Sergio Buttiglieri
In occasione di una iniziativa a La Valletta

Caravaggio e l’acciaio

Incontro con lo scultore Arcangelo Sassolino che, nel Padiglione maltese delle Biennale di Venezia del 2022 ha "riletto" Caravaggio: «Quello che mi interessa è lo sconfinamento della forma»

Il primo giugno prossimo, all’Università di Malta, Arcangelo Sassolino terrà una conversazione su Sconfinamenti. Conflicts and the unresolved border. Sculptures as metaphors of life, a cura di Keith Sciberras. È una buona occasione per approfondire la inimitabile poetica di Sassolino, che lui sintetizza con «ho un sentimento del perimetro che non si risolve». Arcangelo Sassolino, puoi […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
A proposito di “Debutto nell’oblio”

Poesia dall’oblio

La nuova raccolta poetica di Alessandro Franci propone un percorso a ritroso nel passato come un nuovo "debutto" vitale

Suona solenne e terribile nella sua crudezza il titolo della più recente raccolta di poesie di Alessandro Franci, edita da Interno Libri, Debutto nell’oblio. La fine ha principio, si direbbe: si comincia a dimenticare, a lasciare alle spalle spezzoni di avvenimenti, nomi e persone, lacerti di vita. Ma ciò che raccontano i versi, sempre nitidi […]

continua »
Ida Meneghello
Diario di una spettatrice

Essere Marcello

Chiara Mastroianni diventa il padre Marcello, alla ricerca della sua identità. Ma il film di Christophe Honoré non è una biografia: è un lavoro che va alla ricerca della maschera che è in ognuno di noi

“Marcello, come here!”, urla la figlia travestita con la parrucca bionda e il generoso décolleté di Anita Ekberg, mentre gli scrosci di una fontana (che non è quella di Trevi) la travolgono e la inzuppano fino alle ossa e lei, imbarazzata per la finzione grottesca, scappa dalla vasca inseguita dalla troupe. Guardando la prima scena […]

continua »
Testo e foto di Elena Augelli, Ludovico Clementi e Sofia Morassi
Da dove, da quanto/10

La storia di Lucia

Con il ritratto di Lucia Iavarone prosegue il racconto della storia del quartiere della Magliana raccontato dagli studenti del Liceo Montale di Roma

“Nonna, nonna! Ci racconti la storia della zia Lucia?”. “Ancora? Ma cuccioli cos’altro vi devo dire?”. “No, raccontala da capo nonna. Michele non se la ricorda bene” a parlare era stata una bambina paffutella, buttando a terra lo zaino delle elementari. “Ehi non è vero! Sei tu… sei tu che la volevi sentire”. “Va bene, […]

continua »
Roberta Passaghe
A proposito de “L’età fragile”

La vita è un cliché?

Anche il nuovo romanzo di Donatella Di Pietrantonio, così come i precedenti, è un concentrato di luoghi comuni. Nella forma come nella struttura della vicenda e dei personaggi

Che il successo commerciale di un’opera non sia necessariamente riflesso della sua qualità dovrebbe essere assodato. I numeri di L’età fragile (Einaudi, 192 pagine, 18 euro) di Donatella Di Pietrantonio – ultimo esempio della serie – evidenziano certo il riscontro di pubblico che l’abruzzese può vantare, ma sullo spessore letterario c’è molto, molto da discutere. […]

continua »
Leo Carlesimo
La libertà di Diana/3

Diana e le camicie

«Quando le chiese se per caso avesse riordinato lei le camicie e la biancheria di Lucio, nell’armadio della loro camera, lei rispose bruscamente: “Signora, io non ho toccato nulla nell’armadio”...». Presegue, con la terza puntata, il romanzo inedito a puntate di Leo Carlesimo per i lettori di Succedeoggi

Riassunto delle parti 1 e 2. Diana e Lucio – una coppia di quarantenni con tre figli – tutti gli anni alla ripresa scolastica si ritrovano a cena con gli ex-compagni di classe, nei dintorni del loro vecchio liceo. A una di queste cene la coppia annuncia di aver acquistato una tenuta in campagna. Mauro, […]

continua »
Daniela Matronola
A proposito de "La zia pazza"

Storie dal pantano

Ancora una riflessione sul nuovo libro di racconti di Leopoldo Carlesimo: un ritratto multiplo della "savana" nella quale viviamo

L’arte del racconto ha perso in questi giorni una delle sue voci più rilevanti: Alice Munro, canadese, dolce signora della narrazione breve che dal suo primo libro, Dance of the Happy Shades, apparso nel 1968, in piena epoca di contestazione (in azione nel Nord America, per la verità, fin dalle contestazioni californiane degli anni Cinquanta), […]

continua »
Luca Fortis
I diritti dei popoli

Metti Gandhi a Gaza

Quale pacifismo può salvare davvero Gaza? Non quello minato da Hamas e Netanyahu, ma la lotta non violenta di Gandhi e Mandela. Una riflessione non scontata (e non "tifosa") sulla crisi mediorientale

Ormai è talmente difficile poter ragionare sulla questione israelo-palestinese, senza essere schierati da una parte o dall’altra, che a volte si tende a evitare accuratamente il discorso. Le persone come me, che pensano che il popolo palestinese e israeliano siano entrambi da tempo ostaggio dei loro politici, di speculari estremismi religiosi e di interessi geopolitici […]

continua »
Testo e foto di Agnese Bacci, Beatrice Ferrari, Sofia Trombini
Da dove, da quanto/9

Monica e l’Apebook

Con la storia di Monica Repetto e della sua biblioteca ambulante prosegue il ritratto del quartiere romano della Magliana fatto dagli allievi del Liceo Montale

Tra le vie della Magliana, Monica Repetto, grazie ai genitori, ci ha passato l’infanzia, ma è stata sua la scelta di passarci la vita. Monica non nasce nel quartiere Magliana ma è una zona che vive, ci abitavano i nonni. Più nello specifico, in via Pian Due Torri, vicino a dove risiede tuttora. Di queste […]

continua »
Lina Senserini
A Verbania

Raccontare la storia

Blogger indipendenti e gruppi di lettori "anonimi" candidano i romanzi storici che partecipano al Premio Amalago. La vincitrice, quest'anno, è stata Carla Maria Russo

C’è un premio letterario nazionale che, dal 2021, viene assegnato al miglior romanzo storico di autore italiano, unico nel suo genere per le modalità di selezione delle opere in lizza e per il sistema di valutazione che porta al vincitore. Si chiama Premio Amalago, dal nome dell’associazione culturale no profit che lo ha promosso, fondata […]

continua »