Nicola Fano
Auguri a una Signora della scena

Il secolo di Anna

Anna Campori oggi compie cent'anni. Un secolo di vitalità teatrale, dalla "Nonna del Corsaro nero" a Totò, dall'operetta alla prosa d'arte. Vediamo qual è la sua lezione

Vi ricordate Anna Campori? La Nonna del Corsaro nero della tv anni Sessanta? La spalla femminile di Totò in tanti film? L’attrice di prosa brillante e raffinata in decine di spettacoli di Antonio Calenda? La moglie del grandissimo Pietro De Vico, comico grandissimo e attore eduardiano? Insomma, lei: oggi compie cent’anni. Il suo sorriso ostinato e […]






continua »
Laura Novelli
La rassegna che inizia sabato

Memorie di teatro

"Le vie dei festival", tradizionale appuntamento con il teatro d'autunno, quest'anno non ha avuto fondi dall'amministrazione romana. «Vorrei capire quali siano le politiche culturali della nostra città», dice la direttrice Natalia Di Iorio

Ricordo ancora con vivida energia alcuni straordinari spettacoli che, in oltre vent’anni di direzione artistica, Natalia Di Iorio ha portato a Roma all’interno della rassegna Le vie dei Festival. Li ricordo – e posso citare nomi come Alain Platel, Lars Norèn, Eimuntas Nekrošius – perché la memoria è, a teatro, il solo canale che permetta […]






continua »
Mario Di Calo
Visto al Globe di Roma

Un Macbeth in nero

Fuoco, cuoio, lattex, bandiere, grand guignol, Daniele Salvo porta in scena Macbeth e punta tutto sul carosello delle tre streghe: di ogni strage l’uomo ne dimentica la crudeltà, è ancora pronto ad affrontarne un'altra e poi un'altra ancora

Ultimo spettacolo in programma al Globe Theatre – prodotto dalla Politeama di Gigi Proietti – è il Macbeth con la regia di Daniele Salvo, che punta sulla tragedia shakespeariana nota per la sua tipica ispirazione o vocazione funesta e malefica. Vi si narra delle gesta insane o sane – this is the question – di […]






continua »
Lucilla Vivanti
Cultura della formazione

L’università dell’arte

Si chiude il secondo ciclo di studio di Officina Pasolini, la scuola di canzone, teatro e multimediale della Regione Lazio che in tre anni ha creato un nuovo modello formativo che mescola creatività e mercato

Si chiude questa sera, con un concerto degli allievi della Sezione Musica negli spazi dell’ex Civis a Roma, il secondo ciclo di Officina Pasolini, la scuola di teatro, canzone e multimediale realizzata dalla Regione Lazio con fondi dell’Unione Europea. Una scommessa vinta. Infatti, chi avrebbe creduto possibile dare corso a una nuova iniziativa didattica del […]






continua »
Valerio Apice
Teatro popolare e didattica

Pulcinella Parade

Viaggio (con Pulcinella) al Sibiu International Theatre Festival, in Romania: luogo di incontro e scambio di emozione e esperienze. Ciò che il Italia sembra ogni giorno più difficile fare

È tempo di crisi per il teatro e sono quasi venti anni che ascolto questo «requiem per la morte (annunciata) del teatro italiano». E nel 1997 ho iniziato a starci nel teatro, con Pulcinella. E da allora non ho smesso di amare il senso del grottesco nel mestiere che ho scelto di fare: l’attore all’antica. […]






continua »
Giuseppe Grattacaso
Allo Spedale del Ceppo di Pistoia

Schnitzler nostro contemporaneo

Lucrezia Guidone, diretta da Federico Tiezzi interpreta "La signorina Else" di Arthur Schnitzler: una donna la cui vitalità è umiliata da una società in crisi (anche morale). Proprio come oggi, insomma...

Arthur Schnitzler è un autore molto apprezzato dal teatro italiano. Partecipa dell’attenzione nei confronti del padre del “monologo interiore” anche La signorina Else, un racconto che l’autore viennese scrisse nel 1924, a sette anni dalla morte, avvenuta alla soglia dei settanta anni. Che cosa fa de La signorina Else un titolo particolarmente amato e frequentato […]






continua »
Nicola Fano
Al festival delle Colline Torinesi

Ifigenia a Grenfell Tower

Valter Malosti con Roberta Caronia mette in scena "Ifigenia in Cardiff", un duro atto di denuncia politica dell'inglese Gary Owen: nel capitalismo non c'è salvezza sociale

A leggere la nuova drammaturgia inglese si capisce meglio che cosa sia successo pochi giorni fa alle elezioni britanniche e che cosa stia succedendo in queste ore dopo il drammatico rogo della Grenfell Tower a Londra. Proprio mentre ancora non si è spenta l’eco di Contrazioni, di Mike Bartlett – messo in scena al Teatro […]






continua »
Angela Di Maso
Visto al Napoli Teatro Festival Italia

Moscato e Caronte

Debutta il nuovo spettacolo di Enzo Moscato, “Raccogliere & Bruciare, ingresso a Spentaluce”: un viaggio negli inferi di Napoli a metà strada tra Spoon River e un Varietà musicale

“Raccogliere & Bruciare, ingresso a Spentaluce” è il nuovo trascendentale e onirico viaggio teatrale di Enzo Moscato, ideato per il Napoli Teatro Festival 2017, ma da anni e anni lavoro sul quale Moscato stava lavorando partendo da un’analisi profondissima e traducendo/tradendo ottanta frammenti scelti accuratamente all’interno dei 263 frames complessivi di cui si compone l’Antologia […]






continua »
Sacha Piersanti
Visto all'Argentina di Roma

La formica di Zeichen

A un anno dalla scomparsa, Valentino Zeichen è un poeta da leggere e rileggere. Come dimostra l'allestimento di “Apocalisse nell’arte” con Francesco Siciliano, Anna Rita Chierici e Emanuele Marchetti

Allo scadere del secolo, torneranno fiammeggianti i quattro cavalieri dell’Apocalisse per distruggere ogni opera d’arte prodotta negli ultimi cinquant’anni. È questa la profezia attorno alla quale ruota la vicenda di Apocalisse nell’arte, dialogo in forma teatrale del poeta Valentino Zeichen (1938-2016), messo in scena nella Sala Squarzina del Teatro Argentina lo scorso 11 maggio da […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Vendere ombre

Elena Arvigo: «Che cosa sono? Attrice è poco, artista è troppo. Preferisco la definizione che diede Eugenio Barba, "Siamo venditori di ombre”. E comunque un sogno può essere raggiunto per contrasti. Lo trovo più divertente»

Nome e cognome: Elena Arvigo. Professione: Attrice. (Mi sento spesso un salmone però!)! Vorrei anche dire che la parola “attrice” mi sembra sempre sbagliata e “artista” mi sembra sempre “troppo”. Nella prefazione di un bellissimo libro, “La struttura dei corpi sottili” di Kassim Bayatly, Eugenio Barba dice “vendiamo ombre“. Ecco, questa mi sembra la definizione […]






continua »