quattro Faust e tre Margherite. Immaginate che, se la moltiplicazione dei Faust può essere dettata dalla necessità (poetica) di mostrare ogni sfaccettatura del normotipo umano che vuole tutto e subito, probabilmente la scomposizione delle Margherite dipende soprattutto dalla voglia di potenziare l’impatto sonoro del personaggio per inserirlo al meglio in una sorta di musical/opera […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina americana

I volontari di Hillay

Un pomeriggio nella sede di Chicago del comitato elettorale di Hillary Clinton. A far volontariato insieme agli americani "qualunque" che vedono «a rischio il futuro di questo Paese»

Le 4 e 10 del pomeriggio, a Winnetka nel Northshore di Chicago, in una sede locale del Partito Democratico, un giorno dopo il primo dibattito nazionale tra Hillary Clinton e Donald Trump che ha avuto più di 80 milioni di spettatori. E che trova quasi tutti d’accordo, eccetto i fedelissimi di Trump, incapaci di incassare […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Cinema e malattie

Sempre più di frequente i film affrontano storie che coinvolgono individui malati. Ma spesso queste situazioni finiscono per paralizzare anche il nostro modo di esprimerle

Negli ultimi anni sono usciti diversi film imperniati su malattie nefaste e subdole, che vengono diagnosticate sempre troppo tardi e dalle quali non c’è praticamente scampo. Sembra trattarsi di un vero e proprio nuovo filone, al quale arriderebbe un certo successo, soprattutto in termini di pubblico (molto più moderatamente in termini di critica), e che […]

continua »
Paolo Petroni
Il dizionario del presente

La lingua bullizzata

Antieuro, Bancare, Bullizzare, Cattivista, Disidentità, Ecoreato, Euroburocrazia, Foreign Fighter, Mediocrazia, Svuotacarceri, Trollare: sono alcune delle nuove parole dello Zanichelli 2017. Che racconta un'Italia in grande movimento

Che ritratto dell’Italia d’oggi esce dalle nuove parole accolte quest’anno nel vocabolario Zingarelli 2017 appena uscito, nuove forme di espressione, modi di dire, sinonimi che arricchiscono il nostro linguaggio e entrano così a pieno titolo nella lingua italiana, andando a sommarsi alle oltre 145mila voci, 380mila significati di questa edizione? Ecco che sempre più gente, […]

continua »
Nike Gagliardi
Nella palude dei social media

Le bugie virtuali

Che cosa trasforma tante persone "normali" in cyberbulli? Mascheramento e narcisismo sono diventati i principi base nella nostra vita sociale. Ma solo in Rete. Come spiegano Nicola Lagioia e Chiara Volpato

Chiunque abbia un minimo di dimestichezza col mondo dei social media avrà avuto modo di assistere a una delle frequenti – e ahimè frequentatissime – “risse” virtuali che si svolgono su piattaforme quali Facebook, Twitter, Yotube e altre ancora a forza di retweet e commenti: vere e proprie lapidazioni in rete durante le quali persone […]

continua »
Pierluigi Pietricola
«Del terrorismo come una delle belle arti»

Tra storia e storiette

Il nuovo libro di Mario Perniola insegue la casualità della letteratura, sospesa tra l'arbitrio kantiano e le gerarchie hegeliane. Ma ormai senza più rapporto con i "classici"

Il nuovo libro di Mario Perniola, Del terrorismo come una delle belle arti. Storiette (Milano, Mimesis, 2016) ha mosso in me una ridda di interrogativi su quali possano essere i destini verso cui la letteratura approderà nei prossimi anni: argomento che, a mio avviso, riguarda la scrittura letteraria nel suo insieme. Definirei questo volume un […]

continua »
Maria Rosa Calderoni
A proposito di "Orgoglio e genocidio"

I nazisti felici

Alberto Burgio e Marina Lalatta Costerbosa, dati alla mano, hanno ricostruito l'agghiacciante storia dell'adesione popolare al nazismo e ai suoi orrori. Per non dimenticare

Avere a capo Hitler ed essere tedeschi felici. Anzi, orgogliosi. Anzi, sentirsi eticamente corretti. Anzi, socialmente proficui. Addirittura privilegiati (come, ad esempio, quell’indimenticabile «professore di anatomia Johann Paul Kremer che, comandato ad Auschwitz, nel suo diario si compiace dell’opportunità di prelevare materiale freschissimo di fegato, milza e pancreas dai cadaveri dei deportati uccisi con iniezioni […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Il nuovo volume del celebre critico

Segreti di Sicilia

Con Passaggio in Sicilia Massimo Onofri mescola affabulazione personale, analisi critica e racconto di viaggio. In un libro unico si sovrappongono perfettamente passioni e riflessioni

Se si vuole iscrivere l’argomento di cui tratta Passaggio in Sicilia di Massimo Onofri (Giunti) entro limiti chiaramente enunciati, e da questo ricavarne una precisa classificazione, operazione in qualche modo richiesta quando si parla di un libro, a volte addirittura necessaria, gli unici confini nei quali è possibile circoscrivere l’opera sono appunto solamente quelli che […]

continua »
Baldo Meo
La violenza e i social network

L’educazione digitale

Dietro ai casi di cronaca che hanno visto protagoniste donne vittime della Rete, c'è il segno di una società che deve imparare a convivere con i media e i diritti, allo stesso tempo

Le cronache delle scorse settimane sono state segnate da due vicende dolorose. Quella di Tiziana Cantone che si è suicidata per gli effetti devastanti di un video hard inviato a pochi amici su Whatsapp e che poi qualcuno ha pensato bene di mettere in rete e molti altri si sono incaricati con sberleffi, offese e […]

continua »