11
luglio
2020

commenti

Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

La guerra di Trump

Il presidente, sempre più inetto a governare la crisi sanitaria e quella legata alle proteste contro il razzismo, ha chiamato nuovamente alla crociata gli americani: «Il fascismo di sinistra vuole cancellarci!»

Questo 4 di luglio per gli Stati Uniti è stato diverso da molti altri. Perfino da quello che seguì l’11 settembre 2001, l’anno dell’attacco alle Torri Gemelle. Quello fu, è vero, di grande dolore, ma anche di grande unità ed empatia: la comunità nazionale si strinse intorno a un presidente che, seppure in generale non […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Fuori dalla scuola

In questi giorni, la discussione sulla scuola si misura in metri: metri di distanziamento. Eppure è di quel che capita fuori che occorrerebbe discutere. Per capire come far entrare la vita nelle aule. Come quella volta in cui i Beatles...

A scuola ora si fanno i conti. Si misura, soprattutto. È una questione di metri quadri. Anzi, da qualche giorno la controversia verte innanzitutto sulla distanza lineare. Un metro tra un banco e l’altro o, meglio, un metro che separi le bocche e gli eventuali aliti malsani che da esse provengono. Insomma è necessario ci […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

La “brutta” scuola

La ministra Azzolina promette una rivoluzione (anche) della bellezza: il dopo-Covid sarà l'occasione per rinnovare gli spazi scolastici. Ma se gli edifici scolastici perderanno la loro tradizionale bruttezza, sarà una vera rivoluzione. Verso un nuovo senso estetico...

La ministra Azzolina promette una rivoluzione (anche) della bellezza: il dopo-Covid sarà l’occasione per rinnovare gli spazi scolastici. Ma se gli edifici scolastici perderanno la loro tradizionale bruttezza, sarà una vera rivoluzione. Verso un nuovo senso estetico…

continua »
Giuliana Bonanni
Finestra sul mondo

Decolonizzare Oxford

Il movimento pacifista che vuole togliere dalla facciata dell'università di Oxford la statua di Cecil Rhodes (benefattore e schiavista) ha vinto. Il board del college ha detto di sì: la memoria razzista è entrata in crisi ovunque

Il movimento pacifista che vuole togliere dalla facciata dell’università di Oxford la statua di Cecil Rhodes (benefattore e schiavista) ha vinto. Il board del college ha detto di sì: la memoria razzista è entrata in crisi ovunque

continua »
Danilo Maestosi
I fuochi d'artificio della capitale

Roma senza estate

L'amministrazione grillina di Roma manda in pensione lo storico logo "Estate romana” che per quattro decenni ha segnato l'identità della città nel mondo. Davvero era necessario? E, perché, ancora una volta, provocare una tempesta in un bicchier d'acqua (senza un vero progetto)?

L’amministrazione grillina di Roma manda in pensione lo storico logo “Estate romana” che per quattro decenni ha segnato l’identità della città nel mondo. Davvero era necessario?

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

La vendetta di Bolton

John Bolton, falco tra i falchi, ha dichiarato guerra a Trump: incompetente, ignorante e soprattutto attento solo ai propri interessi commerciali. Il giudizio del presidente espresso dalla sua parte politica è impietosa. Ma servirà a abbatterne il mito popolare?

Chi vincerà nella guerra tra Bolton e Trump? Chi alla fine ne trarrà davvero giovamento? Al momento il colpo segnato da Bolton sembra favorire l’ex consigliere per la sicurezza nazionale dell’amministrazione Trump. John Bolton, dopo avere ricoperto questo incarico dal 2018 fino al 2019 quando fu licenziato in tronco da Trump, ha infatti appena scritto […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

L’esame di Leonard

Leonard è nato nello Sri Lanka ma è in Italia da quando aveva un anno. Per lui, l'esame di maturità è un passaggio particolarmente importante: il segno di una scommessa vinta. Ma è una scommessa vinta anche dalla scuola pubblica

È una bella giornata di sole, tira una brezza leggera, la temperatura a metà mattinata è piacevole. Sembra una di quelle estati di qualche anno fa, quando ancora non si parlava di effetto serra e l’aria condizionata non rappresentava una necessità imprescindibile già alle dieci del mattino. L’aula è posta al primo piano e affaccia […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Italia-Germania 4-3. L'amarcord

Messico e nuvole

La nostra inchiesta sulla "partita del secolo” ai Mondiali di calcio del 1970 si chiude con otto racconti personali. Otto storie di passione improvvisa, quando gli italiani, senza rendersene conto, si scoprirono un popolo di tifosi

Ora tutto è finito, tranne i ricordi diceva in qualche film Woody Allen. Che è una battuta nel copione. Ma è difficile scriverne – dei ricordi – con leggerezza eludendo la pallosità della vecchiaia. Mi chiedo quindi se sia stata una buona idea chiamare un po’ di gente e chiedergli: «Ma tu la notte di […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
Ultimo banco

Smemorata maturità

Senza riti collettivi e senza brindisi a decretare riscatto e liberazione, senza prova d'italiano e con l'incertezza che avvolge il colloquio in mascherina: arriva il più anomalo degli esami di maturità. Ci sarà qualcosa da ricordare?

Ricordo piuttosto nitidamente la sera del 30 giugno del 1976. Cominciava infatti, sarebbe dovuta cominciare, la mia notte prima degli esami. Allora, in verità, non si chiamava così, o meglio non era entrata con questo titolo nell’immaginario di tutti. Era una notte prima degli esami senza la ben nota canzone di Antonello Venditti, che sarebbe […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Italia-Germania 4-3/La partita

Quelli dell’Azteca

Un golletto di Boninsegna al 10', poi ottantadue minuti di assedio fino al pareggio assurdo di Schnellinger. Fu a quel punto che cominciò la “partita del secolo”. Con colpi di scena, drammi e braccia al cielo. Nella seconda puntata della nostra inchiesta, la cronaca di un evento che ha fatto la storia dello sport

«Ascoltatori italiani buonasera in diretta via satellite dal Messico. La nazionale italiana con le belle e precedenti prove, specialmente con la partita contro il Messico nei quarti di finale, ha conquistato il diritto di disputare allo stadio Azteca la semifinale per il campionato del mondo…». Cinquant’anni fa, Nando Martellini cominciava così nel suo stile asciutto […]

continua »