Andrés Neumann
Accoglienza e diffidenza

Io, un clandestino

Andrés Neumann, uno dei maggiori organizzatori di teatro internazionale, racconta la sua esperienza di clandestino nel mondo: «Che cosa ho imparato? Che non serve alcun titolo, né il consenso di nessuno, per fare nella vita quello che il tuo Demone ti ispira a fare»

Ho fatto una vita intera da imbucato e da clandestino. Non ho mai avuto titoli per fare quello che ho fatto. Ho cominciato presto, arrivando il primo giorno di scuola senza parlare una parola della lingua del posto (lo spagnolo, mentre era il tedesco la mia lingua madre). Poi, studiando ingegneria (per seguire le tracce […]

continua »
Nicola Fano
In margine alla morte del grande regista

Ricordare Peter Brook

Shakespeare, spiritualità, vuoto: sono le tre parole chiave del teatro di Peter Brook. Ecco perché occorre ricordarlo: da lui e dalla sua lezione bisogna ripartire per dare ancora un senso al teatro

Peter Brook ha insegnato qualcosa al teatro anche con la sua morte. Questa circostanza è propria dei grandi la cui “improvvisa” assenza (è sempre improvvisa, la morte, anche se sopraggiunge a 97 anni) impone riflessioni, analisi, considerazioni necessarie; come a ricapitolare quale strada ci aspetta a partire da ciò che è stato. Quel che è […]

continua »
Nicola Fano
A Roma alle Vie dei Festival e poi a Modena

La Tragedia Terra

“Red Forest“ di Belarus Free Theatre è una tragedia greca in cui il destino combatte gli uomini che vogliono distruggerlo. Ma più del messaggio conta il carosello di straordinarie invenzioni sceniche

Immaginate di dover aggiornare la tragedia greca al Terzo Millennio e avrete Red Forest, lo spettacolo di Belarus Free Theatre che le Vie dei festival ha portato a Roma al Vascello nei giorni scorsi (e che ora è atteso a Modena dove sarà domani e dopo). In circa ottanta minuti, scorre la vita di una […]

continua »