21
luglio
2024

arti

Erminia Pellecchia
In mostra fino all'8 marzo

Quell’astrazione lirica

La galleria Arcos di Benevento dedica una grande retrospettiva a Antonio Lombardi, il pittore/chirurgo amico di poeti e scrittori a Roma negli anni Ottanta e Novanta

Un cunicolo dove le tenebre sono squarciate dal colore, un cammino nel sottosuolo scandito dalla teoria di archi tufacei e nicchie “illuminati” da presenze luminose. È una bella scoperta l’Arcos di Benevento, il museo del Sannio dedicato all’arte contemporanea e nato, nei sotterranei del palazzo della Prefettura, grazie all’intuizione, la caparbietà, l’impegno di Ferdinando Creta […]

continua »
Simonetta Milazzo
Una mostra da non perdere

L’arte è natura?

Il Museo Bilotti di Roma rende omaggio a Claudio Palmieri pittore e scultore: un artista che ha sempre cercato la luce nel buio e «l'anti-naturalismo nella natura». In un continuo gioco di contrasti

Trenta anni di attività. Claudio Palmieri li celebra con una mostra antologica “a tema” e il Museo Bilotti di Villa Borghese a Roma la ospita, con ingresso gratuito, fino al 12 aprile 2015. “NATURAL-MENTE”, questo il titolo, è un’ampia selezione di sculture, pitture e fotografie che tracciano un percorso che si snoda in un esauriente […]

continua »
Lidia Lombardi
Un’importante mostra al Quirinale

I “fumetti” di Pontormo e Bronzino

Il presidente Mattarella apre al pubblico la “casa di tutti gli italiani” e lo fa con l’eccezionale esposizione degli arazzi medicei disegnati dai due grandi maestri del Rinascimento, assistiti da Francesco Salviati. In 20 pannelli di straordinaria manifattura la storia paradigmatica del probo Giuseppe

Raffinati quanto solo l’arte del Rinascimento poteva fare. Conservati in due dei più carismatici scrigni monumentali d’Italia, il Quirinale a Roma, Palazzo Vecchio a Firenze. Restaurati dai nostri impareggiabili artigiani. Biglietto da visita della supremazia artistica e manifatturiera italiana. Insomma, brand del Belpaese. Ecco che cosa sono i venti arazzi esposti da oggi al Quirinale […]

continua »
Giuliano De Risi
Ai Musei Capitolini di Roma

La crisi, 1800 anni fa

Una grande, bella mostra ripercorre «L'età dell'angoscia» nell'Impero Romano del III Secolo. Una stagione difficile, così lontana eppure così vicina alla nostra contemporaneità

Angoscia: in campo psicologico il termine designa uno stato doloroso di ansietà. Nella tradizione filosofica, la parola assunse un significato definito con Soren Kierkegaard che descrisse lo stato di smarrimento che l’uomo prova quando è posto di fronte all’incertezza e all’ndeterminatezza della sua esistenza. A differenza della paura, indispensabile meccanismo di difesa che scatta in […]

continua »
Silvio Perrella
Uno scrittore in visita

Gabbie a Milano

Chagall, Van Gogh, Giacometti, Bramante: a zonzo per le mostre della città. E alla fine un solo elemento unifica tutti gli sguardi, tutti gli artisti. Al di là dei tempi e degli stili. Forse, il problema, è proprio nel «guardare»

1. Inizio d’anno. A Milano. Giornate senza pioggia, non freddissime, luce geometrica. Si va a passeggio con gli occhi che cercano dettagli. Comparazione di Gallerie: quella di Napoli ha un’ariosità maggiore in alto; questa meneghina è più risolta in basso, e inoltre è stata fatta atterrare tra le due maggiori piazze della Città: tra il […]

continua »
Danilo Maestosi
Un saggio su "Arte e potere"

L’arte è merce?

Jeff Koons e Cattelan resteranno come Michelangelo e Caravaggio? Se lo domanda Roberto Gramiccia, cercando di capire quando l'arte, mercificata, ha smesso di rappresentare il mondo e l'uomo

La bellezza può salvare il mondo. Così un secolo e mezzo fa Dostoevskij assegnava al linguaggio profetico dell’arte un traguardo sublime di liberazione e speranza. Centocinquantanni dopo, nel suo saggio Arte e Potere (Ediesse, 219 pagine,13 euro) Roberto Gramiccia, medico, collezionista, critico e scrittore ribalta questa prospettiva. La trasforma in una domanda provocatoria che battezza […]

continua »
Danilo Maestosi
Inchiesta sul futuro di Roma

Il Parco Colosseo

La commissione insediata dal Mibac ha concluso i lavori. E ha suggerito di creare un grande sistema archeologico dal Colosseo al Circo Massimo a Colle Oppio. Ma non ha sciolto il nodo di via dei Fori Imperiali

Finalmente una scintilla d’immaginazione a riaccendere la speranza che possa rimettersi in moto il grande progetto di sistemazione dell’area archeologica centrale di Roma! Un progetto presentato come perno del rilancio della capitale all’inizio degli anni Ottanta dal sindaco Luigi Petroselli e poi, dopo varie e parziali campagne di scavi delle antiche piazze sepolte sotto via […]

continua »
Lidia Lombardi
Al Teatro Argentina

Sulle tracce di Cesare

Con una lezione/spettacolo sui luoghi di Giulio Cesare e dei congiurati, il Teatro di Roma ha aperto una serie di iniziative dedicate alla spettacolarizzazione dell'archeologia

C’è stato un momento nella storia di Roma che ha segnato il punto più basso e insieme la risalita della china fino a quello più fulgido. Il baratro è stato l’uccisione di Cesare. Poi il cammino spedito – e insperato – verso l’età dell’oro e della pax di Ottaviano Augusto. Di questo snodo della civiltà […]

continua »
Simonetta Milazzo
A Palazzo Barberini

La vita di Piero

Completato il difficile restauro, è esposto a Roma, solo per pochi giorni, un capolavoro di Piero di Cosimo: un tondo cinquecentesco che raffigura il mistero della vita

Il mondo conosce Piero di Cosimo; non tanto perché si vengono a visitare sedi museali italiane, bensì perché i dipinti del pittore rinascimentale e i suoi disegni preparatori di elaborazione e studio sono conservati in musei dislocati in vari continenti; per citarne alcuni, negli Stati Uniti sue opere sono ospitate alla National Gallery di Washington, […]

continua »
Danilo Maestosi
Alla Galleria Studio S di Roma

Ritratto d’un critico

Una bella mostra rende omaggio a Domenico Guzzi, un critico che ha accompagnato mezzo secolo di arte romana, da Carrà e De Chirico fino a Mulas e Calabria

Fa vibrare le corde della commozione la mostra che la Galleria Studio S di via della Penna a Roma tiene in cartellone fino a tutto gennaio. E fa già quasi evento, perché è raro che l’arte di oggi, così avvitata su se stessa, così irrazionalmente razionale, anteponga il pathos al logos, la rivisitazione del passato […]

continua »