Arturo Belluardo e Roberto Cavallini
“Da dove, da quando”

Magliana, Roma

Arturo Belluardo e Roberto Cavallini hanno tenuto il laboratorio di memoria condivisa in una scuola di Roma. Ne è nato un ritratto inedito della città, tra parole e immagini, tracciato dai ragazzi. Da lunedì Succedeoggi pubblicherà i loro “racconti”

La nostra amicizia è nata alla Magliana, proprio dietro la chiesetta romanica di Santa Passera, tra le sale della Tevere Art Gallery e le pagine di Succedeoggi. È nato un dialogo, una riflessione sul rapporto tra linguaggio narrativo e linguaggio fotografico che abbiamo declinato in diversi progetti, i più importanti dei quali ospitati proprio alla […]

continua »
Testo e fotografie di Roberto Cavallini
Un racconto romano

Enrica e la pietà

«Istintivamente scattai una foto e per togliermi dall’imbarazzo per quell’intrusione chiesi come si chiamasse la creaturina. «Enrica» mi rispose e poi bofonchiò parole confuse, quasi sottovoce...»

Era un pomeriggio di Luglio del 1989, ero tornato a via Aspertini per portare le stampe di alcune fotografie che avevo scattato alcuni giorni prima verso l’imbrunire, ad una nutrita tavolata, su una spianata prospiciente un palazzo occupato, davanti ad una strana chiesa e a due roulottes di zingari vicino ad un tendone sbilenco. Cercavo […]

continua »
Roberta Passaghe
A proposito di "Jump"

Il salto di Meno

Il nuovo romanzo di Angelo Mazza racconta la storia di un saltatore che fonda la sua vita sui numeri e le misure. Ma, in realtà, è una storia sull’amicizia e la lealtà, sul sacrificio e lo sforzo. E la voglia di essere accettati

In una estenuante giornata milanese, segnata dall’apprensione per l’esito di un’operazione chirurgica cui il padre si sta sottoponendo, Filomeno naviga tra il presente e il passato, in un continuo susseguirsi di flashback che porta chi legge Jump (Il Maestrale, 288 pagine, 20 euro) di Angelo Mazza a muoversi tra le peripezie di una promettente carriera […]

continua »
Paolo Petroni
Da domani a Campi Bisenzio

Letteratura operaia

Gli operai della Gkn Automotive, in lotta per il recupero della loro fabbrica, hanno organizzato un festival di letteratura dedicato ai temi della vita e dei conflitti di classe nell'ambito industriale. Da Carlo Bernari a Ilaria Rossetti

Gli operai della Gkn Automotive il 9 luglio 2021 sono stati licenziati. Da allora hanno iniziato una lotta per dare una nuova vita alla loro fabbrica. Tra assemblee, cortei e iniziative di solidarietà, in questi anni hanno preso possesso dello stabilimento e i suoi macchinari curandoli e avviando il progetto di una fabbrica pubblica e […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito di "Sconsigli d'autore"

Scrivere o inventare?

Andrea Carraro ha appena pubblicato un prezioso manualetto (apparentemente) dedicato ai segreti della scrittura. In realtà si tratta di un vasto catalogo di passioni, dalle quali - dice l'autore - è bene non trarre troppe certezze per scrivere...

Di questo libro uscito da poco e destinato il 25 marzo a una prima presentazione vi voglio dire tutto: si tratta di Sconsigli d’autore – Manualetto di sopravvivenza per scrittori disorientati, edito da Galaad e scritto in modo sopraffino da un grande scrittore italiano, Andrea Carraro. Il titolo e la copertina già dicono molto e […]

continua »
Alessandra Menesini
A proposito di “Notte di vento che passa”

Il sogno di Cosima

Il nuovo romanzo di Milena Agus racconta la storia di Cosima, una ragazza che cancella la sua quotidianità più comoda per scoprire il mondo. Una vicenda di sogni e di illusioni

Gentixedda. Questo eravamo per mia madre, gente da poco. Mio padre, in effetti, era disoccupato e il mio fratellino non parlava e non camminava. Racconta di vite semplici, Milena Agus, nel suo nuovo libro pubblicato da Mondadori, sua attuale casa editrice dopo un lungo sodalizio con Nottetempo. Il titolo, poetico, è Notte di vento che […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito di “Da luoghi profani”

Poesia di movimento

La nuova raccolta poetica di Elisabetta Destasio Vettori spinge il lettore come «verso qualcosa» per fargli scoprire, poi, che quest'atto implica il «provenire da un dove»

Nella Collana Icone, dedicata alla poesia, e curata per gli editori Les Flâneurs da Alessandro Cannavale, è uscito lo scorso ottobre Da luoghi profani (pagine 116, 12 Euro), di Elisabetta Destasio Vettori, in cui è raccolto e quasi drammatizzato un intero percorso, sensuale e corporale, dunque poietico e poematico, che edifica in filigrana un’intera identità […]

continua »
Roberta Passaghe
A proposito di “La tesina di S.V.”

Lo studente solitario

Il nuovo romanzo di Alberto Capitta prende a pretesto una tesina di fine anno per raccontare il disagio di un studente, la sua ansia costante che diventa una "notte lugubre"

L’espediente del manoscritto ritrovato, di manzoniana memoria, rivive in La tesina di S.V. di Alberto Capitta (Il Maestrale, 304 pagine, 20 euro) sotto nuova forma: un elaborato di fine anno, consegnato dallo studente S.V. all’ormai logorato professore di Lettere, dà il la a una narrazione dal grande potere immaginifico. Il protagonista spende buona parte dei […]

continua »
Filippo La Porta
A proposito de "La ciantona"

La Sicilia di Guardì

Il nuovo romanzo di Michele Guardì è una storia siciliana nella quale realtà e finzione si mescolano. E, come in una commedia pirandelliana, alla fine vince il piacere dello spaesamento

Onestamente – avrò dei pregiudizi – ma un po’ mi sorprende che Michele Guardì abbia scritto un romanzo così giocoso e spericolato (La ciantona, Baldini & Castoldi, 128 pagine, 18 Euro). In che senso? Guardì è autore prolifico di trasmissioni Rai, di quelle che Pippo Baudo e Gramsci definiscono nazional-popolari, da “Unomattina” a “Domenica in”; […]

continua »
Andrea Carraro
Su “La zia pazza e altre storie di famiglia”

Storie di borghesia

Il nuovo volume di racconti di Leopoldo Carlesimo affronta tematiche familiari. Ne nasce quasi un grande ritratto della "buona" borghesia romana

Il nuovo libro di racconti di Leopoldo Carlesimo – La zia pazza e altre storie di famiglia, Iod – è una raccolta atipica nel repertorio dello scrittore-ingegnere romano, che sinora si era sempre cimentato – da Baobab (Gaffi, 2006) sino a Il perimetro Khun (Iod, 2021) – sullo schema narrativo del racconto di cantiere all’estero […]

continua »