Anna Camaiti Hostert
Un convegno della rivista "Agalma"

Emergenza permanente

Filosofi riuniti per discutere di "arte e emergenza": fino a che punto il virus sta condizionando il nostro modo di vivere e pensare? Quasi tutti hanno parlato del liquefarsi dei confini tra i saperi

Mai come nella maggior parte dei mesi di questo anno la parola emergenza ha avuto un uso più frequente. Il coronavirus ci fa vivere in uno stato di emergenza permanente, in una sorta di ossimoro che descrive l’andamento delle nostre vite. In queste ultime settimane che coincidono con l’inizio della stagione influenzale ancora più del […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

L’avvertimento

Colpendo Donald Trump, il covid ha lanciato un altro segnale: guai prenderlo sottogamba, guai sfidarlo! Ma in fondo, il presidente degli Stati Uniti è vittima soltanto della sua (pessima) strategia politica

Questo virus non tollera l’invisibilità, che lo si ignori. Non tollera che si sminuisca il suo potere. Non perdona neanche i VIP. Cosi da Johnson, a Bolsonaro, a Berlusconi, ad altri leader dell’America latina, e perfino a imprenditori, insignificanti nel panorama internazionale come Briatore, che pero lo sfidano, li infetta e li costringe all’ozio, a […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il Trumpiloquio

C'era da aspettarselo: al primo confronto in vista delle elezioni, il presidente ha saputo solo insultare Joe Biden. Nessun argomento, nessuna strategia: solo bugie e minacce. Fin qui, è il punto più basso dell'era-Trump

Nei 90 minuti del dibattito elettorale più brutto della storia degli Stati Uniti e che ha degradato il cuore della democrazia americana, si sono affrontati per la prima volta l’ex vicepresidente Joe Biden e il presidente Donald Trump. Quest‘ultimo, come suo costume, è stato aggressivo e offensivo interrompendo il suo avversario continuamente, arrivando ad accusare, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Il golpe di Trump

In spregio alle regole e alle secolari convenzioni democratiche americane, Trump ha nominato una nuova giudice della Corte Suprema: potrà tornargli utile per impugnare il risultato se dovesse perdere le elezioni. Ma non eravamo noi, quelli che approfittano del caos inventando cavilli?

In una sorta di ingenuo wishful thinking, mi ero illusa (leggi qui l’articolo) che a Donald Trump fosse rimasto un briciolo di decenza e che almeno per una volta riuscisse a rispettare le volontà di un’autorevole persona appena deceduta la quale aveva appunto chiesto che la nomina del suo successore avvenisse dopo l’elezione del nuovo […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

RBG, l’altra America

Ritratto di Ruth Bader Ginsburg, "RBG", la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti appena scomparsa: un'icona della cultura liberal e dei diritti delle donne, la cui sostituzione, ora, rischia di dividere i repubblicani

La morte di Ruth Bader Ginsburg, la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti a 87 anni, è una grossa perdita non solo sul piano umano, sociale e giuridico, ma anche politico. Nominata da Bill Clinton nel 1993 è stata la seconda donna, dopo Sandra Day O’Connor, ormai in pensione dal 2006, ad occupare un […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Trump e la paura

Ormai gli States sono prigionieri di Trump, delle sue bugie e dei suoi trucchi. L'ultimo è quello di promettere ordine e legalità (“Law & Order", come la celebre serie tv) se verrà rieletto: come se non fosse il presidente in carica che avrebbe già dovuto garantire la sicurezza degli americani...

Law & Order è une delle più famose serie televisive americane che, nata nel 1990 ad opera di Dick Wolf, è continuata per 20 stagioni, avendo un successo incontrastato. Il suo tema sono i casi giudiziari che avvengono nella città di New York su cui indaga la polizia. Arrivano poi in tribunale dove il pubblico […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Perduta America

Da un lato, le grida sguaiate della convention repubblicana, dall'altra, i sette colpi della polizia alle spalle di Jacob Blake: questa non è più l'America delle opportunità e delle libertà, delle contraddizioni e delle idee. Ma è di fronte a questo scempio che si sta andando alle elezioni

In questi ultimi tempi mi sono sorpresa più volte a guardare l’America, questo paese che amo, con profondo dolore, con occhi che non mi appartenevano, a ricevere quelle che non potrei che definire “pugnalate di enorme tristezza”. Sono fendenti che vanno a colpire con ferocia proprio il cuore di quell’immaginario collettivo che ha incarnato per […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Buon senso democratico

Mentre Trump boicotta le poste per alterare il voto di novembre, i Democratici incoronano Biden e Kamala Harris al termine di una convention all'insegna della sobrietà. Chiusa da uno slogan quant'altri mai azzeccato: «Usciamo da questa “Season of darkness”»

Di necessità virtù.  Potrebbe essere lo slogan della Convention nazionale del partito democratico che si è tenuta al Wisconsin Center a Milwaukee, in Wisconsin dal 17 al 20 agosto. Dopo essere stata spostata dal mese di luglio e ridotta nel numero a causa del coronavirus, ha avuto un formato differente da quello solito, sia per […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Perché Kamala Harris

Le origini metà giamaicane e metà indiane, il marito ebreo, l'esperienza amministrativa in California: quali sono le ragioni che hanno indotto Biden a scegliere Kamala Harris come sua vice? Negli Usa le elezioni si vincono anche grazie alle lobby...

E cosi abbiamo la coppia che guiderà i democratici alle prossime presidenziali di novembre. Joe Biden ha scelto la sua vicepresidente: Kamala Harris, senatrice della California. Era chiaro che avrebbe scelto una donna e che, dopo l’assassinio di George Floyd e l’attivismo di questi ultimi mesi del movimento Black Lives Matter, sarebbe stata nera. Biden […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il vaccino di Trump

«Un vaccino prima delle elezioni»: è l'illusione e la menzogna (cancellata da Twitter) di Trump che sta dando una valanga di soldi pubblici all'industria farmaceutica. Così il presidente Usa spera di mettere il Covid nelle urne. Con un annuncio a sorpresa che ribalti - a parole - la sua gestione disastrosa dell'emergenza sanitaria

Fake news: per l’ennesima volta, a sottolineare le menzogne del presidente è dovuto intervenire direttamente Twitter che ha cancellato un tweet di Trump che annunciava «il vaccino anti-Covid entro il 2020», classificato, appunto, come fake news. Mentre Facebook, con la stessa motivazione ha cancellato un post del presidente che affermava la raggiunta immunità dei bambini […]

continua »