Flavio Fusi
Cronache infedeli

Vent’anni dopo

Vent'anni fa, le carte bollate decisero le elezioni americane tra Al Gore e Bush jr. Ma da allora sembra passato un secolo: Trump ha stravolto le regole del gioco è mezza America gli è andato dietro

Il quartier generale di Al Gore era a Nashville, Tennessee. In attesa del giorno fatale decine di giornalisti sciamavano lungo la Main street e si facevano un goccio di birra – a volte più di un goccio – nei piccoli caffè musicali del centro città. Da Arthur’s, sgranocchiando gigantesche onion rings e crab cakes bollenti, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Sindrome Donald

Il documentario “#Unfit: The Psychology of Donald Trump” di Dan Partland analizza con grande rigore scientifico il “malignant narcissism” il narcisismo maligno, disturbo mentale da cui è affetto il presidente. Ma quali conseguenze hanno prodotto, le sue bugie, nella testa degli americani?

#Unfit: The Psychology of Donald Trump è andato in onda in prima serata su la7 due giorni fa per la trasmissione Atlantide di Andrea Purgatori. Il regista Dan Partland si era cimentato già con i problemi della malattia mentale con la serie televisiva Afflicted trasmessa da Netflix nel 2018. Questo documentario – il cui titolo […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Presidente per caso

All'ultimo dibattito televisivo Trump ha cambiato strategia: non ha insultato Biden ma lo ha accusato di tutto. Come se lo sfidante fosse il presidente in carica e Trump un "outsider della politica" e non l'uomo che ha mandando gli Usa contro il treno del Covid

Ieri sera a Nashville in Tennessee alla Belmont University si è svolto l’ultimo dibattito tra i due contendenti alla presidenza degli Stati Uniti: Joe Biden, lo sfidante, e Donald Trump, l’attuale presidente. Moderatrice è stata Kristen Welker, giornalista della NBC, corrispondente della Casa Bianca e conduttrice, su quel canale assieme a Peter Alexander, del programma […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il Trumpiloquio

C'era da aspettarselo: al primo confronto in vista delle elezioni, il presidente ha saputo solo insultare Joe Biden. Nessun argomento, nessuna strategia: solo bugie e minacce. Fin qui, è il punto più basso dell'era-Trump

Nei 90 minuti del dibattito elettorale più brutto della storia degli Stati Uniti e che ha degradato il cuore della democrazia americana, si sono affrontati per la prima volta l’ex vicepresidente Joe Biden e il presidente Donald Trump. Quest‘ultimo, come suo costume, è stato aggressivo e offensivo interrompendo il suo avversario continuamente, arrivando ad accusare, […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

Il golpe di Trump

In spregio alle regole e alle secolari convenzioni democratiche americane, Trump ha nominato una nuova giudice della Corte Suprema: potrà tornargli utile per impugnare il risultato se dovesse perdere le elezioni. Ma non eravamo noi, quelli che approfittano del caos inventando cavilli?

In una sorta di ingenuo wishful thinking, mi ero illusa (leggi qui l’articolo) che a Donald Trump fosse rimasto un briciolo di decenza e che almeno per una volta riuscisse a rispettare le volontà di un’autorevole persona appena deceduta la quale aveva appunto chiesto che la nomina del suo successore avvenisse dopo l’elezione del nuovo […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dagli Usa

RBG, l’altra America

Ritratto di Ruth Bader Ginsburg, "RBG", la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti appena scomparsa: un'icona della cultura liberal e dei diritti delle donne, la cui sostituzione, ora, rischia di dividere i repubblicani

La morte di Ruth Bader Ginsburg, la giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti a 87 anni, è una grossa perdita non solo sul piano umano, sociale e giuridico, ma anche politico. Nominata da Bill Clinton nel 1993 è stata la seconda donna, dopo Sandra Day O’Connor, ormai in pensione dal 2006, ad occupare un […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Trump e la paura

Ormai gli States sono prigionieri di Trump, delle sue bugie e dei suoi trucchi. L'ultimo è quello di promettere ordine e legalità (“Law & Order", come la celebre serie tv) se verrà rieletto: come se non fosse il presidente in carica che avrebbe già dovuto garantire la sicurezza degli americani...

Law & Order è une delle più famose serie televisive americane che, nata nel 1990 ad opera di Dick Wolf, è continuata per 20 stagioni, avendo un successo incontrastato. Il suo tema sono i casi giudiziari che avvengono nella città di New York su cui indaga la polizia. Arrivano poi in tribunale dove il pubblico […]

continua »
Luca Fortis
Il nuovo dramma mediorientale

La colonia libanese

La terribile esplosione al porto di Beirut ha scoperchiato una situazione da tempo insostenibile. Con la società civile sempre più schierata contro una politica corrotta e settaria. E l'Iran, dietro le quinte, che spera di controllare il caos

Il Libano è precipitato da un anno a questa parte nella peggiore crisi dalla fine della guerra civile. L’esplosione che ha devastato il porto e i quartieri che dal centro di Beirut vanno a nord della città non è che l’ultimo atto di una crisi scoppiata l’autunno scorso con l’esplosione delle proteste della società civile […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Perché Kamala Harris

Le origini metà giamaicane e metà indiane, il marito ebreo, l'esperienza amministrativa in California: quali sono le ragioni che hanno indotto Biden a scegliere Kamala Harris come sua vice? Negli Usa le elezioni si vincono anche grazie alle lobby...

E cosi abbiamo la coppia che guiderà i democratici alle prossime presidenziali di novembre. Joe Biden ha scelto la sua vicepresidente: Kamala Harris, senatrice della California. Era chiaro che avrebbe scelto una donna e che, dopo l’assassinio di George Floyd e l’attivismo di questi ultimi mesi del movimento Black Lives Matter, sarebbe stata nera. Biden […]

continua »
Anna Camaiti Hostert
Cartolina dall'America

Il vaccino di Trump

«Un vaccino prima delle elezioni»: è l'illusione e la menzogna (cancellata da Twitter) di Trump che sta dando una valanga di soldi pubblici all'industria farmaceutica. Così il presidente Usa spera di mettere il Covid nelle urne. Con un annuncio a sorpresa che ribalti - a parole - la sua gestione disastrosa dell'emergenza sanitaria

Fake news: per l’ennesima volta, a sottolineare le menzogne del presidente è dovuto intervenire direttamente Twitter che ha cancellato un tweet di Trump che annunciava «il vaccino anti-Covid entro il 2020», classificato, appunto, come fake news. Mentre Facebook, con la stessa motivazione ha cancellato un post del presidente che affermava la raggiunta immunità dei bambini […]

continua »