Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Signori, la sigla!

Perché la Mostra di Venezia, a differenza di Cannes e Berlino, cambia in continuazione la sigla che introduce le proiezioni? Puro masochismo: ogni volta è peggio. Quest'anno, tra lo sceicco bianco di Sordi e Gene Kelly...

Nei festival importanti, prima di ogni film, va in onda una sigla. Dura un minuto all’incirca, anche meno, e serve a ricordare agli spettatori e agli accreditati dove si trovano, a portarli dolcemente dentro l’universo onirico del film che stanno per vedere (mamma mia, quanta poesia!). Si tratta quasi sempre di un breve filmato realizzato […]

continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Un giorno da Leoni

Jane Fonda e Robert Redford ammaliano Venezia (che li ha premiati) con un film semplice e bello: “Our Souls at Night”. Quale modulo che bisogna firmare, per invecchiare così bene?

Se vi diciamo che ci siamo commossi, vi mettete a ridere? Speriamo proprio di no. Rivedere insieme Jane Fonda e Robert Redford, 50 anni dopo A piedi nudi nel parco e 38 anni dopo Il cavaliere elettrico, ci ha provocato la lacrimuccia. Sono stati una coppia meravigliosa, per bellezza e per talento, e lo sono […]

continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Marameo al diavolo

Il nuovo film di William Friedkin (“L'esorcista") non è nemmeno un film: è il documento inquietante di un autentico esorcismo. Con il protagonista, Padre Amorth, che letteralmente fa marameo al maligno

Primo caso di VAR alla Mostra del cinema: il diavolo è uscito o non è uscito? Risposta non c’è, o forse chissà, come cantava il poeta: l’indemoniata si nega al telefono e non sapremo mai se l’esorcismo è andato a buon fine. Parliamo di Il diavolo e padre Amorth, sicuramente l’oggetto più inquietante visto quest’anno […]

continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

New Jersey chi?

Non sono Frank Sinatra o Bruce Springsteen, sono i "dissuasori", quei moloch di calcestruzzo che bloccano possibili attentati lungo i viali. Anche qui a Venezia, dove per la prima volta fa irruzione il terrorismo internazionale

Pare che faccia molto “fico” chiamarli New Jersey. Sta di fatto che al Lido sono ovunque, per ovvi (e sacrosanti) motivi di sicurezza. Così anche noi festivalieri possiamo sentirci, anziché in Veneto, nel “Garden State” che occupa la East Coast americana sotto New York. Il New Jersey è uno stato che ha dato molto al […]

continua »
Alberto Crespi
Zattere agli Incurabili

Var Venezia

Uno spettro di aggira per la Mostra del Cinema di Venezia: pare che il direttore Alberto Barbera voglia dare a tutti la possibilità di ricontrollare in video le scene clou dei film. Insomma, la Var del calcio è arrivata anche qui. Parte con questo scoop la rubrica di Alberto Crespi per Succedeoggi

Appena arrivati a Venezia, e dopo aver speso 51 euro di traghetto (la prossima volta useremo davvero la zattera), ci tuffiamo nell’atmosfera dell’incipiente Mostra del cinema e veniamo a conoscenza di un inquietante retroscena: lo svolgimento regolare della 74esima edizione della Mostra d’Arte Cinematografica è ad altissimo rischio. E tutto a causa di un’innovazione tecnologica, […]

continua »
Alessandro Boschi
A proposito di "Storia d'Italia in 15 film"

L’Italia è un film

Ritratto (semiserio) di Alberto Crespi che ha raccontato (in un libro) la storia d'Italia attraverso il cinema. Tra una trasmissione radiofonica e una televisiva. Insomma, un continuo attraversamento di generi

Al terzo piano, edificio G, della sede Rai di via Asiago, c’è un distributore automatico di caffè e bevande varie. Di solito, chi è pigro e non ha voglia di raggiungere il bar nel cuore della sede radiofonica più celebre d’Italia e non solo, è lì che si reca per un momento di pausa. Ed […]

continua »
Nicola Fano
Una delizia per cinefili

L’Italia è un film

La truppa di “Hollywood party" ha stilato la classifica dei cento migliori film italiani e ha scritto un libro in cui spiega perché siamo tutti figli di una grande commedia (a volte drammatica)

C’è in libreria una delizia per cinefili: uno di quei libri che bisogna tenere sul comodino insieme alla sveglia e agli occhiali in modo che ogni sera e ogni mattina ci si possa ricordare chi siamo e da dove veniamo. Il libro si chiama I 100 colpi di Hollywood party (edizioni RaiEri, 331 pagine per […]

continua »