Gabriele Trama
Ambientalismo truccato

La fine del diesel

Lo scandalo dei controlli manomessi dalla Volkswagen è destinato a cambiare radicalmente i consumi di energia. Condannando il Diesel. Ma chi ricaricherà le auto elettriche?

Lo scandalo che sta travolgendo la Volkswagen e che si ripercuote su tutta l’industria automobilistica tedesca, con probabili riflessi anche sullo stesso governo Merkel, accusato dai Verdi tedeschi di essere a conoscenza della truffa, potrebbe segnare una svolta epocale anche per l’ambiente. Fino agli Anni Settanta i motori diesel, lenti e pesanti, erano considerati poco […]

continua »
Gabriele Trama
Un record preoccupante

Se la Terra suda

Il 2014 è stato l'anno più caldo della storia. Colpa di carbone e petrolio. Ma potrebbe essere anche l'anno della svolta: Stati Uniti e Cina si sono accorti dei disastri che provocano

L’anno che è appena finito, il 2014, è stato l’anno record per il riscaldamento del nostro pianeta: nei dodici mesi trascorsi è stata misurata la temperatura media della Terra più alta dall’inizio dell’era industriale. Sembra strano parlare di caldo proprio in questi giorni, quando il clima è rigido in Europa (ma soprattutto negli Stati Uniti, […]

continua »
Gabriele Trama
Dopo la rivoluzione Harley & Davidson

L’Obama elettrico

Superata (quasi) la crisi economica, gli Stati Uniti riprendono la battaglia ambientalista con il quale il presidente vinse le elezioni. Puntando tutto su gas e mezzi di trasporto “puliti“

Recentemente, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha accentuato il suo impegno nella lotta all’inquinamento e al riscaldamento globale: ha firmato un decreto che obbliga le centrali termoelettriche a carbone a ridurre del 20% le emissioni di CO2 e che introduce un sistema di tassazione per le industrie più inquinanti. D’altra parte, non dimentichiamo […]

continua »
Gabriele Trama
Il fantasma galleggiante al Giglio

Requiem per la Concordia

Alla nave incagliata dalla stupidità degli uomini non è stata garantita neanche una degna sepoltura in mare. Forse l'ambiente avrebbe saputo digerirla...

E così il leviatano se ne va. I piccoli uomini hanno deciso il destino della carcassa: verrà smantellata, fatta a pezzi in un cantiere, distrutta. Dopo la morte ingloriosa, incagliata su uno scoglio per soddisfare la vanagloria del suo stupido comandante, vergogna di tutti i marinai, le viene negata la sepoltura in mare. Non potrà […]

continua »
Gabriele Trama
Dopo la firma del 20 maggio

Mosca lava Pechino

Lo storico accordo per la fornitura di gas russo alla Cina potrà contribuire a migliorare la salute della terra. Ma garantisce totale liberà d'azione (in politica estera) a Putin. Soprattutto nei confronti dell'Europa

Il 20 maggio il presidente di Gazprom, la più grande azienda russa di estrazione e commercializzazione di gas naturale, e il presidente della CNPC (China National Petroleum Corporation), hanno firmato un accordo  per la fornitura di gas alla Cina che avrà una portata storica. Il contratto prevede che 38 miliardi di metri cubi di gas […]

continua »
Gabriele Trama
In cerca di nuova Unione

L’energia europea

Hollande e Tusk hanno proposto la creazione di una autorità sovranazionale che determini una politica energetica comune e coordini gli approvvigionamenti. È l'unico modo per correggere il caos ambientale

Nel dopoguerra, quando si gettarono le basi per l’Unione Europea, il primo accordo sottoscritto a Parigi nell’aprile 1951 fu la creazione della Comunità Europea del carbone e dell’acciaio, cui aderirono Belgio Francia Germania Italia Lussemburgo Olanda. Le prime materie a circolare senza dazi fra i sei paesi furono dunque il carbone e l’acciaio, strategiche per […]

continua »
Gabriele Trama
Dopo l'accordo di Cop21

Il clima sta cambiando?

195 Paesi si sono impegnati ad abbattere i consumi di combustibili fossili dal 2020 e ad azzerarli dal 2050. Basterà? Dipende da chi vincerà le prossime elezioni americane

Non è un buon accordo ma è un accordo. Così si potrebbe riassumere il risultato della 21.ma Conferenza delle Parti, la riunione annuale dei paesi che partecipano alla convenzione ONU sul cambiamento climatico. Il vero successo di questa conferenza di Parigi è quello di aver messo d’accordo, per la prima volta, 195 paesi, in pratica […]

continua »
Claudio Conti
Disastri e cura dell'ambiente: l'esempio inglese

A Londra non piove?

Le drammatiche alluvioni che si stanno susseguendo in Italia ci imporrebbero di ripensare la gestione del suolo e delle acque. E invece si continua a sfruttare il terreno (come prevede la proposta di legge della Regione Lombardia). A Londra, invece...

Genova, Parma, Carrara, Chiavari, Albenga … non è l’itinerario per una vacanza, ma l’elenco – che si vorrebbe finalmente concluso – delle località in cui nell’arco di pochi giorni si sono susseguite alluvioni catastrofiche provocate dalla violenza dell’acqua. Purtroppo questa è una stagione notoriamente piovosa; sicché siamo ridotti a chiederci: dove si verificherà il prossimo […]

continua »
Michela Leonardi
Lo Spazio visto dalla Terra

A che cosa serve l’acqua su Marte?

La Nasa annuncia che su Marte potrebbe esserci acqua salata allo stato liquido. E cominciano le domande e le ironie: solo un trucco per nuovi investimenti "inutili". Vediamo perché la risposta è no

Due giorni prima dell’uscita in Italia di The Martian, il nuovo film di Ridley Scott su un astronauta rimasto da solo durante una missione su Marte, la NASA ha pubblicato una notizia che secondo molti potrebbe giustificare la realizzazione di tali missioni. In un comunicato stampa ha annunciato nuove prove a favore della presenza di acqua liquida […]

continua »
Gabriele Trama
La scienza e i consumi industriali

Fa troppo caldo

L'Intergovernamental Panel on Climate Change ha aggiornato in peggio i dati sul riscaldamento globale. Occorrerebbe cambiare sistema energetico. E invece solare e eolico languono. Anche per colpa di certi "ambientalisti"

L’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC) ha recentemente pubblicato il suo rapporto annuale sullo stato del cambiamento climatico globale e le sue raccomandazioni per contrastarlo. Sostanzialmente non è molto diverso dai precedenti. Sicuramente la causa del riscaldamento globale è l’uomo e la sua ostinazione nell’impiego di energie altamente inquinanti. Il continuo aumento di CO2 nell’atmosfera, […]

continua »