18
maggio
2022

racconti

Paolo Vanacore
Parole e ombre/18

Polaroid

«Veronica, come facciamo con tuo marito? Le chiesi. Tranquillo, Giovanni. Non lo saprà mai. Rispose. Purtroppo, le cose non andarono esattamente così. Sono passati trentatré anni e il marito mi sta ancora cercando»

Immagine di Luisa D’Aurizio Iniziò tutto con una Polaroid, all’epoca avere una Polaroid era un vanto. Costavano molto le Polaroid e anche la carta costava molto ma io ne avevo abbastanza perché mio padre era il proprietario di un negozio di sviluppo e stampa foto, l’unico del quartiere. E così presi a fotografarle tutte. La […]

continua »
Roberto Todisco
Parole e ombre/17

Il figlio unico

«Se con Rachele avevo oltrepassato la soglia, la storia con Alice mi aveva dato una certa disinvoltura nel mentire a Giovanna. Il tradimento faceva parte della mia vita e mi dava gusto. Avevo anche preso a desiderare mia moglie con un filo di cattiveria che portava a sporadici, ma furibondi amplessi notturni...»

Immagine di Giulia Barone La prima volta è stata piuttosto sordida. Anche se devo dire che le pareti spoglie, il mobilio da quattro soldi e la ferinità muta di Rachele mi hanno aiutato a fare il grande salto, a liberare la faccenda da qualsiasi implicazione emotiva. Eppure quando sono tornato a casa sentivo il cuore […]

continua »
Michela Di Renzo
Vita di pronto soccorso

L’anello di Daniela

«Sulla porta comparve un uomo di mezza età, col volto accigliato, i capelli crespi arruffati, la barba sfatta da giorni e indosso una tuta da lavoro sporca. Dietro di lui si intravedeva una donna anziana coperta da una tunica nera lunga fino ai piedi e con un velo dello stesso colore sul capo»

Il paziente dietro la tenda gialla che copriva la parete a vetri dell’ambulatorio stava imprecando da dieci minuti. “Aspetto da più di tre ore” urlava una voce maschile, giovane, sempre più alta, ogni volta che qualcuno passava lì davanti. Daniela alzò gli occhi al cielo sospirando, si rivolse a Leo e appoggiando sconsolata la fronte […]

continua »
Daniela Cicchetta
Parole e ombre/16

Donna Giovanna

«“Quindi, lei mi sta dicendo che le donne sedotte da Don Giovanni, la duchessa Isabela e tutte le altre, nobili e popolane che fanno parte del repertorio amoroso, sono sue avventure?...»

Immagine di Lara Garofalo “Orbene, signor Giudice e signori della Giuria, non vi basta la vista dei seni dal corsetto per appurare la mia femminilità? Devo sollevare anche la gonna per dipanare i vostri dubbi?”“Donna Giovanna, non oltraggi la corte oltremodo! La sua posizione è già ambigua e compromessa” il giudice inserì un dito nella […]

continua »
Tullia Bartolini
Parole e ombre/15

Il figlio spurio

«Mentre beviamo il caffè, Irina mi racconta di aver lavorato a lungo in un negozio di tessuti a Timisoara. Provo a pensarla tra gli scaffali, gli arazzi colorati, i metri di stoffa. Al mattino lascia il bambino da sua suocera nella casa rivestita di legno in periferia...»

Immagine di Sandra Paul È arrivata in anticipo, accompagnata da un tizio che è salito fino al piano per andarsene subito dopo, senza neanche mettere piede in casa. L’uomo non aveva un aspetto rassicurante, una lunga ciocca di capelli gli cadeva sulla fronte come una coda di topo. La cooperativa Angeli custodi ci ha garantito […]

continua »
Michela Di Renzo
La vita che viviamo

Respiro!

«La mattina dopo appena alzati accendemmo la televisione: il numero di casi era ulteriormente aumentato e i comuni adiacenti a quello in cui avevamo dormito furono dichiarati zona rossa. “Non mi sembra il caso di andare all’Opera oggi pomeriggio” mi disse Bruno con un tono perentorio»

Da alcuni giorni sentivo un’oppressione al petto, una specie di mattone appoggiato sopra lo sterno che mi rendeva difficile respirare tanto che in alcuni momenti dovevo interrompere quello che stavo facendo per riprendere fiato. Era come se l’aria non riuscisse a trovare la sua strada fino ai polmoni, come se fosse diventata improvvisamente pesante. In […]

continua »
Rocco Civitarese
Parole e ombre/14

Ti devo parlare!

«Alza il viso contro il getto d’acqua. Si tira indietro i capelli. Ripete il gesto. Due mani sulla fronte, la nuca. I pollici gli sfiorano le orecchie. È una bella sensazione. È calmo, caldo e solo. Ma da solo c’è sempre il rischio che arrivi»

Immagine di Ernesto Fiorentino Andrea– Aspetta! Dove scappi? Fammiti dare un’ultima sistemata.– Non troppo pesante il trucco, Marlena.– Giusto un po’ di fondotinta per il lucido. Ecco, fatto. La nostra Star.– Pronti con la 4? Partiamo con la 4, poi un’inquadratura sulla schiena con la 6.Francesco, il regista, cinse per le spalle Andrea, la Star. […]

continua »
Roberto Cavallini
L'amore in tempi di clausure

Eventualmente baciarti vorrei

Tormenti di un vecchio in previsione di un altro Lockdown, pensando alle immagini di ieri e di oggi (ovverosia, lettera per una amica, che nessuno sa chi sia)

Il lockdown per COVID-19, come si dice oggi, è un blocco temporaneo, messo in atto per evitare il blocco definitivo, quello della morte. Nella Zona Gialla, dove vivo, quella costretta al rispetto di minori restrizioni, si può uscire dalle ore 5 della mattina alle ore 22 di sera, ma dalle ore 18 chiudono i luoghi […]

continua »
Manuela D'Aguanno
Parole e ombre/12

Equazione

«Aspettammo la battuta d’attacco e ci sporgemmo in avanti, l’uno verso l’altra, in modo da mostrarci al pubblico e inscenare dalla finta finestra un breve dialogo tra innamorati. Alla fine lui mi baciò sulle labbra. Senza preavviso»

Immagine di Carmine Frigioni “E’ una troia che non te la dà”. Lo disse mentre, vestito da cavaliere, si nascondeva dietro le quinte di legno dipinto, appena spostato indietro col volto e il busto, quel tanto che gli permetteva di non essere visto da quel pubblico di adolescenti rumorosi poco abituati a stare a teatro.Lo […]

continua »
Giuseppe Alagna
Parole e ombre/11

Rosa Rubino

La rassegna dedicata alle variazioni intorno a Don Giovanni prosegue con un racconto in versi di Giuseppe Alagna illustrato da un'immagine di Marco Marassi

Immagine di Marco Marassi Rosa Rubinonome creato dall’immaginazionee fatto reale, di carnepiù che vivente.Ontologico come un universale.Da me, da me, il Pigmalione… Rosa Rubinorosa e rubinodea dei poveri e dei ricchidono dei poveri e dei ricchidono di fioraio e di oreficedi fornaio e di pasticcierefiglia di terra, di sole e di minierediadema personificatocarne e ossigeno […]

continua »