Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

A cuore duro

Limpida e toccante la ricostruzione che Giorgio Fontana fa degli anni di piombo in “Morte di un uomo felice”. Così come è coraggioso il romanzo di Valeria Parrella su una madre e il suo bambino disabile. Philippe Vilain scava invece nel contorto rapporto di un intellettuale con una parrucchiera

Noi due – Tra gli scrittori italiani del Duemila Valeria Parrella (Napoli, 1974) occupa un posto di assoluta eccellenza. Anche se, come è capitato a questo suo ultimo libro, Tempo di imparare, edito dalla Einaudi (126 pagine, 17 euro), avrebbe dovuto rimanere molto in testa alle classifiche dei più venduti. Non è successo, invece. Ma […]

continua »
Pier Mario Fasanotti 
Tre racconti inediti di J.D. Salinger

Gli anti Holden

Anagraficamente vicini al protagonista del suo capolavoro, “I giovani” narrati dallo scrittore americano in questa raccolta appena pubblicata dal Saggiatore, sono “stilisticamente” molto diversi. Votati al silenzio più che al monologo logorroico...

Le pagine de I giovani, pubblicate ora da Il Saggiatore (68 pagine, 12 euro) sono inedite. Ma siamo davvero sicuri che in qualche cassetto o baule di J.D. Salinger (1919-2010), l’autore di un solo romanzo, ossia Il giovane Holden, non ci siano magari altri fogli se non addirittura un romanzo? Nel formulare questa domanda – […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Dostoevskij visto da Stefan Zweig

Vita di Fëdor

Un'esistenza miserabile, fatta di stenti, di prigionia, di umiliazioni, di lutti, con pochi alti e molti bassi. La biografia che lo scrittore austriaco ha dedicato al genio russo rivela aspetti inediti e spiega perché il regno dei personaggi usciti dalla sua penna “non è di questo mondo”

A chi ha dimestichezza con giornali, libri, periodici e siti web non sarà sfuggita la densità di riferimenti a Fëdor Dostoevskij, indicato come il grande scrittore per antonomasia, il demone della letteratura mondiale. Più di Tolstoj, di Balzac, di Flaubert e molti altri narratori del passato, oggi letti e riletti rimediando, probabilmente, a un diffuso […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Singer e i Maigrettoni

Da un Singer raro alla nuova raccolta di Maigret di Simenon. Passando per la biografia del Re Sole di Louis de Saint-Simon alla Faenza di Gene Gnocchi

L’errore.  Poche pagine, magistrali. Israel Joshua Singer (1893-1944), molto noto per La famiglia Karnowski, ma anche di altri gioielli letterari oltre a articoli giornalistici e racconti, racconta la triste storia di Sender Prager, proprietario di un ristorante alla moda di Varsavia. Convinto assertore del celibato, fonte di svariatissime avventure amorose, viene convinto dal rabbino a […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Un libro per ricordare la grande editrice

La leggerezza di Elvira

«Ritorno a una cultura “amena”, cioè una cultura in cui il cosiddetto impegno è implicito e non esplicito»: a partire da questa convinzione Elvira Sellerio ha cambiato l'editoria italiana

Capita di rado leggere per intero la storia di una grande donna e rimpiangere di averla finita. Mi riferisco all’editrice Elvira Sellerio, morta nel 2010 a 74 anni. La memoria di Elvira (Sellerio, 260 pagine, 10 euro) è un insieme di testimonianze di chi la conosceva bene e le è stato vicino. Si parte dalla […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Indagine su quattro celebri suicidi

Discese agli Inferi

Salgari, Pavese, Levi e Lucentini. Demetrio Paolin traccia quattro ritratti corredati da notizie, ipotesi, analisi dei comportamenti e dei testi partendo dai luoghi dove gli scrittori si sono tolti la vita. In un libro intenso e carico di pietas

L’idea è molto originale, il libro è affascinante e profondo. Demetrio Paolin, piemontese, studioso di letteratura e pubblicista ha preso in considerazione i luoghi dove quattro scrittori – Cesare Pavese, Emilio Salgari, Primo Levi e Franco Lucentini – si sono tolti la vita. Quindi quattro ritratti corredati da notizie, ipotesi, analisi dei comportamenti e dei […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Introduzione a un grande classico

L’inconscio di Montaigne

Antoine Compagnon, illustre professore del Collège de France, commenta con approfondita leggerezza 40 brevi passi degli “Essais”. Dimostrando la portata anticipatoria del pensiero del filosofo francese

Michel Eyquem de Montaigne (Bordeaux, 28 febbraio 1533 – Saint-Michel-de-Montaigne, 13 settembre 1592) non fu, come molti credono, un ricco e pigro signorotto di campagna con la schiena sempre curva sui classici del pensiero. Ebbe vita alquanto attiva, nell’amministrazione pubblica e nella diplomazia fino a quando decise di passare molte ore rintanato nella stanza del […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Consigli per gli acquisti

Brividi di stagione

Rassegna in giallo in due puntate: un romanzo comico e licenzioso, ambientato nel Cremonese, le Langhe come sfondo di misteriose scomparse, un commissario che entra in Vaticano e un'undicenne “A spasso tra le tombe”...

Missing – L’autrice, Claudia Vilshofer, è brasiliana, ma vive in Germania. Il thriller che ha scritto, (Nulla resta nell’ombra, Giano editore) dopo un esordio che ha indotto i critici a parlare ottimamente di lei, è ambientato nelle Langhe (Piemonte) che una coppia attraversa per recarsi in Liguria, in viaggio di nozze. Ma a un certo […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Philip Roth e la farsa degli addii

Dal primo all’ultimo sandwich

Rischiando il ridicolo, il celebre scrittore non fa che annunciare il suo ritiro da tutto: dalla narrativa, dalle apparizioni pubbliche, persino dai panini... Che sia una messinscena per indurre i parrucconi di Stoccolma a dargli finalmente il Nobel?

Con tutto il rispetto e l’ammirazione che moltissimi di noi nutriamo per lei, accetti mister Philip Roth un consiglio: adesso la deve smettere con la sua ridicola cerimonia degli addii. Stop it, please: il rischio è rotolare nel ridicolo. E proprio lei, ironico come è sempre stato, cadrebbe in un’imbarazzante contraddizione. Come si sa, lo […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
A proposito di “Rituali quotidiani”

Il rito della scrittura

Mason Currey ripercorre le abitudini degli scrittori: quando, come e dove prendono penna e vanno in cerca di ispirazione? Dall'insonnia di Kafka alle passeggiate di Voltaire

Quando si legge un grande autore, sbuca inevitabilmente una curiosità: qual è il suo rituale? In altri termini: come fa a conciliare la vita di tutti i giorni con la scrittura? Quale metodo e quale rigore (se ce l’ha) persegue? In quale stanza («una tutta per me», diceva Virginia Woolf) tramuta esperienze e fantasie in […]

continua »