Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Il dono del poeta

Nel giorno del suo compleanno Roberto Mussapi regala a Succedeoggi e ai suoi lettori un inedito dal suo nuovo ciclo poetico sul tema Voce e Visione. A lui il nostro grazie e i nostril auguri

Oggi, 21 luglio, è il mio compleanno. Champagne, e una sorpresa per i miei lettori. Il mio prossimo libro di poesia per Lo Specchio Mondadori è ultimato, in cantiere, forse vi aggiungerò un nuovo monologo. Ma, a libro pressoché concluso, o in dirittura d’arrivo, più di un anno fa nasceva un mio nuovo ciclo poetico, […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Epifania di lei

Byron comprese la donna e il prodigio del suo farsi immagine assoluta. Fusione di notte e giorno, puro incanto, come un sogno capace di donarsi e mutare il nostro essere. Radiosa apparizione che passa e il poeta coglie l’inafferrabile...

Radiosa. Apparizione. She Walks in Beauty, nel titolo. Tradurlo significa non cadere nell’inganno di una donna che cammina, ma comprendere il senso del verbo inglese che indica passaggio. Origine, cammino, meta. Oscura, la meta, agli occhi di chi contempla questa donna apparsa immagine con la sua bellezza. Completa perché non da afferrare come la Lesbia […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Yang Lian, il vento e la cerbottana

Per il poeta cinese, uno dei massimi nostri contemporanei, la poesia non è aulico flauto, ma una vertigine netta nella quale gli oggetti si animano. Una poetica che è sintesi del nostro tempo occidentale e della Cina antica

Yang Lian è il più grande poeta cinese vivente, ed è un poeta vivente e cinese nello stesso tempo: vive la sua poesia come quella di Pound, suo maestro, e in essa permane la Cina antica, fintamente immobile e iconoclasta (niente a che vedere col pasoliniano Confucio, filosofo contadino de noantri), ove l’imperatore brucia spesso […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Per vivere più forte

È colma di energia primigenia la poesia di Isabella Leardini. Versi che sono inno alla vita, coscienza profonda dell’anima che affonda le sue radici nella frequentazione di altri esploratori dell’archetipo

Che energia, che forza vitale in questi versi di Isabella Leardini, non ancora quarantenne, una voce che suona netta e piena tra quelle della nuova poesia italiana. Essere preda dei giorni a venire, dei volti che scompariranno, è espressione di vita e vitalità piena, amore per i viventi e coscienza dell’effimero. Lungi da ogni sfumatura […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Canto al Monte Abora

Il mito di Orfeo s’incarna in una donna bellissima, forse Sharazade, che incanta il sultano con la sua voce e il suono della cetra… Kubla Khan e il suo palazzo delle visioni secondo Samuel Taylor Coleridge

Di Coleridge, l’autore del capolavoro romantico La ballata del vecchio marinaio, abbiamo una produzione poetica ampia e per certi versi frammentata: capolavori iniziati e interrotti emananti il fascino dell’antica Cina, e apparizioni magiche, e visioni dal profondo che seguono Plotino e anticipano Jung. Kubla Khan, il famoso imperatore dei Tartari a cui giunse e di […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Il soffio di Orfeo

Rainer Maria Rilke celebra con i suoi versi il dio della poesia, la sua prima voce, la sua origine. Quella “Poetry” senza la quale l’uomo non vive, credendo di vivere. Un anelito che è «impeto d’amore»

Orfeo, il dio della poesia, la sua prima voce, la sua origine. Esistono divinità greche, la maggior parte, che vivono ancora nell’arte, nell’archeologia, nel pensiero e nella storia delle religioni. Solo lì. Quasi tutte: chi pregherebbe seriamente, oggi, Zeus, o farebbe voti a Atena? Ma due di queste divinità sopravvivono, ancora divinamente, Dioniso esiste ancora, […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Platone e lo Zen

Secondo Roberto Mussapi, tra gli autori “sopravvalutati” a Hermann Hesse va riconosciuto un posto speciale. Ci ha insegnato ad attingere all’Oriente con sguardo occidentale, senza impassibilità ma anzi realizzando uno scambio, un dono all’altro di sé e a se stessi dell’altro

Esistono poeti e scrittori sopravvalutati in certe epoche, per ragioni di sentimento del tempo: negli anni Sessanta Pablo Neruda, poeta dell’amore e della donna, nonché fiero Premio Stalin, indubbiamente poeta, ma appunto sopravvalutato rispetto ai contemporanei Ungaretti, Montale, Benn, Bonnefoy. Negli stessi anni il sopravvalutato per antonomasia, il truce e “peso”- con l’intraducibile e inarrivabile […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart

Un quadro, una poesia

Gabriela Fantato va a un’esposizione di Teresa Maresca (l’autrice del dipinto che illustra questa rubrica), e un'opera le ispira dei versi, quelli che qui presentiamo. Nati dalla visione avuta da un altro, dal sogno sognato da un altro…

Parking America, una poesia respirante il Wenders di Paris Texas, questa di Gabriela Fantato, una delle voci intense e profonde della poesia italiana di oggi. I versi spiranti assoluto e solitudine, deserto e viaggio, movimento e sosta, rivissuti in un sogno prealbare, i sogni bianchi di cui parlava Aristotele, è dedicata a Teresa Maresca, in […]

continua »
Pasquale Di Palmo
La voce del poeta: Sauro Albisani

Betocchi e Marilìn

Ricorda l’esercizio della poesia col Maestro toscano che sapeva ascoltare, l’autore di “Orografie”, saggista, traduttore e attivamente impegnato nel teatro. E ci regala un inedito sul sogno e Norma Jean

Sauro Albisani ha pubblicato le raccolte Terra e cenere (2002) e La valle delle visioni (2012). L’ultima sua silloge, edita da Passigli nel 2014, si intitola Orografie (130 pagine, 15 euro). Albisani alterna la sua attività poetica all’impegno sul versante teatrale ed è un valente saggista e traduttore. Può parlarci della sua ultima raccolta? Orografie […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my life

Scritto sull’acqua

Si rivolge a John Keats Sarah Tardino, il poeta troppo precocemente scomparso i cui versi fluiscono incessantemente. Si rivolge a lui per consegnargli ciò che non deve mai dissolversi: la lucentezza della fiaba raccontata con lingua cristallina

Una poesia d’incanto. La lingua cristallina non inganni, ma sia lodata: non ha nulla di ingenuo, è frutto di dono e accanito lavoro di politura, fino raggiungere lucentezza da fiaba. Un castello dalle stanze inaccessibili, le parole lontane di un bardo, un’età degli eroi e dei cavalieri e dei poeti, una lottante età vichiana, riaffiora […]

continua »