Pier Mario Fasanotti
Ricordo dello scrittore scomparso

Nostalgia di Rea

Ermanno Rea, appena scomparso, lascia dietro di sé il segno di una letteratura civile che non ha mai smesso di indagare il mistero (individuale e sociale) della nostra Italia

Ricordare lo scrittore Ermanno Rea, morto la notte scorsa, significa anche provare delusione se facciamo il punto sui suoi successori. Magari frettolosamente, mi viene da pensare che i narratori di oggi, tra i 40 e i 60 anni, non sono all’altezza di chi li ha preceduti. Fuochi fatui? Forse. Ma, si sa, la storia (compresa […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Una preziosa rarità bibliografica

Modello de Stael

Ritratto di Madame de Stael (attraverso i suoi scritti): storia di una donna che aveva capito che la Rivoluzione non va mai dritta al suo scopo. L'importante è non metterci la testa in mezzo...

Per capire meglio l’influenza che ebbe una donna, rossa di capelli, sulla politica, sul pensiero politico e sulle Lettere dell’Europa di inizio dell’800, basterebbe riferire quanto comparse su un giornale dell’epoca: «Ci sono tre grandi potenze: l’Inghilterra, la Russia e Madame de Stael». Quella che viene ricordata con questo nome, in realtà si chiamava Germaine […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Leggere e scrivere

Wislawa Szymborska, Susan Sontag, Raffaele La Capria: tre bei libri raccontano altrettanti modi di interpretare la vita (e l'amicizia) attraverso le parole

Poetare. Su che cosa sia la poesia ci si è interrogati da sempre, senza mai arrivare a una definizione esaustiva. Ma c’è una domanda all’interno della domanda: il poeta “deve” possedere un medio-alto livello di intelligenza? Personalmente penso di sì. Una conferma, se ce né bisogno, la fornisce la polacca Wislawa Szymborska (Premio Nobel nel […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Montalbano sogna

La realtà nera e la coscienza ferita di Montalbano nel nuovo Camilleri. Poi, il recupero di Emmanuel Bove, scrittore francese del (primo) Novecento, innamorato della tristezza

Disagio. C’è un eccellente autore francese di origine russa, Emmanuel Bove (1898-1945), che continua a essere ignorato dalla stragrande maggioranza dei lettori italiani. E ciò malgrado la più che meritevole iniziativa di alcuni nostri piccoli editori, gli unici, a parte una singola uscita della Feltrinelli, a scovare gioielli letterari attorno ai quali c’è o nulla […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Un libro di Ponte alle Grazie

Elena e Claudel

“Il romanzo del cuore e del corpo” di Philippe Claudel è una narrazione quasi ottocentesca, piana e complessa allo stesso tempo. E proprio per questo modernissima

È pur vero che oggi lo slogan-minaccia “il romanzo è morto” circola meno frequentemente, tuttavia chi si interessa di narrativa continua a porsi domande. Giuste domande, visto che la storia della letteratura è costellata di cambiamenti, alcuni dei quali di grande rilievo. A me personalmente (ma non solo a me, ci mancherebbe!) viene il seguente […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Qualche riflessione (amara) sul presente

Ipotesi sul razzismo

Da Dallas a Fermo, passando per Dacca: il razzismo ha cambiato faccia ma non ha cambiato metodi: nasce dalla paura e si alimenta di ignoranza. E sfocia sempre nel sangue

Gli scontri razziali negli Stati Uniti, la vergognosa aggressione e uccisione razzista del nigeriano a Fermo (nelle Marche) e altri episodi simili o similari mi inducono a fare alcune considerazioni, che qui sotto elenco. Fatta salva la premessa – doverosa – che chi scrive non è un sociologo, ma un semplice giornalista che ama documentarsi […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Le acrobazie di King

Re dei bestseller, Stephen King si cimenta con la forma breve raccogliendo in volume racconti editi e inediti, per lui quasi una sfida di perizia narrativa. Talento certo quello del giovane scrittore americano Gregg Hurwitz, autore di un thriller supertecnologico avvincente. Anche Joyce Carol Oates si muove con destrezza in un thriller psicologico

La missione – Questo giovane scrittore va a perdifiato. Ha inventato un meccanismo thriller supertecnologico, ricorrendo a una scrittura scattante. Ci pare strano che non sia ancora nelle nostre classifiche dei libri più venduti. Oltretutto il prezzo è basso. L’autore è Gregg Hurwitz, americano che vive a Los Angeles, e negli Usa ha ricevuto numerosi […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito di “Malaparte. Morte come me”

Bonaparte o Malaparte?

Rita Monaldi e Francesco Sorti raccontano il mito furbo di Curzio Malaparte nel paradiso caprese, tra cicisbei, intellettuali e giovani donne ridenti: un romanzo molto italiano

Di nuovo in scena, come avrebbe voluto lui, dandy, narciso, sciupafemmine, arguto giornalista, scrittore originalissimo. Attraversò, con eccezionale disinvoltura, il fascismo e con lo stesso passo spiazzante all’inizio degli anni Cinquanta s’innamorò della Cina di Mao, flirtò con il Pci e con la Chiesa nello stesso tempo. Parliamo di Curzio Malaparte, autore tra l’altro di […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito di “Schiava di Picasso”

Dora Maar e il diavolo

Osvaldo Guerrieri ha ricostruito la passione assoluta e violenta tra Pablo Picasso e Dora Maar: un amore fatto di arte, piacere e sottomissione. Fino alla follia

Con quel suo atteggiarsi a primo pittore del mondo, con quella sua risata da cavallo, con quel suo motteggio da torero vanitoso, Pablo Picasso, chiamato anche “il Minotauro”, attirava, con straordinaria facilità, le donne nel suo labirinto. Genio, indubbiamente, ma crudele, e spesso perfido, con le sue amanti. Siamo nel 1936, nella brasserie parigina “Deux […]






continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Le magnifiche donne

Simona Baldelli, Elisabetta Rasy, Maria Rosaria Valentini, Lily King, Rosamund Lupton: cinque autrici per cinque romanzi che descrivono il punto di vista delle donne

La scelta. Padrona del lessico e della trama, Simona Baldelli (già vincitrice del Premio Calvino) ci offre un romanzo d’avventura che si basa su una curiosa figura storica, Caterina Vizzani. Siamo a Roma nella prima metà del 1700. La donna, che molto graziosa non era, per giunta aveva il volto sfigurato dal vaiolo. Ha il […]






continua »