Leonardo Tondo
Reportage dalla memoria

Esotico Afghanistan

Da Mykonos a Istanbul, poi in treno a Teheran e in autobus fino a Taybad per attraversare a piedi la frontiera e dirigersi verso Herat, Kandahar e finalmente Kabul. Quando la terra di Zarathustra era la meta preferita della “meglio gioventù” assetata delle libertà oggi negate dagli studenti coranici

Il confine con l’Afghanistan lo attraversai esattamente cinquant’anni fa. Per vicende complicate da raccontare i miei zii si erano stabiliti a Teheran e pensai di andare a trovarli ma con mezzi lenti. Tutto inizia con i biglietti al Centro Turistico Studentesco alla ricerca di un volo per Istanbul tanto per avvicinarmi alla meta. Nell’attesa trovo […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Tempo d’impegno

Vent'anni dalle Torri gemelle: due decenni di inutile e tragica guerra in Afghanistan, poi la radicalizzazione della destra americana, il ciclone distruttivo di Trump che ha travolto le istituzioni Usa. Serve una nuova strategia per risollevare il Paese. L'impegno, per esempio...

Seppure riluttante a scrivere In occasione della tragica ricorrenza dei venti anni trascorsi dall’11 settembre, proprio perché tutti si affrettano a farlo, credo tuttavia che per rispetto ai temi americani di cui mi sono occupata in questi anni e mi occupo da sempre per Succedeoggi compiere alcune riflessioni sia quasi un dovere. Ma è davvero […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

La vasca e il diavolo

Sono passati vent'anni dalla tragedia delle Torri gemelle: una vita intera, durante la quale tutto è cambiato. La storia che sembrava finita, si è riaperta come un baratro affacciato sul sangue (anche quello di Kabul). Dimenticando l'acqua quieta della Vasca del memoriale

Il nome di Alejandro Castano – quello che resta del suo corpo esploso e straziato e polverizzato – è inciso in lettere d’oro sulla balaustra di pietra lucida che circonda la grande vasca ricavata dalle fondamenta delle Torri gemelle di New York. L’11 settembre di venti anni fa, la sorella di Alejandro si torceva le […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

America, quali diritti?

Gli Stati Uniti sono ancora intrisi di razzismo: la vita quotidiana è piena di esempi illuminanti in tal senso. Proprio per questo è importante la posizione assunta da Joe Biden in merito all'Afghanistan e dettata anche dalla scelta di rispettare i diritti umani...

Sebbene abbia maturato svariate riflessioni sulla situazione in Afghanistan, fino ad ora non ne ho ancora scritto. Infatti durante i giorni passati mi sono spostata dagli Stati Uniti in Italia compiendo un viaggio più lungo del solito per cause di forza maggiore e appena arrivata sono dovuta andare di corsa in Abruzzo al Festival John […]

continua »
Flavio Fusi
Cronache infedeli

Sinistra, o cara…

Il dramma afghano è chiuso nell'immagine di quel pezzo di Kabul (il migliore?) costretto a fuggire nella pancia degli aerei occidentali. Per il resto, il mondo è sempre più complesso e contraddittorio: troppo per azzardare soluzioni facili. O immaginarie...

C’è una immagine – una sola – da cui non riesco a staccare gli occhi, nel fiume di foto, video e angosciose testimonianze che approdano oggi alla nostra riva occidentale trascinate dal naufragio dell’illusione afghana: la folla muta e funerea accalcata nella pancia dell’aereo americano pronto a decollare dall’ enigma di Kabul verso un ignoto […]

continua »
Nicola Fano
Capre e cavoli

Qualcosa di sinistra

La "sinistra” italiana (virgolette obbligatorie) sempre più spesso si trova a sostenere cose e politiche di destra. Come nel caso delle proteste contro la decisione Usa di non combattere la guerra civile afghana o nel caso dei sindacati che vogliono scioperare contro il green pass. Anche questa è una malattia senza cura?

Mischiamo capre e cavoli: l’Afghanistan e l’obbligo di esibire il green pass nelle aziende italiane. No, non per parlare dei due temi specifici (non ho titoli né competenze sufficienti), ma per riflettere sui commenti (e i comportamenti) correnti in margine a questi due fatti. Vedrete che, forse, alla fine sarà più semplice capire che cos’è […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Natale di guerra

Nelle città Usa si torna a spendere e a festeggiare con grandi addobbi il Natale: forse la crisi è passata. E allora torna il primo piano l'angoscia per chi non, perduto sul fronte ancora aperto in Afghanistan

È Natale. In un’America quasi immobile sotto la coltre di un gelo polare, ormai le decorazioni festive sono dappertutto, i negozi sono affollati con vetrine lussuose e invitanti. Tutto aperto anche la mattina di Natale. La gente si affanna per gli ultimi regali. L’economia sembra riprendere almeno a giudicare dagli ultimi sondaggi. Ma l’America è […]

continua »