Lidia Lombardi
Al Vittoriano di Roma fino al 3 maggio

Fratelli Armeni

Dopo il j'accuse di Papa Francesco, a cent'anni dal genocidio, una mostra ripercorre la storia del “popolo dell'Arca” che proclamò quella cristiana religione di stato nel 301 e che Ataturk volle sterminare. Una memoria necessaria, contro il negazionismo e la prepotenza di Ankara...

Il 24 aprile 1915 è una data da ricordare. Segna l’avvio del primo genocidio del Secolo breve. Nella notte, uno per uno, gli intellettuali e i politici armeni vennero prelevati dalle loro case. Il pogrom fu opera dei Giovani Turchi di Atakurk che dopo aver fatto piazza pulita dell’Impero Ottomano voleva estirpare i fedeli di […]






continua »
Lidia Lombardi
La Domenica: itinerari per un giorno di festa

A spasso nel presepe

Rivive a Roma la vita di piazza Sant'Eustachio nella Natività allestita, come da tradizione, nel portico della basilica intitolata al martire cristiano. Una piazza dominata dal geniale “tortiglione” di Borromini e dall'aroma del caffè. E se ci si spinge fino a piazza di Spagna...

Il sussurro della fontana ritma le faccende in piazza. Lo scalpiccio dei cavalli che vengono a bere, il tum tum del falegname. Dalla locanda l’ostessa mostra un’oca. Il cielo è azzurro dicembre, invece che di stelle rifulge di angioletti. E il frate panzuto si fa sulla soglia della chiesa, a guardare la scena. Non è […]






continua »
Lidia Lombardi
La domenica: itinerari per un giorno di festa

Il Rinascimento in cinque stanze

Da non perdere l'opportunità di visitare Villa Farnesina, a Roma, sede dell'Accademia dei Lincei che da qualche anno potenzia le occasioni di apertura al pubblico. Come la conferenza che Alessandro Zuccari terrà su questo gioiello di arte e architettura il prossimo 26 marzo...

La luce radente del tramonto è come un riflettore da set che anticipa l’effetto notte. E scolpisce lassù – nel fregio della villa bianca come un fantasma in ghingheri – la danza degli amorini tra festoni di fiori. Dall’altro lato della via, le finestre d’un palazzo barocco rivelano il salone illuminato a giorno di una […]






continua »
Valentina Fortichiari
Elegia per la libreria Fanucci

Le case dei libri

Ha cessato l’attività quella che un tempo - lontano e felice - era l’Antica Libreria di Scienze e Lettere curata da Angelo e Alice Zavattini. Ma per una libreria che chiude a Roma, una milanese viene premiata alla Scuola Librai di Venezia

Pochi giorni fa, la notizia della chiusura della libreria romana Fanucci, in Piazza Madama, di fronte al Senato mi ha costernata. Negli ultimi quattro anni 50 librerie hanno chiuso i battenti a Roma, oltre 100 in dieci anni. Ogni libreria che chiude è un fallimento di portata inimmaginabile: lettori perduti, luoghi di intrattenimento felice che […]






continua »
Danilo Maestosi
Un evento curato da Daniela Amenta

Storie del Tevere

Una sera, a Roma, per raccontare le avventure dimenticate e il mito calpestato del fiume. E per capire che la città della bellezza va vissuta, non solo demonizzata

Una serata qualunque in trattoria dell’Ostiense. Chiacchere, pizzette, penne all’arrabbiata, annaffiate da un bicchiere di birra o di vino. Eppure una serata diversa. Comunque da ricordare. Ce ne fossero tante! Perché l’invito a ritrovarsi qui, dove anche Pasolini faceva tappa nelle sue scorribande notturne insieme alle sue ombre, è per parlare del Tevere, di cui […]






continua »
Paolo Petroni
All’Argentina “Teatro da mangiare?”

Mattatore è il desco

Ha inaugurato la nuova stagione del teatro romano lo spettacolo delle Ariette che va al cuore del recitare imbandendo una cena intorno a un tavolo dove si accomoda il pubblico. Che mangiando e bevendo mette in scena con gli attori la vita…

Lo spettacolo Teatro da mangiare? si è svolto questa volta, al contrario del solito, in un vero teatro, all’Argentina di Roma, ospitato sul palcoscenico col sipario chiuso che, quando alla fine si apre sulla platea e sui palchi vuoti e illuminati, pare rispondere al punto interrogativo del titolo ribadendo e sottolineando la teatralità della serata […]






continua »
Stefano Cecchetto
Un sodalizio in mostra a Roma

De Chirico rivisitato

Un libro e un’espozione alla Biblioteca Nazionale raccontano il rapporto tra l’editore artista Ezio Gribaudo e il Maestro della Metafisica. Tra passioni condivise, sincera amicizia e professione…

C’era un tempo nel quale gli artisti e gli editori sviluppavano un rapporto di collaborazione professionale che il più delle volte si trasformava in amicizia, favorita dalla durata della frequentazione fatta di numerosi incontri e molteplici occasioni di relazioni e confronti, al fine di controllare insieme tutte le diverse fasi stampa e di portare a […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
Ultime repliche a Roma di “Mahagonny”

L’idioma di Weill

La rilettura di John Axelrod e Graham Vick, in scena al Teatro dell'Opera, esalta pienamente il linguaggio operistico dell’autore, non sempre considerato di alto mestiere. Come il destino esecutivo di “Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny” dimostra…

L’allestimento è molto pregevole e il titolo è di rara esecuzione. Ascesa e caduta della città di Mahagonny (Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny), tre atti con musica di Kurt Weill su libretto di Bertolt Brecht, messo in scena a Roma dal Teatro dell’Opera, è affidato (come già è stato scritto negli approfondimenti di Nicola […]






continua »
Francesco Arturo Saponaro
Fino al 12 marzo al Teatro dell'Opera di Roma

Tosca: repetita iuvant

L'opera di Puccini riproposta nell'allestimento di Adolf Hohenstein che creò scene e costumi per la prima del gennaio 1900. Una scelta sicura e rodata che svela qualcosa della nuova gestione ora affidata a pieno titolo a Carlo Fuortes

Una Tosca nella linea dell’usato sicuro, alla ricerca di sala piena e incasso garantito. È una scelta che rientra nella rotta assunta nel suo incarico commissariale da Carlo Fuortes, ora appena nominato sovrintendente a pieno titolo del Teatro dell’Opera. Una linea che si conferma nella programmazione della stagione estiva, alle Terme di Caracalla, con tre […]






continua »
Lidia Lombardi
Un’importante mostra al Quirinale

I “fumetti” di Pontormo e Bronzino

Il presidente Mattarella apre al pubblico la “casa di tutti gli italiani” e lo fa con l’eccezionale esposizione degli arazzi medicei disegnati dai due grandi maestri del Rinascimento, assistiti da Francesco Salviati. In 20 pannelli di straordinaria manifattura la storia paradigmatica del probo Giuseppe

Raffinati quanto solo l’arte del Rinascimento poteva fare. Conservati in due dei più carismatici scrigni monumentali d’Italia, il Quirinale a Roma, Palazzo Vecchio a Firenze. Restaurati dai nostri impareggiabili artigiani. Biglietto da visita della supremazia artistica e manifatturiera italiana. Insomma, brand del Belpaese. Ecco che cosa sono i venti arazzi esposti da oggi al Quirinale […]






continua »