Leopoldo Carlesimo
L'ultima puntata di "Ladri di gasolio"

La fuga di Cléo

«E allora, corre di nuovo, Cléo, un’altra corsa pazza nel buio della brousse, a ritroso, fino al cantiere, al capannone del magazzino… Ci arriva col cuore in gola, senza più fiato, con la milza che picchia, furiosa»

Riassunto delle prime due puntate: nei pressi di Soronkoni, minuscolo villaggio della Moyenne Guinée, Africa occidentale, è in corso la costruzione di una diga sul fiume Konkouré. La vita delle comunità peul che abitano questo tratto d’altopiano è sconvolta dall’irruzione della macchina industriale del cantiere. Il villaggio si trasforma nel terminale del flusso di merci […]

continua »
Paola Benadusi Marzocca
“La marmellata di Nostradamus”

Predizioni ai fornelli

Storia e ricette in un singolare libro edito da Jaca Book e firmato da quattro autrici russe. Che racconta del talento culinario dell'indovino più famoso del mondo, Michel de Notre-Dame. Sapiente in decotti e in squisite marmellate, previde molto in anticipo il successo di “Master Chef”

“La marmellata di Nostradamus” (Gelija Pevzner,Tatiana Nikitina, Maria Maramzina, Olga Zolutuchina, Jaca Book, trad. dal russo Corrado Piazzatta, 65 pagine, 16 euro) è un libro singolare di storia e di ricette di cucina con smaglianti illustrazioni e raffinati disegni in bianco e nero. E soprattutto è divertente e ricco di notizie anche riguardo alle marmellate. […]

continua »
Nino De VIta
Ombre e Parole /1

‘A malata

«Lei mi po’ ddiri: ma / mori nna casa sua, / pitinnuta, ’a tiniti / cu vviatri ancora, v’a / guriti. / E chissu è veru. Ma / st’àvutra pusturata / quant’èni chi mi costa?” / “To’ muggheri, Caliddu, / chi ddici?”»

Fotografia di Re Barbus —– Vinni, sunau, trasiu ra rara, c’u trirroti, ntipatizzu ri frùttura, virduri sarvaggi, ’i trizza r’agghi, ’u finucchieddu chi cci avia raccumannatu r’attruvàrimi. Mi rici, appena scinni, chi havi prescia, chi cci havi ’a sòggira malata, anzi ’un cc’è cchiù chi ffari pi r’idda, sta ncasciannu. “Pi ora è ricoverata nno spitali […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo del Vittoriano di Roma

Pollock e il caos

Accanto a Rothko, De Kooning e tutti gli altri, una grande mostra rende omaggio alla "scuola di New York”, il gruppo eterogeneo guidato da Jackson Pollock (che però qui appare con una sola tela...)

Il Whitney museum porta in trasferta nella sale del Vittoriano di Roma un ricca antologia di autori americani protagonisti della rivoluzionaria stagione dell’informale che, a cavallo degli anni Cinquanta, spostò Oltroceano il baricentro del sistema dell’arte. Jackson Pollock e la scuola di New York è il titolo della mostra che resterà in cartellone fino al […]

continua »
Luca Fortis
All'Orto Botanico di Napoli

L’arte quantistica

Le opere "quantistiche" di Caroline Peyron raccontano la luce: attraverso un vetro o su un muro, queste immagini esprimono lo stupore di fronte alla vita e alla natura

I raggi attraversano le vetrate della serra dell’Orto Botanico di Napoli, la polvere in controluce crea mille geometrie possibili. Ricordano quasi le rappresentazioni del senso dell’infinito che si ritrovano nei mosaici geometrici islamici delle cupole delle moschee di Isfahan. Gli alberi e le piante del giardino appaiono tra i vetri dell’antico edificio, ma non sono […]

continua »
Mario Dal Co
L'incontro di Bologna

Un vento di pace

Mai come in questo momento, "Ponti di pace" - l'iniziativa religiosa e culturale, ma in fondo anche politica, promossa dall'Arcidiocesi di Bologna e dalla Comunità di Sant'Egidio - è apparsa come un frammento di futuro al quale aggrapparsi. Per ritrovare il senso della speranza

L’Assemblea che ha aperto l’incontro di preghiera “Ponti di pace” promosso dall’Arcidiocesi di Bologna e dalla Comunità di S. Egidio presieduta da Marco Impagliazzo si è tenuta al Palazzo dei Congressi di Bologna, in una serata che sembra di primavera, anche se è il 14 ottobre 2018. Rendo questa cronaca dettagliata ai lettori di Succedeoggi, […]

continua »
Arturo Belluardo e Roberto Cavallini
Un'iniziativa con la Tevere Art Gallery di Roma

Parole e ombre

Da domani su Succedeoggi parte il progetto “Parole e Ombre”, curato da Arturo Belluardo e Roberto Cavallini. Una serie di racconti inediti illustrati da fotografi italiani che il 23 novembre andranno in mostra a Roma

Da domani, ogni martedì e venerdì, Succedeoggi torna a rendere fratelli arte e narrativa. Dopo il successo delle serie di Testo a fronte, le rassegne di racconti illustrati dagli artisti della Galleria Porta Latina di Roma, stavolta a gemellarsi sono narratori e fotografi. L’idea è stata quella di far dialogare tra loro linguaggi diversi, artisti della […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Tempo di poesia

«Tutto è nel tempo, fuorché il tempo stesso»: a partire da questa affermazione di Emile Benveniste si può andare a scandagliare il rapporto tra la parola e la fisica

In una pagina curiosa, seminascosta in un rigorosissimo saggio dal titolo “Il linguaggio e l’esperienza umana” che figura nella sua opera maggiore, i Problemi di linguistica generale, Emile Benveniste si lascia trascinare verso un excursus sul tempo, come se, arrivato a un certo punto della sua esposizione, non potesse sottrarsi al fascino dell’argomento. “Tutto è […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Il soffio di Wright

L’autore americano che si scoprì poeta leggendo Pound sulle rive del Garda, e che ha eletto a suoi maestri anche Dante e Montale, ha una voce che “suona come vento da una caverna”. Tra i maggiori nel panorama poetico americano spesso dominato dal minimalismo

La lingua di Charles Wright ha una magmaticità evocante quasi intraducibile, il suo americano suona come vento da una caverna. La seria e onesta traduzione dei suoi versi ne rende il senso e il pensiero, ma solo una riscrittura di anima affine potrebbe coglierne il soffio onirico e plasmante. Nel mese di marzo del 1959, […]

continua »
Sandro Naglia
Incontro con Teresa Maresca

La pittura racconta

È ispirato a due poems di Walt Whitman “Song of myself”, il nuovo ciclo pittorico dell’artista che sarà esposto dal 14 ottobre alla Galleria d’Arte Moderna di Genova. Una ventina di opere che proseguono il lavoro sul paesaggio americano, già affrontato in “Americana” e “Swimming pools”…

Sarà per deformazione professionale, ma la prima cosa che mi ha colpito di Teresa Maresca quando ci siamo conosciuti telefonicamente, è stata la sua voce. Una voce gentile e carezzevole, serena e solare, di una persona con cui è facile entrare in sintonia. Come infatti è avvenuto fin dal primo momento. Poi le sue nuove […]

continua »