21
settembre
2020

letture

Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Risveglio in Poesia

Festeggiamo Maurizio Cucchi nel giorno del suo 75° compleanno. Roberto Mussapi lo fa scegliendo versi dell’ultima raccolta “Sindrome del distacco e tregua”. Ci offrono un balsamo nel tempo in cui virus di ogni tipo infettano le esistenze. Versi che sono un augurio anche per noi...

Oggi, sabato 19 settembre, tornano a voi lettori i miei battiti “Every beat of my heart”. Ho goduto molto mare, e di questi tempi, duri per il paese e per me specificamente, ho sentito come il mare risana e rigenera. Quindi oggi sia festa.Oggi torno a voi con una poesia esemplare di un maestro, che domani, […]

continua »
Lidia Lombardi
Lo scaffale degli editori

Basta la parola

Si torna a scuola e l’offerta editoriale punta sul lessico per accompagnare la ripresa. Zanichelli promuove l’ashtag “ciboperlamente” come apripista tra i significati. Un libro-guida orienta nelle etimologie che risalgono al mondo greco, mentre c'è chi fornisce un passpartout per dialogare comprendendosi

La forza delle parole, pronunciate e ascoltate in presenza, nelle aule scolastiche, in quelle universitarie. Lingua, lessico, conoscenze, consapevolezza di sé. L’Italia prova a ripartire dalla scuola, che ancora zoppica. Ma sul ritorno al dialogo, allo scambio di insegnamenti e interrogativi dal vivo lavora l’editoria, mettendo da parte le incertezze sull’inedito anno scolastico. Ecco allora che […]

continua »
Delia Morea
A proposito di "Condominio Arenella"

Condominio Napoli

L'esordio di Mariavittoria Picone è un romanzo corale su Napoli: quasi un gioco di scatole cinesi dalle quali emerge l'umanità della città. Lontano dagli stereotipi, questo "catalogo dei viventi" rappresenta un mondo vivido e defilato allo stesso tempo

Condominio Arenella (Iod edizioni, pg. 199, 15 euro), romanzo d’esordio della napoletana Mariavittoria Picone, ha una copertina accattivante: un quadro del raffinato pittore americano Edward Hopper, una donna affacciata ad una vetrata, che sembra attendere e osservare. Un quadro famoso di un pittore straordinario, dallo sguardo sommesso e nello stesso tempo molto potente, che in […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito di “Due vite"

Trevi e la memoria

Emanuele Trevi dedica un piccolo, prezioso libro a due amici scrittori scomparsi prima del tempo: Rocco Carbone e Pia Pera. Il primato etico accanto a quello della parole nel ritratto di due vite spezzate

Le due vite del titolo del nuovo libro di Emanuele Trevi (Due vite, Neri Pozza, 180 pagine, 12,50 Euro) appartengono dopotutto, anche in questo caso non dichiarato, a due corpi speciali della letteratura italiana il cui calibro umano e artistico è ben acclarato da chi ha avuto con loro, in un trio per anni inseparabile, […]

continua »
Flavio Fusi
A proposito di “Noi partigiani"

La Resistenza viva

Gad Lerner e Laura Gnocchi restituiscono la parola ai protagonisti della Resistenza raccogliendo diari e testimonianze dei protagonisti. Nel viene fuori la storia vera di una stagione straordinariamente vitale. Rimasta poi impelagata nella retorica della politica

In principio furono i nomi di battaglia: Diavolo, Bruna, Bingo, Jim, Robin, Pablo, Fringuello, Eros, Battagliero, Mariuccio, Olga, Furio, Anuska. Uno per uno battezzati così, per esorcizzare la paura, per lanciare il cuore oltre l’ostacolo, per far tremare il nemico o, più semplicemente, per qualche lettura esotica, per un ricordo infantile.  Sono i nostri partigiani: […]

continua »
Raoul Precht
Periscopio (globale)

Tutti Benedetti

L'esordio autobiografico, la lunga stagione rivoluzionaria, la trasformazione in un mito della letteratura latinoamericana: ritratto dello lo scrittore uruguaiano Mario Benedetti e delle sue mille facce

A volte la storia della letteratura abbonda, prestando il fianco a qualche confusione. Di Mario Benedetti, per fare un esempio, ce ne sono stati ben due: uno è un nostro poeta friulano, che il Covid-19 si è portato via nel marzo scorso e che resta poco noto al grande pubblico (ammesso che per la poesia […]

continua »
Marco Ferrari
Un libro tra storia e fotografia

Passione Stromboli

Tornano in libreria le foto che Federico Patellani realizzò a Stromboli nel 1949 in margine alle riprese del film che consacrò l'amore tra Rossellini e la Bergman. Oltre alla vita del set, colpiscono i particolari di vita isolana da cui nacque il mito delle Eolie

«Caro Signor Rossellini, ho visto i suoi film Roma città aperta e Paisà e li ho apprezzati moltissimo. Se ha bisogno di un’attrice svedese che parla inglese molto bene, che non ha dimenticato il suo tedesco, non si fa quasi capire in francese, e in italiano sa dire solo “ti amo”, sono pronta a venire […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito de "La sinfonia del corpo"

La medicina è femmina

L'editore Manni prosegue con la pubblicazione dei testi di Trotula de Ruggiero, la celebre donna medico vissuta intorno all'anno Mille a Salerno. Nei suoi trattati c'è la prima definizione di un'identità (quella femminile) che tanto spesso, dopo, è stata negata

Si chiama Trotula de Ruggiero il medico più famoso dell’XI secolo. Studiò e operò nella Scuola di Medicina di Salerno, centro scientifico noto in tutta Europa (erano gli anni del declino dell’impero longobardo in Italia). Dopo aver pubblicato nel 2014 L’armonia delle donne (clicca qui per leggere la recensione), a questa straordinaria e inventiva donna […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito de "La gioia fa parecchio rumore”

Falcao e Pitagora

Il nuovo romanzo di Sandro Bonvissuto mescola alto a basso, la geometria del calcio di Paulo Roberto Falcao e quella filosofica di Pitagora. Una storia di formazione che mette al centro Roma, la sua lingua e la sua millenaria leggerezza

Di Sandro Bonvissuto, Filippo La Porta disse che Dentro (raccolta di tre racconti edita da Einaudi) fosse stato il miglior libro d’esordio del 2012. Bonvissuto ora torna con un romanzo portentoso, di grande scrittura (La gioia fa parecchio rumore, Einaudi, pagg.200, 18,50 Euro), in cui si conferma, oltre che narratore, sondatore attento di grandi temi […]

continua »
Luca Zipoli
A proposito di "Pascoli maledetto"

Pascoli o Verlaine?

L'alcol, le droghe, le donne: Francesca Sensini ricostruisce la vita nascosta di Giovanni Pascoli per arrivare a inserirlo nel novero dei grandi poeti maledetti del secondo Ottocento. Accanto a Baudelaire e Verlaine

Il cantore delle “piccole cose”, l’uomo schiacciato dal peso dei lutti famigliari e da altre turbe psichiche, l’autore di versi semplici e infantili che non a caso s’imparano a memoria alle elementari. È questa l’immagine che la gran parte di noi ha di Giovanni Pascoli, massimo autore della nostra letteratura e padre, insieme a D’Annunzio, […]

continua »