Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Borges e l’altro Ulisse

Lo scrittore argentino - saggista, narratore, poeta - è un grande a tutto tondo. Straordinaria la sua visione dell’eroe greco ritornato in patria, che dopo aver fatto giustizia riposa finalmente nel talamo abbracciato a Penelope: dov’è Nessuno?

Borges, uno dei più clamorosi Nobel negati di sempre, accanto a quelli a Luzi, Bonnefoy e altri – e accanto a quelli giustamente assegnati nel recente passato (Soyinka, Walcott, Heaney, Milosz) – è l’esempio unico, nella modernità, di scrittore totale. Spesso il grande poeta è saggista, a volte anche narratore, e che un romanziere sia […]






continua »
Luca Fortis
Incontro con l'artista franco-italiano

Nuovissimo flamenco

«Il flamenco non è come le altre musiche: è un’arte che ti permette di sfogare tutta l'intensità che hai dentro». Parla Alexis Lefevre, un musicista "etnico", diviso tra Positano e Siviglia

I passi di flamenco e gli accordi del violino riecheggiano sulle onde del mare di Positano. Onde che collegano le spiagge della Costiera Amalfitana a quelle dell’Andalusia e del Mediterraneo in generale. L’acqua, in fondo, permette di arrivare perfino in Argentina se la si sa navigare: ecco che la splendida musica di Alexis Lefevre ci […]






continua »
Vincenzo Nuzzo
Lezione (contemporanea) di filosofia

Fisiologia del male

Sulla spinta del pensiero di Hannah Arendt, quasi per dimenticarla, la società si è scrollata di dosso qualunque preoccupazione morale: l’etica è diventata qualcosa di così scontata da non meritare alcuna attenzione...

Hannah Arendt è ben nota per aver sottoposto all’attenzione di tutti il tema della «banalità del male» quale spiegazione profonda dell’Olocausto. Tuttavia non credo che, della discussione insorta a suo tempo intorno a questo tema – era il tempo dei grandi processi celebrati contro i criminali di guerra nazisti –, si sia conservata quella che […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Sinfonia in verde

Irrinunciabile una visita (su appuntamento) ai Giardini della Mortella a Ischia, il parco floreale creatura e dimora del compositore inglese William Walton e di sua moglie Susana. Ora fondazione privata, è un luogo che mantiene intatte le sue bellezze, a differenza della vicina villa La Colombaia di Luchino Visconti che il Comune di Forio sta condannando all’abbandono

L’inverno può essere colori, odori, natura fiorente di un giardino mediterraneo. Visitabile anche nella stagione fredda, a carpire verdi, rossi, gialli, sullo sfondo del mare. Succede a Ischia, l’Isola verde, e quest’anno una passeggiata nei Giardini della Mortella può anche avere il valore di sfida nel ricordo del terremoto che ha colpito ad agosto scorso […]






continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Mostri d’America

Dopo il caso Weinstein, negli Stati Uniti ci si interroga sul senso culturale del «Sexual harrasment». E ci si comincia a chiedere: perché proprio qui? E se il sogno americano fosse diventato un incubo?

La marea ormai non si ferma più. Si alza in maniera continua e rischia di sommergere vip di ogni tipo e di ogni settore. Infatti continuano a fioccare le denunce di centinaia di donne e il problema non accenna a fermarsi. Ogni giorno si allarga a macchia d’olio da quel 6 ottobre in cui Harvey […]






continua »
Paola Benadusi Marzocca
“Un amore adolescente” di Helga Schneider

Il riscatto di Liesèl

Nell’Austria postbellica, una giovane fa i conti con il passato oscurato dalle contraddizioni dell’Anschluss e si misura con un futuro minato da insicurezze e dolori. È un bell’affresco storico oltre che dell’età giovanile il nuovo romanzo per young adults dell’autrice di “Stelle di cannella”

Helga Schneider nel suo ultimo romanzo, Un amore adolescente (Salani, 352 pagine, 14,90 euro), offre un affresco magistrale dell’età giovanile con le sue impennate, le sue frustrazioni, le sue speranze. Con nitida chiarezza l’autrice dell’indimenticabile Stelle di cannella (Salani), attraverso la figura di Liesèl, proietta il lettore in un periodo storico ricco di contraddizioni e […]






continua »
Raffaella Resch
Paul Klee a Basilea

L’occhio della mente

Per il pittore svizzero l’astrazione non è una strada a senso unico, ma procedimento e obiettivo al tempo stesso. Un percorso di ricerca teso alla semplicità di espressione, una forma in divenire. Aspetti che la mostra alla Fondation Beyeler indaga attraverso 110 opere “di prima classe”

In Italia Klee è molto amato, eppure molti aspetti della sua arte, se non anche della sua vita, sono ancora poco noti. È piuttosto curioso ad esempio che ci si confonda sulla sua nazionalità: in effetti, nato a Münchenbuchsee nei pressi di Berna da padre tedesco e madre svizzera, l’artista chiederà la cittadinanza elvetica nel […]






continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Quaranta volte Matera

All'American Academy di Roma, quaranta fotografie dagli anni Trenta a oggi raccontano una città (Matera con i suoi Sassi) quasi sospesa nell'eternità della sua immobile meraviglia

Restano ancora una decina di giorni per chi voglia andare a vedere l’interessante e stimolante mostra fotografica su Matera e dintorni all’American Academy di Roma, prima che la stessa si trasferisca proprio a Matera, a Palazzo Lanfranchi, dove resterà visibile e visitabile fino al 4 febbraio del 2018. Inaugurata lo scorso 12 ottobre e curata […]






continua »
Danilo Maestosi
Alla Fondazione Nomas di Roma

Eisenstein segreto

La “Corazzata Potemkin” non era una boiata pazzesca. E il suo autore, Sergei Eisenstein, era anche un raffinato disegnatore. Ce lo rivela una mostra davvero preziosa

Un intellettuale onnivoro e fragile, sensuale e crudele fino al sadismo, così sincero e curioso di sé e del mondo, da non esitare a mettere a nudo le sue debolezze per comprendere e rappresentare le debolezze dell’umanità in cerca di riscatto. È il ritratto mai visto e fuori copione del regista Sergei Eisenstein, padre fondatore […]






continua »
Marco Ferrari
A proposito di “Lettere a Bruna"

L’Ungaretti innamorato

Arriva in libreria la corrispondenza amorosa tra Ungaretti e l'italo-brasiliana Bruna Bianco: storia mitica di un grande poeta «demente d'amore» per una ragazza «rossa come il fuoco»

Era il 1936 e su invito del Pen Club Giuseppe Ungaretti viaggiò in Argentina: il figlio più noto dell’emigrazione italiana – era nato ad Alessandria d’Egitto nel 1888 da genitori lucchesi – declamava i suoi pensieri ermetici a quella che Borges definiva Europa rovesciata e depositata dall’altra parte dell’Atlantico. In quella occasione gli venne offerta […]






continua »