Simona Negrelli
Al Teatro Auditorium di Arcavacata

L’armonia di Nekrosius

Il regista lituano Eimuntas Nekrosius conclude il suo lavoro sulla Divina commedia mettendo in scena il Paradiso. Un'elegia scenica centrata sull’idea di armonia e coralità

Ai tempi della scuola, il momento in cui il professore d’italiano chiedeva di tirare fuori la Divina Commedia era tra i più temuti, gli occhi si alzavano al cielo in segno di insofferenza e giù a sbuffare, come sempre accade quando una cosa la si deve fare per forza, mentre gli ormoni impazziti per la […]

continua »
Simona Negrelli
Dal 29 maggio al 5 giugno prossimi

Primavera calabrese

«Primavera dei teatri», la rassegna di Castrovillari dedicata alla scena che agisce fuori dalla tradizione, quest’anno offrirà otto prime nazionali e due anteprime

Primavera dei teatri è la prova che passione e impegno prima o poi pagano e che cultura e qualità possono valorizzare un territorio, seppure considerato marginale. Il festival, organizzato da Scena Verticale con la direzione artistica di Saverio La Ruina e Dario De Luca e quella organizzativa di Settimio Pisano, non solo ha superato indenne […]

continua »
Simona Negrelli
Bollani, Valentina Cenni e “La regina Dada”

Liberi dalla ragione

È divertente ed emozionante, poetico e surreale il collage di musica, parole, danza, mimo messo in scena dal celebre pianista e dalla sua compagna, attrice e danzatrice. Molto apprezzato dalla giovane platea dell’Auditorium dell’Università della Calabria, ad Arcavacata

La regina Dada è come una boccata d’aria fresca: tonificante e liberatoria, oltre che un po’ anarchica. Non c’è una vera e propria regia a tenere i fili di questo collage di musica, parole, danza, mimo, luci che Stefano Bollani e Valentina Cenni hanno realizzato, scritto e interpretato. E la platea del teatro Auditorium dell’Università […]

continua »
Simona Negrelli
Visto all'Auditorium di Cosenza

Rivoluzione amore

Scimone e Sframeli per la prima volta portano in scena un donna con uno spettacolo intitolato semplicemente "Amore". Due coppie intrecciano tabù, paure e passioni

È una commedia più intimista che surreale, più malinconica che di denuncia sociale, l’ultima scritta da Spiro Scimone e diretta da Francesco Sframeli. Eppure Amore, visto al Teatro Auditorium dell’Università della Calabria, all’interno della stagione curata dal Centro arti musica e spettacolo, mantiene lo sguardo puntato sulla marginalità, tanto esistenziale quanto fisica, in continuità con […]

continua »
Simona Negrelli
Al teatro Morelli di Cosenza

Levitazione naturale

Fabrizio Pugliese e Fabrizio Saccomanno hanno costruito un intenso spettacolo (che mescola ragione e illusione) su Giuseppe da Copertino, il "santo dei voli" che affascinò anche Carmelo Bene

Che cosa c’è di più affascinante del mistero? Quello che non si comprende, che non si vede, che non si dice, tutto quello che la ragione non riesce ad afferrare. In questo punto di sospensione teso verso l’infinito, credenti e non possono incontrarsi e godere insieme della storia di Giuseppe da Copertino, detto il santo […]

continua »
Simona Negrelli
Visto al teatro Morelli di Cosenza

Amleto in farsa

Il gruppo Punta Corsara porta in tournée il suo Amleto riletto tra comico e drammatico: un esperimento riuscito alle spalle di Shakespeare. E alla fine la vendetta si compie

I ragazzi di Punta Corsara sanno come far divertire. Il loro Hamlet Travestie si fa beffe di un classico della tragedia shakespeariana, strizzando l’occhio al teatro popolare e alla commedia dell’arte. Del resto, l’intento è chiaro fin dal titolo, ripreso pari pari dalla prima parodia del dramma, scritta in chiave burlesque da John Poole nel […]

continua »
Simona Negrelli
Visto all’Università della Calabria

La parola Napoli

Toni e Peppe Servillo stanno girando l'Italia con uno spettacolo di poesie e canzoni dedicato alle contraddizioni di Napoli, una città/universo sospesa tra elegia e emarginazione

L’anima di Napoli viene fuori per frammenti, per scorci illuminati. Bella e violenta, misera e selvaggia, gioiosa e sporca. Tutto tenuto insieme dalla musicalità della parola, il filo sottile che intesse una trama fatta di poesia, teatro e note. Un concetto che per i simbolisti francesi dell’Ottocento si applicava unicamente al verso poetico ma che […]

continua »
Simona Negrelli
Al Teatro Auditorium dell’ateneo di Cosenza

Il ’68 di Pasolini

Francesco Saponaro ha messo in scena, coraggiosamente, “Calderòn” con Andrea Renzi e Maria Laila Fernandez. Un pugno nello stomaco della borghesia snob e (falsamente) rivoluzionaria

Pasolini iniziò a scrivere Calderòn (e le altre cinque tragedie) in un periodo di riposo forzato, immobilizzato al letto da un’ulcera allo stomaco, e di disorientamento: in lui, il poeta e il romanziere, infatti, nella seconda metà degli anni Sessanta, avevano smarrito i destinatari e tacevano da un po’. Col Calderòn Pasolini si rivolge direttamente […]

continua »
Simona Negrelli
All'Auditorium dell’Università della Calabria

Due Servillo in canto

La nuova stagione del teatro di Cosenza parte con un bello spettacolo musicale di Toni e Peppe Servillo: poesia per Napoli, da Eduardo fino a Mimmo Borrelli

La nuova stagione del Teatro Auditorium dell’Università della Calabria sceglie di andare “Oltre la scena”. Un titolo e una dichiarazione programmatica insieme, sia perché il teatro interagisce con musica, letteratura, cinema e arti figurative, sia perché il cartellone comprende, insieme alle performance vere e proprie, anche laboratori, seminari e mostre. Si parte domani, martedì 19 […]

continua »
Simona Negrelli
“Mediterranea” di Jonas Carpignano

Con gli occhi di Ayiva

Il Premio Mario Gallo al docufilm su Rosarno che il giovane regista italo-afroamericano ha scritto insieme agli immigrati clandestini. Acquistato in tutto il mondo (dopo Cannes e Venezia), è un gioiello realista finora ignorato dalla distribuzione italiana

Pare che la madre di tutte le nostalgie sia il mal d’Africa, la saudade che ti stringe il cuore dopo aver visto la natura selvaggia del più antico continente e che ti fa ritornare, sempre, come un assassino sul luogo del delitto. Ma esiste un altro languore, altrettanto potente, il mal di Calabria. Almeno stando […]

continua »