4
dicembre
2022

arti

Danilo Maestosi
Verso Expo 2015

Ritratto di Sicilia

Prima Pirandello e Guttuso, poi Consagra, Accardi, Franchina e Sanfilippo, quindi Giacomo Alessi e Carmelo Candiano: parte da Favignava una mostra dedicata a un'isola

«Artisti di Sicilia». Il titolo della mostra, ideata da Gianni Filippini e sponsorizzata dalla Fondazione Roma, in cartellone fino ad ottobre a Favignana, nei padiglioni dell’ex tonnara Florio da poco restaurata, dà già l’idea di un ritorno al passato. Chiamare a raccolta e portare in passerella oltre cento artisti a rappresentare una sola regione ci riporta […]

continua »
Danilo Maestosi
Esposizione al San Michele di Roma

Penombra di donne

Un libro e una mostra riportano l'attenzione su una grande fotografa, Sebastiana Papa, che con il suo obiettivo, nei monasteri del mondo, ha cercato di fissare la dimensione femminile della sua essenza più assoluta

Da quando negli anni Sessanta ha iniziato a registrare i riflessi del suo sguardo sul mondo nel piccolo grande specchio della sua Leica Sebastiana Papa (1932-2002) si è interrogata e ci ha costretto ad interrogarci sul senso misterioso e sfuggente della vita, del sacro, dell’essere donna. Così forte e intensa l’urgenza di queste domande da […]

continua »
Nicola Fano
Ricordo di un artista irregolare

Dondero e il caso

È morto Mario Dondero. Uomo speciale e grande fotografo che sapeva raccontare la vita senza la retorica della “verità assoluta“: perché faceva finta di cogliere la realtà solo nella casualità

È morto Mario Dondero. Era un uomo strano; un grande fotografo. Non inseguiva i miti né i grandi scatti: solo la realtà; anche quando non era bella. Era uno che con la sua Leica rubava i segreti della vita. Un’espressione desolata, un fiammifero che non si accende, un imbarazzo improvviso, una gioia incontenibile, una geometria […]

continua »
Danilo Maestosi
All'Accademia francese di villa Medici

Il Barocco dal basso

Caravaggio, Bartolomeo Manfredi, Giovanni Lanfranco, Simone Vouet, Nicolas Regnier, Peter van Laer: una bella mostra, «I bassifondi del Barocco», testimonia la miseria e il mito del popolo romano nelle tele dei pittori che scelsero osti e puttane come i loro dèi

Brutti, sporchi e cattivi. Tre secoli e mezzo prima del film di Ettore Scola, la Roma dell’emarginazione e della povertà si rappresentava già così, truffaldina e gaglioffa, spudorata e vitale, malinconica e vendicativa. Ma era la pittura ad anticipare il realismo in presa diretta del cinema, il cinismo sbruffone e l’etica per tutte le tasche […]

continua »
Nicola Fano
Cartolina da Parigi

L’armadillo di Piano

Il nuovo Centro Jérôme Seydoux-Pathé, ridisegnato da Renzo Piano, è un armadillo in gabbia che cerca di rompere i vincoli del passato. Solo in Italia questo confronto tra storia e contemporaneità è bandito

La notizia ha fatto il giro del mondo, come merita ogni nuova creazione d’un’archistar. Poche settimane fa è stato inaugurato l’armadillo di Renzo Piano, un intervento estremamente significativo nel cuore del Centro Jérôme Seydoux-Pathé alle spalle di Place d’Italie, a Parigi. Il grande architetto ha realizzato all’interno dell’edificio storico una struttura a cupola irregolare, con travi di […]

continua »
Luca Fortis
Poesia&Pittura da sabato in mostra a Napoli

Per voce e colore

Interiorizzare la tecnica fino a renderla naturale, e solo allora abbandonarsi all'ispirazione. È così che dalla collaborazione tra il poeta Roberto Gaudioso e l’artista Emanuele Gregolin è nata “Precessione”, dove la contraddizione trova equilibrio e la complessità diventa semplice...

Negli anni ho visto centinaia di volte la luna riflettersi sul mare della costiera amalfitana, mentre l’odore del gelsomino, dei limoni e l’aria marina mi inebriavano come solo in quel luogo può accadere. Quante notti, quanti bicchieri di vino, quanti racconti ho sentito sotto quel pergolato di quella casa con le cupole bianche che mia […]

continua »
Erminia Pellecchia
Una bella mostra al Maschio Angioino

Il sindaco pittore

Con “Da Guttuso a Matta. La collezione Valenzi per Napoli”, la città rende omaggio a un politico atipico: intellettuale ma vicino alla gente come pochi dopo di lui. L'inventore della "primavera" napoletana

C’è un presente che è appena ieri, cancellato dalla fuga ineluttabile del tempo. Ci sono personaggi straordinari la cui storia, sia pur recente, resta patrimonio di chi l’ha condivisa, vissuta, assaporata. C’è un luogo di luci e ombre, addormentato ma pronto a risvegliarsi come il vulcano che lo domina. C’è una capitale della cultura che […]

continua »
Rita Pacifici
Una grande mostra a Padova

L’attimo secondo De Nittis

Centoventi opere che testimoniano la sua vocazione: osservare la natura con in mano tele e colori, fissare appunti visivi del paesaggio che lo circonda

In Colazione in giardino di Giuseppe De Nittis, la gioia di vivere scorre in superficie, la percezione di una felicità delle piccole cose è palpabile. Nulla turba la scena famigliare, colta nell’intenso chiaroscuro delle luci estive. L’amatissima moglie e musa del pittore, Leontine, è di profilo nell’abito grigio perla. Il piccolo Jacques guarda altrove, distratto […]

continua »
Erminia Pellecchia
Giornata della memoria/2

Sbarco in Italia

Se passate da Salerno non potere evitare una visita al Museo dello sbarco. Un luogo di sogni e di dolore, di sangue e di illusioni per raccontare un momento critico della storia del Novecento

Duecento miglia al giorno a bordo di una Mb Willys, la jeep adoperata per le operazioni di collegamento nel teatro di guerra del 1943. Dieci giorni a macinare chilometri, partenza Londra, giù, sempre più giù, dopo aver attraversato la Manica, la Francia, il Frejus, una corsa fino a Salerno per arrivare puntuale, dopo 70 anni […]

continua »
Danilo Maestosi
Al Museo del Corso della Fondazione Roma

L’urlo del CoBrA

Karel Appel, Constant, Corneille, Asger Jorn, Christian Dotremont: una grande mostra racconta il gruppo CoBrA, ultima fiammata d'avanguardia della (dolorosa) pittura del Novecento

Per una volta è giusto partire dai titoli di coda. Balzano agli occhi nomi di artisti tedeschi, olandesi, belgi, scandinavi, inglesi sconosciuti al grande pubblico, dimenticati anche dagli addetti ai lavori, almeno in questa provincia dell’Occidente che è l’Italia. C’è persino un autore che sventola la bandiera d’un paese, l’Islanda, escluso dalla pigra mappa geografica […]

continua »