Francesco Arturo Saponaro
Notizie sul Festival della Valle d’Itria

Márai in musica

Appena conclusa a Martina Franca la 41° edizione di una rassegna che si impegna in produzioni particolari. Come “Le braci” nella composizione di Marco Tutino, la “Medea in Corinto” di Mayr e l’opera buffa “Don Checco”

Per sua natura, un festival deve offrire produzioni particolari, magari originali, e proporre idee che meno facilmente si possano incontrare in una normale stagione di repertorio. Il che non sempre accade. Il Festival della Valle d’Itria, che si è appena concluso a Martina Franca, è invece tra quelli che onorano degnamente la loro missione. Giunta […]

continua »
Sabino Caronia
Ancora su “La metamorfosi”

Il piccolo Cristo

A un secolo dalla prima pubblicazione del celebre racconto di Kafka, breve indagine sulle possibili letture del destino di Gregor Samsa nell’invenzione fantastica del suo autore. Non ultima quella religiosa, che spazia dal “Samsara” alla cristiana santificazione redentiva

«Chi ha letto La metamorfosi di Kafka e riesce a guardarsi nello specchio senza indietreggiare è forse capace, tecnicamente parlando, di leggere i caratteri stampati, ma è analfabeta nell’unico senso che conti realmente». Queste parole scritte da George Steiner nel primo saggio del volume Linguaggio e silenzio mi tornano alla mente in questi giorni insieme […]

continua »
Marco Fiorletta
Riletture postume: Sándor Márai

Le verità di Márai

“La donna giusta” è un romanzo che scompone la storia nelle varie sfaccettature di chi la vive. Un gioco letterario che punta a rappresentare l'irrappresentabilità della realtà

La donna giusta di Sándor Márai, letto nella versione cartacea dell’Adelphi (444 pagine, 19 euro), è un libro che si presta a molteplici chiavi di lettura già ad iniziare dalla struttura dell’opera, comunque non nuova. Un’unica storia analizzata da diversi punti di vista dove ognuno dei personaggi dà la sua “versione”. Immaginate un cadavere sul tavolo autoptico […]

continua »