Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Infiniti in una lacrima

L’appartato Salvatore Marradi che trae ispirazione dalla voce di grandi poeti, questa volta è in ascolto di Li Ma, forse attratto dal mistero da cui anche l’antico cinese è circondato. Una voce forte e compassionevole che sa, attraverso la parola poetica, ridare alla madre il proprio figlio

Da un poeta cinese di cui si sa poco, vissuto pare nel settimo secolo dopo Cristo, Li Ma, che Salvatore Marradi considera inferiore solo al grande Li Po. In questi versi riscritti appunto, con la consueta libertà creativa, da Salvatore (ormai ci chiamiamo per nome, cominciamo a conoscerci), il poeta vive lo strazio di una […]

continua »
Umberto Brunetti
Il nuovo numero de «La freccia e il cerchio»

Senza il nemico

La rivista curata da Edoardo Sant’Elia si concentra sul tema binario Nemico/Scelta. Dai versi di Alberto Fraccacreta agli interventi critici di Patricia Peterle, Salvatore Ritrovato, Massimo Capaccioli, Bruno Moroncini e altri, una riflessione a più voci sulla fratellanza

La freccia e il cerchio è il titolo che Edoardo Sant’Elia ha scelto, traendolo da una poesia di Marina Cvetáeva, per la rivista edita dal 2010 al 2021 dalla casa editrice La scuola di Pitagora, con valore ovviamente programmatico: se, come recita il distico della poetessa russa, «Il pensiero è una freccia. / Il sentimento […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Verità di istanti

«…E nella coppa di champagne si compie la mia sorte» scrive Clemens Brentano, ardente poeta romantico tedesco. Un’estasi di amore che rivela la modernità del romanticismo e «la capacità della poesia di contenere diverse età dell’uomo in una sola passione»

Versi trascinanti sull’estasi d’amore. Il poeta chiede a lei di lasciarsi prendere negli occhi e nella sua stessa essenza ignea, cerca l’infinito, come i Greci e i Troiani in Elena, come gli stilnovisti negli occhi (che non sono soltanto luci, ma passaggio), della donna.Come certi poeti barocchi, come John Donne, ma più sensuale, più ardentemente […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Natale nudo

Senza suggestioni natalizie, questi versi di Novalis tratti dai “Canti spirituali”, svelano l’essenza primigenia della divinità. Sono la scoperta della presenza di Dio che si fa uomo in forma di bambino. Ovunque

Nella bellissima traduzione di Giorgio Cusatelli, traduzione che fa vivere e rivivere la voce dell’autore, come deve essere, un passo dai Canti spirituali di Novalis, che in questi libro e negli Inni alla nottescrive due pilastri della poesia di ogni tempo.Questa non è una lirica sul Natale, come ogni anno ho proposto, ma un passo, un passaggio sulla […]

continua »
Alberto Fraccacreta
“Piazzale senza nome” di Luigia Sorrentino

Memorie di naufraghi

Nella nuova raccolta della poetessa napoletana trovano riscatto i tanti giovani morti per droga incontrati nella giovinezza. Attraverso la parola lirica si riempiono i vuoti, si curano le ferite così che «la morte svanisca e avvenga la resurrezione»

Può la poesia rendere giustizia ai dimenticati della storia? Sembra questa la domanda posta in esergo da Luigia Sorrentino in Piazzale senza nome (Samuele Editore, La Gialla Oro, 102 pagine, 13 euro), silloge che reca con sé lo stigma dell’ampio «poema» e l’«incisività del frammento». I versi di Sorrentino sono noti per essere slabbrati e icastici, lacerti […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Il poeta che guarda

«Oggi dalla finestra… ho visto i bambini che tracciano un filo segreto… verso le loro future rive». Di attesa e di realtà è fatta la poesia di Loretto Rafanelli, e di incontri, di pietas ungarettiana, di devozione luziana. Anche in questa nuova raccolta

Attesa, realtà onnipresente nella poesia di Loretto Rafanelli, attesa fervida che sente e spera già il suo compimento. E l’attesa non è quella beckettiana, congenita e infinita, ma quella dinamica del viaggio, che intercorre tra tappa e tappa, fra treno e treno, visione e visione: «La notte imbruna le vie,/di un ultimo accenno,/ fianco a […]

continua »
Marco Vitale
“Chiari d’aria” di Daniele Benvenuto

L’orizzonte del cuore

Torna a farsi sentire la voce del poeta toscano con una raccolta che si articola e si struttura nella poetica del frammento. Un percorso poetico scandito in 35 “fogli” dove, in modo esperto e con un lessico ricercato, la «brevità fronteggia il bianco della pagina»

Tra la parola e il vuoto si gioca la sorpresa, e certo la trasparenza di questi Chiari d’aria, libro che segna il ritorno alla poesia, dopo un silenzio durato quarant’anni, di Daniele Benvenuto (Book Editore, Riva del Po 2021, 68 pagine, 15 euro). L’esordio, e fino a oggi unica stazione del poeta, risale infatti al 1980 […]

continua »
Giuseppe Grattacaso
A proposito di “All’altro capo”

Versi dall’abbandono

Nella nuova raccolta di poesia di Roberto Deidier la ricerca dell’equilibrio è minacciata a tratti dallo scoramento, lascia intravedere fratture che si dispera possano essere risanate, manifesta scivolamenti verso zone buie

La poesia di Roberto Deidier è caratterizzata da un tono elegiaco, contenuto e misurato, una sorta di pacata malinconia che si nutre dello sguardo sulla vita, spesso sulla vita della natura oltre che quella degli esseri umani, nel tentativo di cercare un senso che spieghi la nostra presenza, una ragione che possa risolvere le ambiguità […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Lungo il Canal Grande

Suggestioni veneziane che hanno irretito poeti. Venezia, la gondola, in diverso modo ‘letta’ e vissuta da Goethe e da Byron. Evoca qualcosa di mortuario ma anche i segreti delle alcove. Eros e Thanatos. Per il grande tedesco, nascita e morte

Goethe è un dei più famosi tra i poeti scrittori e artisti che dalla fine del diciottesimo secolo si mossero verso l’Italia come culla dell’Europa. Famose le sue Elegie romane, meno noti, forse, gli epigrammi veneziani: la capitale dei Mari, la Serenissima, non poteva esercitare su di lui l’incanto di Roma, mentre il poeta stradotato e […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Nessun brusio fanno le stelle in cielo…

Bisognoso di Cristo e nostalgico di Pan, Lucian Blaga, uno dei grandi poeti del nostro tempo, «esprime una poesia potentemente tesa alla ricerca del senso ultimo… impregnata di nulla leopardiano». Come in questi versi tratti da “I poemi della luce”

Nato alla fine dell’Ottocento, morto poco più che sessantenne nel 1961, il rumeno Lucian Blaga è uno dei grandi poeti del nostro tempo. In una vertiginosa ma lucidissima mistica cristiana e pagana, bisogno di Cristo e nostalgia di Pan, Blaga esprime una poesia potentemente tesa alla ricerca del senso ultimo, senza nulla cedere alle insidie, […]

continua »