29
settembre
2022

arti

Erminia Pellecchia
La quarta edizione di “Coreografia d’arte”

A ritmo di Man Ray

Si ispira ad “Anatoms”, cartella di 11 acqueforti, il balletto della compagnia Opificio delle Trame che ha inaugurato nei giorni scorsi il festival milanese dedicato a Emilio Tadini. Altre contaminazioni tra danza e pittura in molti, invoglianti appuntamenti (fino al 21 dicembre): da Boetti a Picasso alle proposte dei più giovani

Una sinuosa suggestione, un turbamento più che una presenza fisica, i segni galleggiano, vorticano nello spazio in curve morbide che agitano pensieri, creano emozioni. Sono invenzioni cerebrali i nudi di Anatoms, le acqueforti in cui Man Ray, l’innamorato delle donne, proietta sul foglio neutro l’idea del corpo femminile, tradotta in linee pure che si muovono […]

continua »
Danilo Maestosi
Una grande mostra al Macro

Dorfles docet

Roma rende omaggio a Gillo Dorfles pittore. A quasi centocinque anni, la razionalità del critico incontra la spontaneità del pittore. Ne viene fuori un ritratto tutto da ammirare

«No non c’è un quadro che mi piace di più, che ritenga migliore di altri e neppure uno che mi piaccia di meno, che mi sembri meno riuscito. Li ho dipinti io, come posso rinnegarli. Sono la mia vita. Forse la cosa più importante della mia vita, perché nascono in libertà da un gesto creativo […]

continua »
Simonetta Milazzo
Una mostra di Giancarla Frare

La città degli artisti

A Roma, a due passi da Piazza del Popolo c'è un'enclave di campagna e di arte sopravvissuto ai tempi e al cemento. È il centro Flaminia 58: un luogo che mescola storia e ricerca

Un’enclave artistica di idee, di opere e di mestiere. A Roma, a pochi metri dalla Porta del Popolo c’è un luogo, un po’ nascosto, sconosciuto ai più, cui si accede da un cancello al numero 58 di via Flaminia; si sale una scala di pochi gradini ed è subito campagna. Un breve percorso tra vegetazione […]

continua »
Gloria Aura Bortolini
Alla Biennale Arte

L’arte di insegnare

A Venezia si sono incontrati artisti ed educatori per capire come il rapporto tra insegnamento, creatività e mondo del lavoro può essere modificato. Partendo dall'esperienza condivisa

Come si crea il sapere di una persona e come viene trasmesso in un mondo difficile e controverso come quello di oggi? Attorno a questa domanda hanno dibattuto oltre 100 relatori tra artisti, attivisti, insegnanti, teorici e politici provenientida 20 paesi del mondo durante il Creative Time Summit 2015.  La più grande conferenza internazionale sulle […]

continua »
Danilo Maestosi
«Codice Italia» a Venezia

L’arte nel labirinto

Il Padiglione Italia curato da Vincenzo Trione alla Biennale Arte non mantiene quel che aveva promesso: chiusi in piccole celle, gli artisti finiscono per non dialogare con la storia né con il futuro

Sarà il titolo: Codice Italia. Che lascia immaginare il patrimonio culturale del nostro paese come una sorta di inesorabile destino genetico; gli artisti di casa come mutanti sopravvissuti a una selezione che li ha cambiati per sempre, gli artisti di altre tradizioni, altri paesi come alieni, barbari. Sarà la retorica fastidiosa del discorso pronunciato dal […]

continua »
Giuliano De Risi
Ai Musei Capitolini di Roma

La crisi, 1800 anni fa

Una grande, bella mostra ripercorre «L'età dell'angoscia» nell'Impero Romano del III Secolo. Una stagione difficile, così lontana eppure così vicina alla nostra contemporaneità

Angoscia: in campo psicologico il termine designa uno stato doloroso di ansietà. Nella tradizione filosofica, la parola assunse un significato definito con Soren Kierkegaard che descrisse lo stato di smarrimento che l’uomo prova quando è posto di fronte all’incertezza e all’ndeterminatezza della sua esistenza. A differenza della paura, indispensabile meccanismo di difesa che scatta in […]

continua »
Danilo Maestosi
Una mostra al museo Bilotti di Roma

Sognatori aborigeni

Un artista australiano, Imants Tillers, insegue il mito di Giorgio De Chirico cercando di ritrovarlo nell'arte delle origini del suo Paese

Tre diversi modi di inseguire e rappresentare la trama sottile dei sogni a confronto nella mostra Dreamings in cartellone fino a novembre al museo Bilotti di villa Borghese, a Roma. Il primo è quello sovraccarico di valenze sciamaniche degli aborigeni australiani che assegnano alla pittura il compito di evocare gli archetipi ancestrali della loro cosmologia, […]

continua »
Ilaria Palomba
Un convegno all'Università Aldo Moro

Per un futuro tribale

Lectio Magistralis, a Bari, di Michel Maffesoli, teorico del tribalismo postmoderno. La sua teoria è "scandalosa”: l'erotica sociale contro l'egoismo pervasivo della nostra società

Il 20 e 21 maggio si è svolto a Bari, presso il Salone degli Affreschi dell’Università Aldo Moro, il convegno sul tema: Più reale della realtà. L’immaginario e il fake. Durante l’evento è stata presentata Les Cahiers européens de l’imaginaire, una rivista interdisciplinare e multilingue, di scienze umane e sociali, fondata da Gilbert Durand e […]

continua »
Rita Pacifici
La mostra a Palazzo Reale di Milano

A spasso con Kandinsky

Voleva che gli spettatori passeggiassero nei suoi quadri fino a perdersi, a «sparire addirittura lì dentro». Un'impresa riuscita, perché nella poetica del grande pittore russo il colore si fa musica e le forme sentimenti assoluti...

Il 25 febbraio del 1914, a pochi mesi dal primo conflitto mondiale, Wassily Kandinsky eseguiva Quadro con macchia rossa, un’opera senza inizio né fine, dove nuclei cromatici animati di energia propria si espandevano a comporre un mondo privo di figure riconoscibili. Ogni riferimento all’orizzonte sensibile sembrava perduto. Soltanto colori distesi su un fondo bianco e […]

continua »
Gloria Piccioni
Vent'anni dopo, Roma ricorda il grande storico dell'arte

Ricordando Giuliano Briganti

Dal Manierismo alla Metafisica: l'arte non aveva segreti né steccati per il celebre critico. Oggi allievi, amici e artisti racconteranno i suoi segreti. Che sono quelli della cultura italiana

Chi aveva la fortuna di conoscere e di andare a trovare Giuliano Briganti nella sua casa di Via della Mercede 12a a Roma, se entrava nella sala riservata alla sua biblioteca aveva davvero l’impressione di essere ammesso in un tempio, fatto di fitte scaffalature che s’innalzavano fino al culmine delle pareti, dando un senso di […]

continua »