24
giugno
2017

letture

Delia Morea
A proposito di “Tutti i racconti"

L’altro Gozzano

Avagliano pubblica (a cura di Flaminio Di Biagi) la raccolta completa delle prose di Guido Gozzano. Alla scoperta di un grande autore che raccontò le inquietudini del Novecento senza cadere nella rete degli "ismi"

Guido Gozzano, (nato a Torino nel 1883 e morto nel 1916), collocato tra i poeti crepuscolari, anzi forse ritenuto il padre della corrente post-decadente del crepuscolarismo, inizialmente si dedicò alla poesia avendo come punto di riferimento Gabriele D’Annunzio. Successivamente, si avvicinò a poeti intimisti come Giovanni Pascoli, poi denominati “crepuscolari”, ed è conosciuto ai più […]






continua »
Nicola Bottiglieri
A proposito di “Un’educazione milanese”

Il romanzo di Milano

Alberto Rollo ha scritto il romanzo di una città e di una generazione: quella che non aveva le certezze della guerra e della Resistenza e che ha trasmesso solo dubbi ai figli

«Cerco ponti in cui lo spaesamento e il sentirmi a casa coincidano. E su quei ponti finiscono con l’apparire, teneri e meridiani, le figure che mi riconducono là dove io sono cominciato e dove è cominciata, per me, questa città». I ponti sono ottimi punti di osservazione per guardare il fiume che scorre. Più ampie […]






continua »
Paola Benadusi Marzocca
Un romanzo per young adult

Nella bottega di Michelangelo

Carlo A. Martigli si ispira alla figura del grande artista per raccontare una vicenda avventurosa che assume i contorni del giallo. In una Roma pericolosa, piena di ombre e misteri, approda il giovane figlio di un lanaiolo che voleva fare l’artista…

L’aspetto più affascinante delle ricostruzione storiche di epoche lontane e personaggi famosi rivolte agli adolescenti è l’attuale tendenza a presentare il protagonista nella sua realtà umana e storica. È questo il caso di Michelangelo Buonarroti a cui Carlo A. Martigli si ispira fin dal titolo del suo romanzo: L’apprendista di Michelangelo (Mondadori, 243 pagine, 17 […]






continua »
Ilaria Palomba
Catalogo del Novecento

Sibilla e gli uomini

Nel celebre romanzo autobiografico "Una donna" Sibilla Aleramo pone le basi di una cultura (non solo letteraria) tutta centrata sulla definizione dell'io femminile

Sulla questione femminile, e femminista, una delle voci più autentiche e ribelli, per quanto vissuta e sofferta, è quella di Sibilla Aleramo, nome d’arte scelto da Rina Faccio, nata ad Alessandria nel 1866. In Una donna, suo primo romanzo, racconta la prima parte della propria esistenza, segnata da una violenza, un matrimonio infelice, una maternità […]






continua »
Andrea Carraro
A proposito de "La vita a rovescio"

Il secolo del corpo

Simona Baldelli torna al romanzo storico raccontando la storia di una donna libera e anticonformista che sceglie il sesso e le idee in un tempo conformista e nient'affatto libero

Simona Baldelli è una scrittrice pesarese, trapiantata a Roma, che ha esordito appena tre anni fa con un romanzo molto ispirato, Evelina e le fate (Giunti), dove si raccontavano alcuni mesi cruciali della vita di una bimba di 5 anni, durante l’ultimo anno della Seconda Guerra in una famiglia contadina di un piccolo borgo marchigiano. […]






continua »
Pasquale Di Palmo
La voce del poeta: Giuseppe Grattacaso

Poesia degli oggetti

Musicalità del ritmo e quotidianità del lessico, il lontano e il vicino che si legano in modo salvifico, come le stelle e i bicchieri della sua ultima raccolta. La poetica dell’autore salernitano si declina così, in una direzione che va alla ricerca del progetto della nostra esistenza

L’ultima raccolta poetica pubblicata da Giuseppe Grattacaso, nato a Salerno ma pistoiese di adozione, si intitola La vita dei bicchieri e delle stelle (112 pagine, 11 euro) ed è stata pubblicata da Campanotto nel 2013. La produzione di Grattacaso, molto frugale e parca, in linea con il personaggio schivo e appartato, annovera le raccolte Devozioni […]






continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

Sortilegi della memoria

Torna alle origine Milo De Angelis ma restando immerso nel presente e attraversandolo come la sua Selva Oscura. E nel presente proietta le figure inestinguibili del passato. Omaggio al poeta milanese di cui si pubblicano “Tutte le poesie”

Milo de Angelis, di cui Mondadori pubblica ora, nella collana dello Specchio, Tutte le poesie, è uno di quei poeti che tra gli anni Settanta e Ottanta hanno cambiato, rifondandola, la poesia italiana. Come gli altri compagni d’avventura, non tornando indietro, non ripristinando una poesia del passato anche recente ma storico. No, tornando alle origini […]






continua »
Ilaria Palomba
Su “Se mi tornassi questa sera accanto”

La cura delle parole

Il nuovo romanzo di Carmen Pellegrino racconta la storia di una famiglia imperfetta nel cuore delle montagne campane. Una vicenda nella quale l'elegia delle parole salva i personaggi dalla follia

Se mi tornassi questa sera accanto di Carmen Pellegrino (Giunti, 2017, pp.231, euro 16) è un romanzo sull’amore di un padre o meglio sulla mancanza d’amore, sull’essere diversamente amati, dove la cura per la parola sfiora un lirismo intimista e consapevole. Il titolo è tratto da un verso di Alfonso Gatto e, costantemente, ricorrono citazioni […]






continua »
Andrea Carraro
Su “La truffa come una delle belle arti”

Estetica della truffa

Gianluca Barbera confeziona un bel romanzo in stile settecentesco, pervaso da ironia amara e visionarietà quasi filosofica: la storia di una stirpe di truffatori per scelta... etica

Che cosa mi è piaciuto nel nuovo romanzo di Gianluca Barbera La truffa come una delle belle arti (Aliberti compagnia editoriale, pp. 217, 17 euro)? Parecchie cose. Anzitutto l’ironia che lo pervade e lo innerva. Lo ha scritto benissimo anche Caterini recensendo il libro. Poi, immediatamente dopo, la lingua. Una lingua camaleontica, enciclopedica, duttile, capace […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Allegria & Misteri

I gialli di Camilleri, il dolore di Sergio Del Molino e la "filosofia letteraria" di Mario Benedetti: quando la scrittura entra, con leggerezza, nel segreto della vita

La matassa. Non è la prima volta che il commissario Montalbano nelle prime luci dell’alba sia invischiato in un sogno strano. Stavolta siamo all’assurdo pirandelliano (o meglio: shakespeariano): sogna un sogno di Livia, la sua fidanzata genovese. In quei giorni trova Vigata stravolta da set televisivi svedesi. Una “camurrìa” che sconvolge le sue abitudini. La […]






continua »