Sacha Piersanti
Visto all'Argentina di Roma

La formica di Zeichen

A un anno dalla scomparsa, Valentino Zeichen è un poeta da leggere e rileggere. Come dimostra l'allestimento di “Apocalisse nell’arte” con Francesco Siciliano, Anna Rita Chierici e Emanuele Marchetti

Allo scadere del secolo, torneranno fiammeggianti i quattro cavalieri dell’Apocalisse per distruggere ogni opera d’arte prodotta negli ultimi cinquant’anni. È questa la profezia attorno alla quale ruota la vicenda di Apocalisse nell’arte, dialogo in forma teatrale del poeta Valentino Zeichen (1938-2016), messo in scena nella Sala Squarzina del Teatro Argentina lo scorso 11 maggio da […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Vendere ombre

Elena Arvigo: «Che cosa sono? Attrice è poco, artista è troppo. Preferisco la definizione che diede Eugenio Barba, "Siamo venditori di ombre”. E comunque un sogno può essere raggiunto per contrasti. Lo trovo più divertente»

Nome e cognome: Elena Arvigo. Professione: Attrice. (Mi sento spesso un salmone però!)! Vorrei anche dire che la parola “attrice” mi sembra sempre sbagliata e “artista” mi sembra sempre “troppo”. Nella prefazione di un bellissimo libro, “La struttura dei corpi sottili” di Kassim Bayatly, Eugenio Barba dice “vendiamo ombre“. Ecco, questa mi sembra la definizione […]






continua »
Nicola Fano
Al Teatro Elicantropo di Napoli

Un’altra Elettra

Nicola Russo, con Sara Borsarelli, racconta in scena la vita avventurosa di Elettra Romani, attrice anarchica, ballerina sfacciata e moglie di un grande comico d'avanspettacolo, Alfonso Tomas

Fino a domenica, al Teatro Elicantropo di Napoli, è in scena Elettra, biografia di una persona comune di Nicola Russo che lo dirige e lo interpreta insieme a Sara Borsarelli. L’Elettra del titolo (una nemesi, più che un nome) è Elettra Romani, attrice anarchica e diva d’avanspettacolo, moglie di uno dei massimi comici teatrali del […]






continua »
Sacha Piersanti
Visto al Teatro Due di Roma

Incerti di coppia

«Maternità inattesa» di Marco Pizzi: un gruppo di giovani attori mette in scena le incertezze (e l'incapacità di crescere) di un gruppo di ventenni. Prove di nuovo teatro

L’esordio di un attore nelle vesti di regista (Valerio Puppo); l’esordio di un insegnante di matematica e fisica in quelle di drammaturgo (Marco Pizzi); un quintetto di giovani attori, di giovanissimi attori i cui nomi non dicono (ancora) niente a nessuno. Per chi al forse di un talento preferisce la certezza di un’esperienza, c’erano tutti […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Teatro senza gabbie

Andrée Ruth Shammah: «Il mio teatro è, lo spero, Teatro e cioè anche ricerca sociale o azione sociale ma anche molto di più. l mondo del teatro per il fatto stesso di scegliere di vivere di solo teatro è fatto da sognatori, persone piene di passioni»

Nome e cognome: Andrée Ruth Shammah all’anagrafe Ruth Andrée Shammah. Professione: Far vivere il Teatro Franco Parenti dal 1972. Età: 68 anni 6+8=14/1+4=5. E 5 è un bel numero. Quando e come hai capito di volere diventare una regista teatrale? Non l’ho mai capito, lo sono diventata nel 1972 quando si trattava di mandare in scena l’Ambleto […]






continua »
Nicola Fano
Quale politica per il teatro?

Il caso Eliseo

Il governo "promette" due milioni a Luca Barbareschi per il suo Eliseo: un premio all'aggressività dell'impresario o una scelta strategica in favore del modello privato?

Sembra che il governo (con la manovra di assestamento economico finanziario in dirittura d’arrivo) voglia donare al Teatro Eliseo due milioni di euro perché (questa – pare – la ragione formale) la sala di Luca Barbareschi possa celebrare degnamente il suo centenario. Benissimo! Quando lo Stato investe in arte e cultura c’è sempre da essere […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Carignano di Torino

Eduardo nostro contemporaneo

“Questi fantasmi!” di Eduardo De Filippo con Carolina Rosi e Gianfelice Imparato di Eduardo è un omaggio alla forza pura del teatro; alla sua capacità di emozionare confidando solo nei suoi strumenti emotivi e nella sua ambiguità poetica

Questi fantasmi! è una commedia dal fascino oscuro. Scritta da Eduardo De Filippo nel 1945, rappresenta forse il punto più alto del suo teatro grazie alla sua profnda ambiguità. La vicenda di Pasquale Lojacono, il marito tradito che (forse) scambia per fantasma l’amante della moglie Rosa è costruita dall’autore su una scala di grigi che […]






continua »
Paolo Petroni
Uno spettacolo “educativo"

Scene dal disagio

Ne "La classe” di Vincenzo Manna (diretto da Giuseppe Marini) c'è una rappresentazione cruda e limpida del disagio giovanile a tutte le latitudini. Un lavoro che induce a riflettere sulle nostre vite

Le notizie su abitudini e caratteristiche della vita delle galline, chiose alla vicenda e ai personaggi fatte da Albert, giovane e precario professore, sembrano ricordare il fortunato titolo di un libro di Anthony De Mello e voler dire che i suoi alunni sono aquile che si sentono polli, incapaci di volare. Sono un gruppo di […]






continua »
Angela Di Maso
Ritratto d'artista

Teatro & Sentimento

Marco Sgrosso: «A un giovane consiglio di studiare la tecnica, ma senza permettere che abbia il sopravvento sulla verità del sentimento: cosa non facile, perché il percorso comporta stati di confusione e di rinuncia da una parte e dall’altra, prima di arrivare a capire e sentire la ‘misura’»

Nome e cognome: Marco Sgrosso. Professione: Attore. Età: 55. Da bambino sognavi di fare l’attore? Mi ha sempre affascinato l’idea di recitare, ma in realtà da bambino avrei voluto fare il cantante di musica leggera. Ero un patito di Canzonissima e del Festival di Sanremo. I cantanti e le cantanti erano i miei idoli. Li […]






continua »
Beppe Navello
L'attore scomparso la scorsa settimana

Addio, attore guascone

Ricordo di Franco Mescolini, interprete pieno di carisma che con i suoi gesti e con il suo sguardo sapeva riempire la scena. Come quella volta nei “Tre moschettieri”...

Franco Mescolini era attore sanguigno e romagnolo, eccessivo e fragoroso come la sua esuberante corporatura. L’ho conosciuto nel 1983 al Teatro Stabile dell’Aquila chiamato a dirigere il mio primo spettacolo nel cartellone di un teatro stabile pubblico, Questa sera da Tosti di Alberto Gozzi. Ero arrivato in Abruzzo con il febbrile e incosciente entusiasmo di […]






continua »