Luca Fortis
Visto al Teatro Ulpiano di Roma

Dark Queen Elena

Stefano Napoli continua a raccontare i miti attraverso il gioco del travestimento. Ora tocca a Elena di Troia vestire le meraviglie delle Folies Bergère

Torna a teatro il secondo ciclo delle dark ladies di Stefano Napoli. Un teatro sperimentale in cui femminile e maschile sfumano e diventano quasi interscambiabili. Beauty Dark Queen lo strano caso di Elena di Troia va in scena fino al tre dicembre al teatro Ulpiano di Roma. Abbiamo incontrato il regista. “Beauty Dark Queen, lo strano caso di Elena di Troia”, viene dopo […]






continua »
Mario Di Calo
Al Brancaccino di Roma

La diva del Nulla

Torna (con la regìa di Marco Carniti) "Music Hall" del francese Jean Luc Lagarce: una metafora amara sull'arte e la sua vanità in una società che non le riconosce più alcuna funzione reale

Jean Luc Lagarce attore, regista, scrittore, classe 1957, morto prematuramente all’età di trentotto anni, è uno degli autori teatrali più rappresentativi (e rappresentati) della sua generazione in Francia, sua patria natia. In Italia lo è un po’ meno, purtroppo: conosciuto grazie a Barbara Nativi che lo rese noto al pubblico italiano all’interno del suo Intercity […]






continua »
Marco Ferrari
Al Museo dell'Attore di Genova

Il popolo di Govi

Il padrone taccagno, il portuale ruvido, il comandante baldanzoso, il pescatore saggio: nei ritratti di Gilberto Govi c'è l'umanità autentica della sua città. Finalmente si può ritrovarla nei sui disegni e nel suo studio "ricostruito"

Eccoci nello studio di Gilberto Govi, la più grande maschera del teatro genovese, tra appunti, costumi, libri e fotografie. L’ambiente è stato ricostruito ed esposto in maniera permanente nel Museo Biblioteca dell’Attore di Genova, negli splendidi locali di Via del Seminario 10. Dopo una trentennale e provvisoria collocazione al Museo di Sant’Agostino, lo studio ha […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Teatro Astra di Torino

Coriolano Spa

Marco Plini porta in scena “Coriolano” di Shakespeare e ne fa una disputa di potere tra politici senza scrupoli, quasi in un board capitalista, che sfrutta la volubilità del "popolo". Uno spettacolo da vedere

Coriolano di William Shakespeare è un potente testo politico di curiosa attualità: racconta di un leader antipatico cui in nessuno modo riesce di esercitare carisma sul “popolo”. Uno come Matteo Renzi, insomma. E, costui, più prova a correggersi per ottenere il consenso, più sbaglia… Ebbene, ora un bel Coriolano è in tournée nell’edizione (in abiti […]






continua »
Mario Di Calo
Al Quirino di Roma poi in tournée

Le bugie di Medea

Torna in scena dopo vent'anni la Medea diretta da Luca Ronconi per l'interpretazione "asessuata" di Franco Branciaroli. Uno spettacolo sorprendente, quasi un saggio sulla modernità della tragedia

Chissà a chi dei due venne in mente di realizzare uno spettacolo del genere nel 1996, in cui Medea di Euripide, fosse esemplare/personaggio dalla forza e dalla natura senza sesso e senza trascorso? Contemporanea o anacronistica? Se a Franco Branciaroli, (uno degli attori più moderni del nostro teatro, moderno ma allo stesso tempo ancorato alla […]






continua »
Lorena Piras
Visto all'Off-Off Theatre di Roma

Il teatro che libera

Sasà Striano racconta i sogni (teatrali) fatti in carcere contro la segregazione e la burocrazia. Con l'aiuto di Shakespeare e della sua poesia che libera l'uomo dalla galera del tempo e dei falsi sentimenti

Non importa dove avvengono gli incontri, conta la capacità di coglierne il valore. Che avvengano per strada, in un locale. O in un carcere. Nel 1957, nel penitenziario di Saint Quentin, un ergastolano, Rick Cluchey, “incontra” Beckett e con Beckett, il teatro. Rappresentavano Aspettando Godot. L’impatto fu detonante. Andava in scena l’attesa, in un carcere. […]






continua »
Federica Spinella
Visto a Marsciano

Don Giovanni e Pulcinella

«Don Giovanni in soffitta" di Valerio Apice è una favola contemporanea sulla forza del teatro e del testo di Molière (nella traduzione di Cesare Garboli) che passa per le mani del celebre servitore

«Morti, sono tutti morti», con queste parole Sganarello/Pulcinella apre Don Giovanni in soffitta – lo spettacolo che Valerio Apice ha messo in scena con il suo gruppo Isola di Confine alla Sala De Filippo di Marsciano e poi in tuornée – arrivando in scena in punta di piedi, parlando sottovoce. Qui tutti questi morti, personaggi […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Piccolo Eliseo di Roma

Ruccello e Duchamp

Gea Martire e Chiara Baffi, con la complicità della regista Nadia Baldi, riportano in scena "Ferdinando" di Annibale Ruccello puntando sui simboli e sulle astrazioni, più che sul naturalismo simbolico del testo

Ferdinando, il testo di Annibale Ruccello vincitore del premio Idi nel 1985, possiamo considerarlo a tutti gli effetti un classico del teatro contemporaneo. Nadia Badi, la regista del recente allestimento visto al Piccolo Eliseo di Roma (prodotto da Teatro Segreto) parte da questo assunto: un classico da rileggere e ri-attare in chiave assolutamente personale e […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Palladium di Roma

Un Genet borghese

Anna Bonaiuto, Manuela Mandracchia e Vanessa Gravina portano in scena una nuova versione del capolavoro di Genet dove la forza eversiva del testo trascolora in una sorta di dramma borghese

Caposaldo del teatro del Novecento, Le Serve di Jean Genet, è un dramma/commedia di un’importanza capitale nella nuova drammaturgia contemporanea: a scoprire e “sdoganare” questo autore fu Jean-Paul Sartre con il celebre saggio Santo Genet, commediante e martire. Le Serve si basa sulla menzogna, sul travestimento, sul rifratto (ispirato ad un episodio di cronaca). Si […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Tordinona per Le vie dei festival

Cercasi madri

Nicola Russo costruisce una partitura scenica in memoria delle madri “sconosciute“. E Sandra Toffolatti la riempie di allusioni, astrazioni e una straordinaria vitalità

Le madri muoiono, come tutti. Ma, quando muoiono le madri, succede qualcosa di particolare, nei figli: è come uno spartiacque, prima si è liberi di fare e trasgredire, poi si diventa i primi della fila, ossia quelli su cui ricade la responsabilità di tutti coloro che stanno dietro. Lo spettacolo di Nicola Russo Io lavoro […]






continua »