Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

Ultimo Indiana Jones

Un'avventura tutta nostalgia e effetti speciali chiude la lunga saga di Indiana Jones con un grande Harrison Ford. Un'avventura attraverso il tempo, nella speranza di sconfiggerlo

È questione anagrafica: Indiana Jones è il personaggio cinematografico che più di qualunque altro ha attraversato la mia vita affollata di film. Personaggio-icona, l’eroe senza macchia e senza paura inventato da quel gran genio di Steven Spielberg che, a dispetto delle nostre illusioni perdute, capì oltre quarant’anni fa che il cinema aveva bisogno di tornare […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

Contro la vecchiaia

“Plan 75”, il nuovo film di Hayakawa Chie immagina un futuro nel quale lo Stato organizza l'eutanasia obbligatoria dei vecchi. Un'opera inquietante che suggerisce una soluzione alternativa: l'incontro tra le generazioni

Odio l’estate, arriva il caldo africano (forse) e le sale chiudono in attesa della mostra del cinema di Venezia e delle novità autunnali. Mi consolo sapendo che dal 24 giugno al 2 luglio tornerà a Bologna, la mia meravigliosa città cinematografica, “Il cinema ritrovato”, oasi luminosa in questi tempi bui dedicata quest’anno a due primedonne […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

L’amore, alla fine

“Spoiler alert”, nuovo film di Michael Showalter, parte come una pellicola sul dolore e invece è una bella parabola sull'amore allegro e vita tra due giovani newyorchesi. Ed è un caso che la malattia ci si metta di mezzo...

Ci avviamo alla pausa estiva, per vedere i film passati a Cannes dovremo attendere settembre e i mesi seguenti. Ma è ancora possibile scovare in sala qualche pellicola interessante. È il caso di Spoiler alert, il film del pirotecnico Michael Showalter (attore comico, sceneggiatore, produttore, regista di serie tv e cinema, tra i suoi titoli […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

Dalí senza cinema

Delude “Dalíland”, il film della regista canadese Mary Harron sugli ultimi anni di vita di Salvador Dalí. Sceneggiatura piatta, riprese prevedibili; si salva solo Ben Kingsley trasformato nel sosia dell'artista...

Lo confesso, dopo un poker di film bellissimi ma emotivamente impegnativi – As bestas, Plan 75, L’amore secondo Dalva e Rapito – avevo bisogno di una pellicola all’insegna della leggerezza. Sono stata accontentata, perché indubbiamente leggero è Dalíland, il biopic sugli ultimi anni di Salvador Dalí della regista canadese Mary Harron (firmò American Psycho cui […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

La bestia della paura

“As Bestas”, il nuovo film di Rodrigo Sorogoyen, è un apologo sulla paura raccontata attraverso la storia di una piccola comunità galiziana che "aggredisce" una coppia di francesi

Se esistesse un Premio Strega per i film usciti in questi mesi, As Bestas rientrerebbe di diritto nella cinquina dei finalisti. L’ho visto solo qualche giorno fa, a oltre un mese dalla sua uscita in sala, cosa stranissima sia perché il mio critico di riferimento Michele Anselmi l’aveva fortemente raccomandato, sia perché mi piace vedere […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

Il caso Bellocchio

"Rapito", il nuovo film di Marco Bellocchio appena presentato a Cannes è potente, ben illuminato e ben recitato. Non è una pellicola di denuncia contro la Chiesa cattolica, ma una riflessione su quale sia il peso di una violenza sull'identità di un bambino

Marco Bellocchio, magnifico ragazzo di quasi 84 anni, è l’ultimo maestro del nostro cinema e il suo film Rapito, appena proiettato a Cannes e da oggi nelle sale, ha la potenza visionaria che solo le grandi pellicole hanno. È facile prevedere che, comunque vada il Palmarès, sarà tra i migliori film di quest’anno. Cosa vuole […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

Fassbinder resuscitato

Con “Peter von Kant” François Ozon rende omaggio a Rainer Werner Fassbinder. Ma il suo non è solo un remake del celebre film del 1972. È anche una riflessione sulla fragilità (e la vanità) del cinema

Ecco un film che manda in brodo di giuggiole chi ama il cinema. Peter von Kant di François Ozon è un omaggio, dichiarato fin dal titolo, al primo film di Rainer Werner Fassbinder, Le lacrime amare di Petra von Kant, 1972, sei donne in scena tra le quali Hanna Schygulla. Era, come dicono gli esperti, […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

La felpa del dolore

“L’amore secondo Dalva” di Emmanuelle Nicot è un film da non perdere. Ritmo serrato e nessuna concessione al voyerismo per raccontare la storia di un abuso. E suggerire come sia possibile uscirne per ritornare alla vita

Segnatevi questo nome, Emmanuelle Nicot, è franco-belga, ha 37 anni e ha fatto il suo primo film distribuito dalla benemerita Teodora Film: L’amore secondo Dalva. Quando ho scoperto che raccontava la storia di un incesto – apparentemente è questo il soggetto della pellicola, in realtà è un altro – ho pensato: è una donna temeraria, […]

continua »
Ida Meneghello
Il cinema de laMeneghello

No, Moretti no!

"Il sol dell'avvenire”, il nuovo film di Nanni Moretti che ha scatenato le opposte tifoserie (e sarà presentato in concorso a Cannes), poteva essere un apologo sul Pci e invece è un catalogo di auto-citazioni

Con questo articolo Ida Meneghello inizia a collaborare con Succedeoggi. Firmerà una rubrica di recensioni cinematografiche. È uscito un mese fa e ancora ne stiamo parlando. E ne riparleremo in questi giorni di Cannes (dove il nuovo film di Nanni Moretti, Il sol dell’avvenire, sarà in concorso). Da anni non mi succedeva di discutere così […]

continua »