Erminia Pellecchia
A San Giovanni Maggiore, Napoli

Eduardo in camerino

Una bella mostra di oggetti e "vizi scenici" eduardiani apre le celebrazioni per il trentennale della morte di De Filippo. Una ricorrenza che le istituzioni sembrano aver dimenticato

«Vengo presto in camerino perché mi devo truccare con calma; ci vuole tempo per essere pronto, il trucco è importante. Certi attori pensano che basti uno sguardo, una mossa del volto o del sopracciglio, uno sbattere delle palpebre. Invece io credo che l’attore deve trasformarsi piano piano, truccandosi lentamente e da solo per diventare un […]






continua »
Angela Di Maso
In tournée dopo il Bellini di Napoli

Ritorno a Ruccello

Giuliana De Sio riporta in scena "Notturno di donna con ospiti", un testo duro e preveggente del grande autore napoletano morto a soli trent'anni nel 1986

Si parla spesso di Annibale Ruccello. Nei foyer teatrali napoletani ogni volta che qualcuno dice di averlo conosciuto, ci si fionda su di lui come ape al miele. Tutto. Vogliamo sapere tutto. Com’era? Che diceva? Che leggeva? Chi era. La risposta è quasi sempre la medesima: Annibale Ruccello era un assetato di vita. Bellissimo e […]






continua »
Giuseppe Grattacaso
Una grande prova d'attrice

Lacrime di chiromante

Ha debuttato a Pistoia «Maledetto nei secoli dei secoli l'amore», un monologo di Carlo D'Amicis con una formidabile Valentina Sperlì. Il contrasto tra il dolore e la società dell'apparire

Valentina Sperlì è attrice di raffinata eleganza interpretativa, capace di puntare con forza sul contenitore delle emozioni e delle passioni, proprio quando maggiormente agisce per sottrazione, quando la sua presenza in scena procede quasi muovendo verso la rarefazione, con l’intento di nascondere più che mostrare. Una modalità di recitazione particolarmente propizia a dare spessore a […]






continua »
Giuseppe Grattacaso
Visto al Manzoni di Pistoia

L’eros di riserva

Torna in scena “Week end” di Annibale Ruccello con Margherita Di Rauso. E la forza dirompente di quella donna "a disagio" sembra perdersi nel tempo passato

Week end di Annibale Ruccello per la regia di Luca De Bei, andato in scena al Manzoni di Pistoia, è uno spettacolo che sembra essere sempre sul punto di suggerire una verità che penetri nella realtà in cui viviamo, illuminandola, fornendone un’irrinunciabile chiave di lettura. In effetti invece lo spettatore rimane sempre sospeso, intravedendo una […]






continua »
Elisa Campana
Cartolina da Londra

L’ultimo Macbeth

Michael Fassbender e Marion Cotillard interpretano l'infernale coppia shakespeariana nel film di Justin Kurzel. «Ma quel ci interessa è il lato umano della cattiveria»

«Fair is foul and foul is fair/ Hover through the fog and filthy air». I primi iniziali versi racchiudono già quel hurlyburly, quel vortice di surreale tumultuosità che ci accompagnerà fino alla caduta del sipario finale. In Macbeth ritroviamo il dramma di un uomo accecato dal potere e dall’ambizione, una bramosia così sfrenata da spingerlo […]






continua »
Erminia Pellecchia
Stasera anteprima a Salerno

Ecco Rai Eduardo

Tutto il teatro, ma anche le digressioni musicali, l'impegno civile e la vita privata. Per quasi un anno Rai5 renderà omaggio a Eduardo, a trent'anni dalla scomparsa

Paradossale e commovente. È con Padre Cicogna, l’umanissima storia di un prete spretatosi per amore, che la Rai dà il via – il 25 ottobre, ore 21,15 su Rai5 – alla grande retrospettiva “L’eredità di Eduardo”, che raccoglie, tra spettacoli storici e nuove proposte teatrali, grandi produzioni della rete nazionale e documentari, il meglio della produzione […]






continua »
Laura Novelli
Parla l'organizzatrice Natalia Di Iorio

Il festival del nuovo

La prossima settimana si apre "Le vie dei festival", una delle poche vetrine nazionali e internazionali che mostrano il nuovo teatro quando è ancora... nuovo e sconosciuto

Ci sono spettacoli sedimentati nella mia memoria personale – così come credo nella memoria di molti – che prima di diventare grandi lavori del nostro teatro contemporaneo sono stati le scommesse ardite di una delle rassegne teatrali più importanti della nostra Penisola. Scommesse spesso di levatura internazionale – ma non solo – giocate sul terreno […]






continua »
Luca Mazzone
Tra produzione e politica

Il Sud in scena

Nella vicenda della Nave Argo, storica realtà teatrale alternativa di Caltagirone, in Sicilia, la metafora delle difficoltà e dei disagi di chi fa cultura nel Mezzogiorno

Il rapporto tra Teatro e Città è uno degli aspetti più affascinanti e controversi dell’attività culturale di un Teatro rispetto al proprio territorio. Si creano legami profondi tra il luogo, le iniziative e il pubblico, tra funzione e fruizione. Non parliamo dei “teatri della città”, che dovrebbero assolvere un compito di raccordo tra le esigenze […]






continua »
Paolo Petroni
In scena al Palladium

La vita è un funerale

Con "Sorelle Macaluso" Emma Dante ritorna alle sue origini, mescolando vitalità a senso della morte. Ha debuttato a Roma una storia che non mancherà di far discutere l'Europa

Un gruppo di ragazze, sette sorelle, che scherzano e ridono al sole della Sicilia, una gita al mare che pian piano diventa inquietante, finisce in tragedia. Una danza, una marcia, un presentarsi in fila a fare i conti con quel che è avvenuto, con i propri sensi di colpa, cercando di scaricarli sulle altre, sui […]






continua »
Nicola Fano
Visto all'Argot di Roma

Girotondo Cechov

La compagnia Macelleria Ettore sta lavorando su Cechov usandolo come un grimaldello (attualissimo) per entrare nella grande recita della nostra autoreferenzialità

C’è un teatro/specchio che riflette la società seduta in platea e uno che si pone come strumento per cambiarla. Così come preferisco il dubbio alla certezza, preferisco il teatro che riflette a quello che vorrebbe farsi atto politico di indirizzo (e che spesso non riesce nemmeno a indirizzare al meglio i processi che ha messo […]






continua »