Laura Novelli
In scena al Vascello

Tempesta di ormoni

"La tempesta" diretta (e interpretata) da Valerio Binasco è un omaggio (con qualche lungaggine di troppo) alla modernità di Shakespeare, alla sua capacità di mettere a confronto giovani e vecchi

Di cosa ci parla oggi un dramma romanzesco come La Tempesta di Shakespeare? Come può una storia di magia e di esotica ricerca dello stato di natura risultare nostra contemporanea? Attraverso quali canali la vicenda del diseredato Prospero e di sua figlia Miranda può affascinare e nutrire la coscienza moderna? Sembra prendere le mosse da […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli States

Shakespeare, l’americano

Una raccolta di saggi su Shakespeare negli Usa, con la dotta prefazione di Bill Clinton, spiega come e perché il grande poeta inglese sia considerato patrimonio amercano

Durante questa estate rovente in cui l’America brucia tra le fiamme dei disordini razziali che ancora non accennano a sopirsi, un volume su Shakespeare uscito alcuni mesi negli Stati Uniti fa ancora discutere. Il libro curato da James Shapiro, Shakespeare in America. An Anthology from the Revolution to Now, oltre ad un’insolita prefazione di Bill […]

continua »
Teresa Maresca
Visto al Piccolo di Milano

Otello sulla luna

Luigi Lo Cascio ha riscritto la grande tragedia di Shakespeare in endecasillabi e in siciliano. Un gioco teatrale per raccontare la pazzia di Otello che ignora l'amore e finisce sulla luna come Astolfo

Credo di essere lo spettatore che ogni attore e ogni regista vorrebbe avere. Infatti da sempre vado a vedere uno spettacolo con lo stupore di un neofita, cosa che mio sento di essere ancora: ricordo la mia prima volta a teatro, da piccola, a Roma, a uno spettacolo con Eduardo, quando i tendoni rossi si […]

continua »
Danilo Maestosi
A Roma, Palazzo Sciarra

Un Impero a colori

Canaletto, Constable, Fussli, Hogart, Reynolds e Turner: una bella mostra alla Fondazione Roma racconta il Settecento inglese, il secolo del grande primato di Londra sul mondo

Non lasciatevi influenzare dai tre nomi stampati a lettere cubitali in cartellone: Hogart, Reynolds, Turner. I primi due ben inquadrati e rappresentati, il secondo offerto solo in assaggio, Non è la solita mostra grandi firme, ai quali si fa sempre più spesso ricorso per nascondere approssimazione critica e ragioni di cassetta, quella che la Fondazione […]

continua »
Elisa Campana
Cartolina da Londra

L’ultimo Macbeth

Michael Fassbender e Marion Cotillard interpretano l'infernale coppia shakespeariana nel film di Justin Kurzel. «Ma quel ci interessa è il lato umano della cattiveria»

«Fair is foul and foul is fair/ Hover through the fog and filthy air». I primi iniziali versi racchiudono già quel hurlyburly, quel vortice di surreale tumultuosità che ci accompagnerà fino alla caduta del sipario finale. In Macbeth ritroviamo il dramma di un uomo accecato dal potere e dall’ambizione, una bramosia così sfrenata da spingerlo […]

continua »
Elisa Campana
Lettera da Londra

Effetto John Ford

La Royal Shakespeare Company riscopre il grande drammaturgo post-elisabettiano: metterà in scena "Sacrificio d'amore" una sorta di "Otello" al femminile scritto nel 1633

Sacrificio d’amore (Love’s Sacrifice) è una tragedia della vendetta pressoché dimenticata che John Ford, illustre contemporaneo di William Shakespeare, pubblicò nel 1633. L’opera è una delle poche giunte fino a noi di Ford, insieme alle più celebri Peccato che sia una sgualdrina (‘Tis a pity she’s a whore); Il cuore infranto (The Broken Heart); Maliconia […]

continua »
Valentina Mezzacappa
Intervista al grande regista

La bibbia di Greenaway

«La gente non è preparata per affrontare ciò che non presenta le caratteristiche convenzionali della realtà. E la realtà è di per sé una convezione». Incontro con Peter Greenaway, in occasione dell'uscita di «Goltzius and the Pelican Company»

Arriva ufficialmente in Italia, dopo la proiezione nel 2012 al Festival Internazionale del Cinema di Roma e nel 2013 al Cinema Arcadia di Melzo, Goltzius and the Pelican Company di Peter Greenaway. Distribuito da due giovani società milanesi, Lo Scrittoio e Maremosso, il film sarà proiettato su scala nazionale nei teatri più prestigiosi della nostra […]

continua »
Nicola Fano
Visto nella rassegna Romaeuropa

Il rave di Amleto

L'Amleto diretto da Andrea Baracco è un capolavoro "politico" su una generazione uccisa dall'immoralità e dalla vanità dei padri. Davvero uno spettacolo da non perdere

Ci vuole soprattutto molto coraggio per mettere in scena Amleto di Shakespeare: è impossibile nascondersi che ci si deve misurare non solo con le proprie idee, ma anche con secoli di interpretazioni shakespeariane (al limite della noia e della banalità) e con l’intera memoria teatrale di ciascuno spettatore che, ragionevolmente, di Amleto ne avrà visti […]

continua »
Valentina Mezzacappa
Verso le celebrazioni shakespeariane

Quell’amore totale

Shakespeare ha messo in scena l’amore come se a farlo fosse stata una legione di drammaturghi, intenti nell’agire sotto lo stesso pseudonimo: in questa ambiguità (oltre che in questa "vastità" di suggestioni) è la sua grandezza

Cantava Baldassarre in una delle scene chiavi di Molto rumore per nulla: «Mai più sospiri, donne,
 mai più sospiri ormai, 
che ogn’uom v’inganna,
 un piè sull’onda, 
un sulla sponda,
 donne, fedele mai. 
Perciò non sospirate,
 ma ogn’uom lasciate
 andar, gaie e gioconde,
 vostre doglie voltate 
in canti allegri, allegri e gai». Con l’arietta di Baldassarre, […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

Come la strada

Wole Soyinka, da caposcuola di una nuova generazione, rimette in scena il rito (e il mito) con cui l’uomo risponde al brivido del nulla. Dopo Beckett e Shakespeare…

Nato in Nigeria nel 1934, nonostante ripetute persecuzioni mantiene un legame stretto con il suo paese. Vive negli Stati Uniti, è uno dei grandi scrittori del nostro tempo. Romanziere, poeta, saggista, premio Nobel per la letteratura nel 1986, celebre già da giovane, sulle scene londinesi, per il suo teatro, è, a mio parere e non […]

continua »