Francesco Permunian

Chi sta parlando nella mia testa?

Illustrazione di Roberto Piloni Prudenza, discrezione, riservatezza, queste le tre virtù che aveva sempre onorato quel timidone di Basilio, il mio vicino di casa. E scrivo soltanto il nome, e non il cognome, per rispetto alla sua memoria. Ma soprattutto perché non vorrei fare anch’io la sua fine: a dar retta a certe “voci”, non si sa mai […]






continua »
Franz Krauspenhaar

Addio amore

Illustrazione di Stefania Fabrizi Che hai, Alex? Si chiese. Sua moglie Solange meritava un uomo migliore? No. Era perfetto lui, come lo era lei, perché nell’amore ci si crede o non ci si crede, è una religione seria che rende perfetti. E lui, arrivato a 38 anni, si considerava ancora un bambino cresciuto, con certe […]






continua »
Silvio Perrella

Il vulcano senza nome

Illustrazione di Vasco Bendini Si può dire che lo guardi quasi tutti i giorni. E’ sempre dietro i vetri della finestra del salone, quella accanto alla piccola scrivania. Non mi sfuggono i piccoli brillii che a volte si accendono nella distanza; è come se mi chiamassero. Eccoci, dicono: vieni fin qui. All’alba il sole sbuca […]






continua »
Alessandro Zaccuri

L’attribuzione

Illustrazione di Pierluigi Isola Perché è allora che mi sono sentito vecchio, non quando mi hanno detto che in ditta non potevano più tenermi. Con i libri in regola venivo a costare troppo, per via dei contributi e tutto il resto, ma di lasciarmi a casa non se la sentivano. Io lo so fare il […]






continua »
Raul Montanari

La vittoria segreta

Illustrazione di Maurizio Pierfranceschi Troppo tardi se ne accorse: tutti i suoi pezzi erano protesi nel grande, armonioso, meraviglioso attacco – solo il Re era rimasto indietro, indolente, rannicchiato nel corridoio dei Pedoni. La Torre nera guizzò improvvisa, come una lama affondata nel ventre, come un ricordo sepolto da tempo, e lo inchiodò nell’umiliante scacco […]






continua »
Andrea Carraro

Il licenziamento

Illustrazione di Claudio Bissattini L’uomo guardava assai poco incuriosito, accidioso, quella lista stampata che volteggiava fra i colleghi passando di mano in mano. Dev’essere qualche inutile comunicato interno, si disse, e la rifiutò passandola oltre. Non poteva sapere che su quella lista c’era il nuovo organigramma orfano del suo nome e del nome di altri […]






continua »
Simona Baldelli

Polvere

Illustrazione di Marina Bindella «Se la goccia cade verso l’interno» pensò «muoio. Se invece va verso fuori, la scampo». C’era un vento strano su quello sperone di montagna. Fin dalla mattina aveva soffiato a intermittenza; all’alba si era presentato con improvvise folate che salivano dalla valle portandosi nubi di pulviscolo nero, metallico, poi aveva sparato […]






continua »