Alberto Fraccacreta
I “Lirici greci” dopo Quasimodo

Posseduti delle Muse

Lo sono Saffo, Mimnermo, Ibico, Alcmane, Archiloco, Anacreonte, Alceo, Simonide di Ceo, Asclepiade, Erinna, Nosside, Pindaro, Eschilo, Sofocle, Euripide. E lo è Roberto Mussapi che li ha tradotti per comporre una sua personale e asistemica antologia, «percorsa da una vena drammaturgica»

Nel 1940 Salvatore Quasimodo pubblicò con Edizioni di Corrente (nel ’44 con Mondadori) l’opera forse più importante del suo corpus poetico, la traduzione dei Lirici greci. Giudizio ardito, certamente, ma tant’è: dopo oltre ottant’anni quel mondo ieratico e arcaico, ricreato da Quasimodo, ci appare nella sua tonale freschezza e si potrebbe benissimo parlare di silloge quasimodea […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

I segreti di Psiche

John Keats a tu per tu con l'Anima. Di lei non ha mai dubitato, ben sapendo che è potenza, sorgività, respiro e non quell’astratta iperrealtà a cui la modernità l’ha condannata. E così, con i versi del grande romantico inglese “Every beat of my heart” sospende per una pausa estiva, ma il battito della Poesia continua a pulsare…

Fanno così, certi poeti: si rivolgono direttamente, dando del tu, all’allodola, come Shelley, e alla nuvola o al vento d’Occidente, alla Luna, come Leopardi, al Sonno, all’Autunno, a tante entità animanti del mondo, come John Keats.Qui a Psiche: il poeta da del tu alla sua ispiratrice prima e al segreto animante del mondo: Psiche, prima […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

La soglia necessaria

“… a turbarci il sangue / è solo il suo anelito alla tomba”. Questi versi di Yeats indicano un passaggio drammatico che tuttavia non è desiderio di morte ma desiderio di nuovo inizio in cui la vita si rimette in gioco

Non s’inganni il lettore del grande Yeats: la nostra vita non è un desiderio di morte. L’anelito alla tomba, che io traduco nella stessa voce del poeta, non è desiderio di morte ma necessità della soglia. Del punto in cui un’esperienza finisce e ne inizia un’altra. Un passaggio, non sfumato, ma drammatico. L’anelito alla tomba […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Afferrare la luna

Tre poesie di Li Po per vedere brillare il filo della sua tessitura. Tre poesie “assolute” che insieme sono parte di “un canto cosmico”. Versi proposti nella versione di Roberto Mussapi che faranno parte di un suo libro dedicato al grande poeta cinese

Tre incanti. Del grande Li Po, massimo poeta cinese, i lettori conoscono già alcune mie versioni, in un libro che ora ha preso forma definitiva.Queste tre liriche sono assolute, scritte separatamente, ognuna a sé stante, ognuna perfetta e piena come una poesia di Saffo o un sonetto di Foscolo.Ma è parte del mio libro, è […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Attraversare la morte

Essere Nessuno, come Ulisse con Polifemo, sapere di esserlo di fronte a realtà che sgomentano, esserlo «per iniziarsi alla poesia» che si consegue in piena vita, affrontando le prove. Così Salvatore Quasimodo in questi versi…

Assume il nome falso, ma profondamente vero, con cui Ulisse si salva da Polifemo, non solo si salva, lo farà fuori, accecandolo e rendendolo ridicolo. Inventando per se stesso un nome falso, Nessuno, non quello autentico, Ulisse. Ma dicendo il vero: di fronte alla sgomentante realtà dell’ominide Polifemo, del preumano, come agli incanti delle sirene […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

Come una stella

Il poeta, «la più impoetica di tutte le Creature di Dio» secondo John Keats, per il suo continuo non-essere, per il suo cancellarsi perenne nella visione e nell’opera. Così il grande romantico inglese vorrebbe essere «astro fisso… sempre immutabile»

«Il Poeta è la più impoetica delle cose che esistono, perché non ha identità, è continuamente occupato a riempire qualche altro Corpo, il Sole, la Luna, il Mare e gli uomini e le Donne… tutte creature poetiche, ma il poeta no, non ha identità, è certamente la più impoetica di tutte le Creature di Dio».Il […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Celebrazione dell’Amore

Appartiene alla sfera della poesia il lavoro di traduzione di Roberto Mussapi («scrivere poesia è traduzione assoluta») curatore della raccolta “Lirici greci” appena pubblicata e dedicata all’amico Luigi Spagnol che l’aveva fortemente voluta. Per i nostri lettori ecco Erinna e la nota del traduttore

I nostri lettori hanno già avuto anticipazioni dei mieiLirici greciche da giovedì scorso 24 giugno sono in libreria: mia la scelta e la traduzione, introduzione di Gulio Guidorizzi, (Ponte alle Grazie editore, 224 pagine, 16 euro). Ora due voci di Erinna, una grande, che ci ha lasciato pochissime liriche, assolute. Memoria e amore, il nodo […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Tasso e l’Amore

È «alma del mondo»… «è mente»… Per l’autore della “Gerusalemme liberata”, l’amore che regola il cosmo splende nel nostro mondo attraverso gli occhi e il volto dell’amata… Un sonetto in crescendo, d’origine stilnovista, con tracce di Petrarca e del Dante delle “Rime”

«Amor che move il sole e l’altre stelle», il culmine del viaggio dantesco nel cuore ardente dell’Amore. Maiuscolo, come nei grandi poeti da questo amore assoluto invasati, Rumi, Whitman: in cui l’amore è cosmico e regola il cosmo riverberando sull’uomo. Diverso dall’eros greco, pensiamo a Saffo, amore assoluto, divino e carnale insieme, fonte di tormento ed […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

L’incendio nel cuore

Poeti adoratori del fuoco. Dante e Shakespeare, Cavalcanti e Buonarroti, Luzi e lo stesso Mussapi. E Prometeo, e Marco Polo che ammira gli zoroastriani. Anche Rumi, il mistico persiano, canta «la fiamma vivace» e la nuvola nera che oscura la mente. È il fuoco divorante dell’Amore. Amore e Poesia…

Appartengo al Cerchio del Fuoco: non è una setta, né tantomeno una lobby, ma una spontanea associazione di anime che per affinità elettive sentono non solamente il potere distruttivo del fuoco, innegabile, come è distruttivo ogni eccesso di ardore, ma la generatività dell’elemento che ci donò Prometeo, fucina dell’anima. Sono uomo e poeta dell’acqua, e […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Leggendo cieli

Quella di Daniele Piccini è «una poesia duramente metafisica, lingua tesa e forgiata lucidamente, ispirata da dolorosa passione per la vita». Come in questi versi, così commentati da Roberto Mussapi

Poesia forte, drammatica, complessa, di uno dei pochi poeti italiani rilevanti della sua generazione. Piccini è nato nel 1972, critico subito importante, spicca presto anche come autore di poesia. Il primo verso ci porta subito nel dilemma essenziale – la morte, la vita dopo la morte – intrecciato con l’“essere o non essere”, “la vita è […]

continua »