Luca Zipoli
Al Circo Massimo di Roma

Voci per ricominciare

Anna Netrebko e Yusif Eyvazov, star della lirica mondiale e coppia glamour del momento, hanno reso omaggio a Roma con un bel recital operistico nella rassegna estiva del Teatro dell’Opera

È approdata a Roma, in questi primi giorni di Agosto, la coppia più glamour e osservata della lirica. Compagni nella vita e sulla scena, Anna Netrebko e Yusif Eyvazov hanno scelto il nostro paese per inaugurare la ripresa (anche se parziale) delle loro attività musicali. In queste settimane, i due artisti si stanno dedicando a […]

continua »
Lidia Lombardi
Al Teatro Nazionale di Roma

Il Flaiano redivivo

Vittorio Montalti e Giuliano Compagno fanno rivivere in un'opera originale il clamoroso insuccesso del "Marziano a Roma" di Flaiano: ma la vera protagonista è la Capitale, una illusione marcia e irredimibile

Cinquantanove anni fa, il 23 novembre 1960, al Lirico di Milano fu accanitamente fischiato Un marziano a Roma, adattamento teatrale del racconto di Ennio Flaiano. A interpretarlo ,uno sprovveduto ancorché mattatore Vittorio Gassman, che aveva creduto in quell’azzardo. Ovvero proporre al pubblico meneghino, vanitoso per la propria opulenta operosità, uno squarcio dello spleen capitolino, quel […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

La vedova allegra in pista

Damiano Michieletto offre al pubblico romano una “Vedova allegra” anni Cinquanta dove si balla il boogie woogie e dove l’invito continuo alla danza diventa un invito alla vita. L’artista veneto firma la regia dell’operetta di Franz Lehár conferendo, dietro le tonalità pastello, brio travolgente e leggerezza irresistibile

L’ha fatto di nuovo. Apparentemente si è limitato ad uno slittamento temporale di appena mezzo secolo, dai valzer belle époque al boogie-woogie anni Cinquanta. In realtà l’intervento del regista veneto sulla Vedova allegra andata in scena all’Opera di Roma dal 14 al 20 aprile, ma già nel cartellone della Fenice 2017-2018, non coinvolge solo l’ambientazione. Anche […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell'Opera di Roma

Il cuore di Carmen

Prima mondiale il 2 febbraio per il balletto “Carmen” del coreografo Jiří Bubeníček. Riadattamento della novella di Mérimée e della partitura di Bizet per andare al cuore dei sentimenti della ribelle e indomita gitana (Susanna Salvi) e del suo geloso e focoso José (Amar Ramasar). Il 21 marzo trasmissione televisiva in differita su Rai5

«Era una bellezza strana e selvaggia, una figura che a prima vista sorprendeva, ma che non si poteva dimenticare. Soprattutto gli occhi, con un’espressione a un tempo voluttuosa e ferina, quale non ho mai più ritrovato in nessun altro sguardo umano». Qui sta l’essenza della Carmen di Prosper Mérimée. La tempra indomabile e il carattere […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

L’incanto del lago

Si torna a sognare sulle punte all’Opera di Roma con “Il Lago dei Cigni” di Čajkovskij messo in scena dal coreografo Benjamin Pech, già étoile all’Opéra di Parigi, adesso Maître de ballet del teatro romano

Sono le ore 19. L’inizio dello spettacolo è previsto per le 20:00. La biglietteria è ancora chiusa, il foyer è illuminato ma inaccessibile. Cominciano ad arrivare gli impazienti e gli affezionati: le famigliole con il loro seguito di bambini in giacca e cravatta travestiti da ometti e bambine in tutù luccicanti alla vita e cerchietti […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

Quale gobba?

“Rigoletto” apre la stagione lirica 2018-2019 del Teatro dell’Opera di Roma. Il classico verdiano è affidato alla regia di Daniele Abbado e alla sapiente bacchetta di Daniele Gatti: se con il primo si resta in punta di piedi e non si osa, con il secondo si riscoprono le pieghe più intime della partitura verdiana

Lo abbiamo aspettato, lo abbiamo apprezzato, lo abbiamo applaudito: è il Rigoletto che ha aperto la stagione lirica 2018-2019 del Teatro dell’Opera di Roma. In scena dal 2 al 18 dicembre, Rigoletto è stato spettatore privilegiato degli ultimi avvicendamenti teatral-musicali romani. Conferenza stampa il 26 novembre; anteprima giovani il 30; doppio incontro preliminare con il […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell'Opera di Roma

Angeli e demoni

Emma Dante torna a Roma e firma la regia dell' "Angelo di fuoco" di Prokof'ev. Opera perturbante, lontana ed estranea eppure familiare. La regista asseconda ed accentua i tratti astratti e lugubri con un ingranaggio teatrale di alto livello tecnico e stilistico

Oltre due ore di spettacolo surreale al Teatro dell’Opera con L’angelo di fuoco di Sergej Prokof’ev. E la regia di Emma Dante aderisce allo spirito dell’opera. Merito anche del Sovrintendente Carlo Fuortes, su invito del quale la regista palermitana torna a Roma. L’angelo di fuoco, rappresentato per la prima volta a Chicago nel 1921, viene accolto […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell'Opera di Roma

Danza Preljocaj

Presentato per la prima volta alla Biennale della Danza di Lione 2008 e riproposto dal Corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, "Blanche neige" di Angelin Preljocaj si conferma un classico del balletto narrativo contemporaneo. L'étoile Rebecca Bianchi è una Biancaneve in stato di grazia

«Se la danza non lasciasse un segno nel mondo, sarebbe come se non esistesse affatto». Come non dare ragione ad Angelin Preljocaj? Il suo balletto Blanche neige ne è una testimonianza. Presentato per la prima volta nel 2008 alla Biennale della Danza di Lione, si è presto affermato come un classico del balletto narrativo contemporaneo. […]

continua »
Alessandra Pratesi
Visto al Teatro dell’Opera di Roma

La bella tradizione non dorme mai

Torna al Teatro dell’Opera di Roma “La bella addormentata nel bosco”, il celeberrimo balletto: intramontabile musica di Čajkovskij e coreografia aggiornata di Jean-Guillaum Bart. Occasione felice di incontro della tradizione europea, dove il rigore della macchina teatrale si fonde con il multiforme patrimonio mitico-favolistico

C’era una volta la bella addormentata nel bosco. Un classico dei classici. Tra 1888 e 1890 Pëtr Il’ič Čajkovskij lavorava alla partitura di quello che doveva essere un kolossal dell’epoca, in collaborazione con le dettagliate, quasi tiranniche, indicazioni di ritmo e di fraseggio dell’anziano coreografo francese Marius Petipa. Seguivano una proposta dell’allora direttore dei teatri imperiali […]

continua »
Alessandra Pratesi
Al Teatro Costanzi di Roma

Ritorno alla musica

Il racconto per musica degli ultimi due secoli: da Beethoven a Schönberg e ritorno (passando per Schnittke) con l'Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma diretta da Lothar Koenigs

Chiusura della stagione concertistica del Teatro Costanzi di Roma, giovedì 17 maggio: al quarto appuntamento con la musica sinfonica nel tempio romano della lirica e del balletto, l’Orchestra del Teatro dell’Opera si cimenta con la Kammersinfonie n.2 di Schönberg (prima esecuzione 1940), con i Wesendonck Lieder di Wagner (1857-58) e con la Settima di Beethoven […]

continua »