Nicola Fano
Visto al Théâtre du Châtelet di Parigi

Bob Wilson e Faust

Quattro riflessioni sul "Faust" di Goethe smontato e rimontato a mo' di opera rock da Bob Wilson per il Berliner Ensemble. Uno spettacolo che aggiorna il metodo brechtiano in chiave pop

Immaginate quattro Faust e tre Margherite. Immaginate che, se la moltiplicazione dei Faust può essere dettata dalla necessità (poetica) di mostrare ogni sfaccettatura del normotipo umano che vuole tutto e subito, probabilmente la scomposizione delle Margherite dipende soprattutto dalla voglia di potenziare l’impatto sonoro del personaggio per inserirlo al meglio in una sorta di musical/opera […]






continua »
Nicola Fano
Viaggio al cuore del Rinascimento

Sabbioneta, Italia

Sabbioneta, con le sue meraviglie “patrimonio dell'umanità" è la dimostrazione pratica di come in Italia sia difficile conservare la memoria e la cultura. Malgrado la tenacia di chi le amministra

Intorno al Po, l’acqua che esce dai rubinetti ha un profumo inconfondibile. Un misto di antichità e fogna, natura sovrastante e canali sporchi. Avete presente Venezia? Avete presente quell’odore che si nota solo appena arrivati e poi diventa parte integrante dell’aria? Lo chiamano bottino, nel senso del fondo delle botti. Di quello stiamo parlando: se […]






continua »
Nicola Fano
Oltre le Olimpiadi

Shakespeare e Garozzo

Dietro i successi di Garozzo e della scherma italiana ci sono secoli di storie e avventure. Che affondano le radici fino a Shakespeare, amico di un certo Saviolo nella Londra a cavallo tra Cinquecento e Seicento...

A ogni Olimpiade, immancabilmente, ci si ricorda di alcuni sport nobili e “poveri” che però danno lustro, storia e medaglie al nostro Paese. Uno di questi, ovviamente, è la scherma. Qui, le radici della supremazia italiana sono profonde: corrono indietro fino al Cinquecento, fino a incrociare Shakespeare. La strada per arrivarci è tortuosa ma bisogna […]






continua »
Nicola Fano
Una nuova iniziativa per l'estate

Italia, primo agosto

Nelle cronache di un giorno, le contraddizioni perenni del nostro paese. Da oggi vi raccontiamo un giorno/simbolo. Per cercare di intuire anche ciò che non si vede a occhio nudo...

Non erano partenze intelligenti, ma le fabbriche chiudevano il 31 luglio sicché le vacanze cominciavano il primo agosto: una certezza. Intruppata nel traffico dell’Autosole, ma una certezza. E oggi? Oggi siamo intelligenti. Anche se la nostra è un’intelligenza contraddittoria; basata su qualche confusione di troppo: sovente è una questione di linguaggio. Diceva Tullio De Mauro, […]






continua »
Nicola Fano
Riflessioni dopo Brexit

È finita la festa

All'alba del 24 giugno è finita un'epoca lunga e tormentata che, nel nome della pace e della solidarietà sociale, aveva inseguito un'ipotesi di benessere e libertà. Quanto tempo dovrà passare perché la nostra storia e queste due parole, pace e solidarietà, possano tornare ad essere spendibili in pubblico?

È finita la festa. Il voto dei britannici che condanna l’Unione Europa – a pochi giorni dal trionfo del grillismo nell’importante tornata elettorale amministrativa in Italia – ha un enorme valore non solo (o non tanto) politico, ma anche culturale. Si chiude una stagione lunga, tormentata, feconda e contraddittoria durata dal Secondo Dopoguerra alla mattina […]






continua »
Nicola Fano e Mario Felici
Alla Galleria Porta Latina di Roma

Testo a Fronte, due!

Ieri si è aperta la mostra che espone le opere e i racconti della seconda serie di Testo a fronte. Ecco lo scritto che introduce il catalogo (con tutti i testi e tutti i dipinti) che si può acquistare in galleria

Nulla è più come prima: c’è la crisi. Non è (solo) una questione di numeri e di economie, ormai la faccenda riguarda la percezione stessa della realtà: le privazioni sono più delle libertà; il già fatto è più di quel che si può fare; il passato è meno preoccupante del futuro. Una condizione alla quale […]






continua »
Nicola Fano
Ricordo di un grande interprete

Albertazzi, ciao divo!

Da Amleto a Adriano, Giorgio Albertazzi è stato l'ultimo divo del Novecento. Ma anche un attore intellettuale, dotato di un carisma al tempo stesso divino e maledetto

Chissà quanti, adesso, diranno: «Io lo conoscevo bene». Effettivamente, Giorgio Albertazzi era una presenza familiare a chiunque: uno dei pochissimi divi teatrali del Novecento che siano stati in grado di oltrepassare i confini della scena, benché la sua presenza in televisione e nel cinema sia stata abbastanza limitata e non sempre significativa (se si eccettua, […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Carignano di Torino

Shakespeare d’Abruzzo

Leo Muscato ha messo in scena “Come vi piace” di Shakespeare come una parodia bucolica in chiave televisiva, tra pecore e figli dei fiori. Ormai nel nostro teatro trionfa il "modello-Timi": l'importante è "farlo strano"

Ho visto al Teatro Carignano di Torino Come vi piace di Shakespeare nella versione pop diretta da Leo Muscato e ho pensato a un altro spettacolo che avevo visto in quel teatro alcune ere geologiche fa: I figli di Jorio diretto da Ugo Gregoretti. Che c’entra? Piano: ci arriveremo. È una questione di relazione tra […]






continua »
Nicola Fano
L'album del celebre compositore

Tempo di sentire

Il nuovo cd di Germano Mazzocchetti si intitola "Asap", ossia "as soon as possibile": un omaggio alla fretta, quello spazio ristretto e sospeso nel quale è ancora possibile sognare e godere

Come si racconta, in musica, l’accumulo di esperienze che velocemente, troppo velocemente, va incontro a un’impasse, a una stasi in cui ci si chiede solo: «perché»? Potrebbe essere il romanzo di un uomo che svolta verso la consapevolezza, quella per la quale si ritiene di avere a disposizione più risposte che domande. Sì. ma in […]






continua »
Nicola Fano
Visto al Vascello di Roma

Goldoni in bianco

Andrée Ruth Shammah ha costruito, intorno a "Gli innamorati" di Goldoni, un delizioso omaggio all'appassionante banalità dell'amore. Con una compagnia di bravissimi attori, da Marina Rocco a Matteo De Blasio

Due giovani innamorati litigano a sangue in continuazione; alla fine si sposano. Come fa ad appassionare una storia simile? Eppure è la trama di centinaia di commedie di successo. Non dipende nemmeno da come l’autore declina la trama: funziona sempre. Prendete Gli innamorati di Goldoni: una storia d’amore quasi stucchevole per com’è autoreferenziale (solo di […]






continua »