Tina Pane
1985/2015: elogio della memoria

Ricordando Siani

Trent'anni fa la camorra uccideva il giornalista Giancarlo Siani. Napoli, che all'epoca rimase incredula di fronte al delitto, oggi rievoca il suo "eroe"

Aveva da poco compiuto 26 anni quando fu ucciso in un agguato a pochi passi da casa sua, in un quartiere tranquillo di Napoli, la sera del 23 settembre 1985. Stava parcheggiando la sua Mehari, pensava di andare a vedere il concerto di Vasco Rossi, invece finì tutto lì, addio vita. Si chiamava Giancarlo Siani […]

continua »
Tina Pane
Un libro pubblicato da Exorma

Viaggiare lento

Con il pollice alzato si può girare il mondo. A patto di non avere fretta e di saper godere del presente. Ecco la filosofia di "Passaggi" un diario di viaggi in autostop di Paolo Pergola

Se chiedo a mio figlio di 16 anni che cosa rappresenta l’icona della manina stretta a pugno col pollice in su, lui mi guarda come fossi una deficiente e mi risponde “like, mamma, mi piace”. L’adolescente pensa subito a Facebook, io penso a quando adolescente in vacanza (coi soldi contati) a Lampedusa mi spostavo da […]

continua »
Tina Pane
A proposito di un libro-evento

All’Italia perduta

«Storia della bambina perduta», ultima parte della tetralogia di Elena Ferrante, chiude il cerchio di un affresco di un Paese che ha fallito tutti gli appuntamenti del Novecento

Sta tutto in quel participio, perduta, che minaccia il lettore già dal titolo, il senso del quarto e ultimo volume della tetralogia «L’amica geniale» di Elena Ferrante. Storia della bambina perduta – edizioni e/o, pagine 451, € 19,50 – attesissimo da un pubblico osannante e fedele, a larga maggioranza femminile, è uscito alla fine di […]

continua »
Tina Pane
Festa al museo napoletano

Madre Smartphone

Il Madre ha festeggiato i suoi dieci anni di vita con un curioso progetto: un gruppo di ragazzi lo ha fotografato con il proprio telefonino. Quasi un occhio globale sulla città

Ha solo dieci anni, compiuti a giugno dell’anno scorso e da poco festeggiati con il riconoscimento di «migliore museo di Italia 2015» da parte della rivista Artribune. È il Madre, il Museo di arte contemporanea Donnaregina, che sorge a Napoli, in pieno centro storico, a due passi dal Duomo e dai Decumani, in un edificio […]

continua »
Tina Pane
«Bosseide» pubblicato da Gaffi

Il boss espropriato

Nando Vitali ha immaginato di entrare dentro alla testa di un boss della camorra per coglierne le geometrie barocche che la regolano. Ne è venuto un grande romanzo sul male

Esiste un altro modo che non sia la fiction, il titolo sparato dell’articolo di cronaca o l’inchiesta giornalistica per raccontare la camorra?  Esiste un modo per trasferire il flusso di pensieri di un boss di camorra dentro le pagine di un libro? Questo modo esiste e l’ha trovato Nando Vitali, che col suo ultimo romanzo […]

continua »
Tina Pane
Viaggiatori interessati/3

Tunisia senza palme

L'ultima tappa del nostro viaggio nel Maghreb è segnata dalla prevalenza dell'industria turistica sull'autenticità africana. In un misto di delusione e smarrimento

È l’ultimo dell’anno, ma bisogna concentrarsi per ricordarlo. Partiamo presto, in una giornata di freddo intenso e di vento tagliente (ci arriva la notizia che a Tunisi addirittura nevica), diretti a Matmata e ai suoi villaggi trogloditi, in un lungo tragitto che dalle porte del Sahara ci conduce verso est, verso il mare e la […]

continua »
Tina Pane
Viaggiatori interessati

Turisti in Tunisia

Qual è l’approccio di un occidentale con la frontiera del mondo arabo? Ecco la prima parte di un diario di viaggio, a metà tra report turistico e esperienza di vita

La prima istantanea del viaggio in Tunisia sono le palme dell’aeroporto di Tunisi-Cartagine sbatacchiate da un vento gelido, impetuoso, e un cielo terso e nitido che si spande a perdita d’occhio sulle case basse, sui grattacieli, sulle gru che dominano i cantieri. Il sole è accecante ma non riesce a compensare la sensazione di freddo […]

continua »
Tina Pane
Cartolina dall'Austria

Il puzzle di Vienna

I fregi d'oro e la passione per Klimt; la metropolitana pulita e le vetrine ghiacciate; il Prater e il Naschmarkt. Viaggio nel cuore dell'impero. Dopo la caduta

A Vienna non c’è traffico e non ci sono motorini; si circola con gli autobus, coi tram e con la metro; durante la bella stagione molti vanno a piedi, in bicicletta, qualcuno persino in monopattino; i turisti che ci provano gusto fanno un giro del centro sul calesse, quaranta euro per venti minuti e nel […]

continua »
Tina Pane
Una giornata particolare sulle Dolomiti

Le due Italie

Che succede se il Sud e il Nord si incontrano per una festa popolare? Forse, al di là della partecipazione, della birra, dei wurstel e delle polke, le distanze restano intatte

La mattina di Ferragosto, molto presto, il cielo sopra le Dolomiti è talmente limpido che per la prima volta in una settimana riesco a distinguere lo Sciliar e Merano 2000. Ma ciò che attira la mia attenzione è lo stendardo rosso e bianco con la possente aquila tirolese issato di fianco al corto campanile della […]

continua »
Tina Pane
A Palazzo Zevallos Stigliano di Napoli

A nord di Caravaggio

Una bella mostra rende omaggio a Tanzio da Varallo, maestro piemontese della fine del Cinquecento che lavorò a lungo a Napoli ed ebbe forti legami con Michelangelo Merisi

Il vero nome è Antonio D’Enrico, nato a fine ‘500 da famiglia numerosa di artisti nello sperduto, piemontese nord di Alagna Valsesia. Il soprannome Tanzio pare sia una storpiatura del patronimico Giovanni, da cui Hans, d’Anz e poi per sempre Tanzio; Varallo è il luogo, sempre in Valsesia, dove ha iniziato a operare. Una buona […]

continua »