Nicola Fano
Una città in totale abbandono. Da anni

Il caso La Comunità

L'amministrazione romana vuole sfrattare Giancarlo Sepe dal suo teatro storico. Una vicenda simbolica della totale assenza di progetto culturale di Roma. E non solo di Roma

La storia del Teatro La Comunità è esemplare. Di Roma e non solo. Vediamo: nel 1972, quando venne trasformata in sala teatrale, la “cantina” che ospita La Comunità era un magazzino in disuso; prima era stata una palestra di pugilato e poi un commissariato di polizia, infine un deposito della zecca dello Stato. Giancarlo Sepe, […]

continua »
Nicola Fano
Visto al Théâtre du Châtelet di Parigi

Bob Wilson e Faust

Quattro riflessioni sul "Faust" di Goethe smontato e rimontato a mo' di opera rock da Bob Wilson per il Berliner Ensemble. Uno spettacolo che aggiorna il metodo brechtiano in chiave pop

Immaginate quattro Faust e tre Margherite. Immaginate che, se la moltiplicazione dei Faust può essere dettata dalla necessità (poetica) di mostrare ogni sfaccettatura del normotipo umano che vuole tutto e subito, probabilmente la scomposizione delle Margherite dipende soprattutto dalla voglia di potenziare l’impatto sonoro del personaggio per inserirlo al meglio in una sorta di musical/opera […]

continua »
Nicola Fano
Viaggio al cuore del Rinascimento

Sabbioneta, Italia

Sabbioneta, con le sue meraviglie “patrimonio dell'umanità" è la dimostrazione pratica di come in Italia sia difficile conservare la memoria e la cultura. Malgrado la tenacia di chi le amministra

Intorno al Po, l’acqua che esce dai rubinetti ha un profumo inconfondibile. Un misto di antichità e fogna, natura sovrastante e canali sporchi. Avete presente Venezia? Avete presente quell’odore che si nota solo appena arrivati e poi diventa parte integrante dell’aria? Lo chiamano bottino, nel senso del fondo delle botti. Di quello stiamo parlando: se […]

continua »
Nicola Fano
Oltre le Olimpiadi

Shakespeare e Garozzo

Dietro i successi di Garozzo e della scherma italiana ci sono secoli di storie e avventure. Che affondano le radici fino a Shakespeare, amico di un certo Saviolo nella Londra a cavallo tra Cinquecento e Seicento...

A ogni Olimpiade, immancabilmente, ci si ricorda di alcuni sport nobili e “poveri” che però danno lustro, storia e medaglie al nostro Paese. Uno di questi, ovviamente, è la scherma. Qui, le radici della supremazia italiana sono profonde: corrono indietro fino al Cinquecento, fino a incrociare Shakespeare. La strada per arrivarci è tortuosa ma bisogna […]

continua »
Nicola Fano
Una nuova iniziativa per l'estate

Italia, primo agosto

Nelle cronache di un giorno, le contraddizioni perenni del nostro paese. Da oggi vi raccontiamo un giorno/simbolo. Per cercare di intuire anche ciò che non si vede a occhio nudo...

Non erano partenze intelligenti, ma le fabbriche chiudevano il 31 luglio sicché le vacanze cominciavano il primo agosto: una certezza. Intruppata nel traffico dell’Autosole, ma una certezza. E oggi? Oggi siamo intelligenti. Anche se la nostra è un’intelligenza contraddittoria; basata su qualche confusione di troppo: sovente è una questione di linguaggio. Diceva Tullio De Mauro, […]

continua »
Nicola Fano
Riflessioni dopo Brexit

È finita la festa

All'alba del 24 giugno è finita un'epoca lunga e tormentata che, nel nome della pace e della solidarietà sociale, aveva inseguito un'ipotesi di benessere e libertà. Quanto tempo dovrà passare perché la nostra storia e queste due parole, pace e solidarietà, possano tornare ad essere spendibili in pubblico?

È finita la festa. Il voto dei britannici che condanna l’Unione Europa – a pochi giorni dal trionfo del grillismo nell’importante tornata elettorale amministrativa in Italia – ha un enorme valore non solo (o non tanto) politico, ma anche culturale. Si chiude una stagione lunga, tormentata, feconda e contraddittoria durata dal Secondo Dopoguerra alla mattina […]

continua »
Nicola Fano e Mario Felici
Alla Galleria Porta Latina di Roma

Testo a Fronte, due!

Ieri si è aperta la mostra che espone le opere e i racconti della seconda serie di Testo a fronte. Ecco lo scritto che introduce il catalogo (con tutti i testi e tutti i dipinti) che si può acquistare in galleria

Nulla è più come prima: c’è la crisi. Non è (solo) una questione di numeri e di economie, ormai la faccenda riguarda la percezione stessa della realtà: le privazioni sono più delle libertà; il già fatto è più di quel che si può fare; il passato è meno preoccupante del futuro. Una condizione alla quale […]

continua »
Nicola Fano
Ricordo di un grande interprete

Albertazzi, ciao divo!

Da Amleto a Adriano, Giorgio Albertazzi è stato l'ultimo divo del Novecento. Ma anche un attore intellettuale, dotato di un carisma al tempo stesso divino e maledetto

Chissà quanti, adesso, diranno: «Io lo conoscevo bene». Effettivamente, Giorgio Albertazzi era una presenza familiare a chiunque: uno dei pochissimi divi teatrali del Novecento che siano stati in grado di oltrepassare i confini della scena, benché la sua presenza in televisione e nel cinema sia stata abbastanza limitata e non sempre significativa (se si eccettua, […]

continua »
Nicola Fano
Visto al Carignano di Torino

Shakespeare d’Abruzzo

Leo Muscato ha messo in scena “Come vi piace” di Shakespeare come una parodia bucolica in chiave televisiva, tra pecore e figli dei fiori. Ormai nel nostro teatro trionfa il "modello-Timi": l'importante è "farlo strano"

Ho visto al Teatro Carignano di Torino Come vi piace di Shakespeare nella versione pop diretta da Leo Muscato e ho pensato a un altro spettacolo che avevo visto in quel teatro alcune ere geologiche fa: I figli di Jorio diretto da Ugo Gregoretti. Che c’entra? Piano: ci arriveremo. È una questione di relazione tra […]

continua »
Nicola Fano
L'album del celebre compositore

Tempo di sentire

Il nuovo cd di Germano Mazzocchetti si intitola "Asap", ossia "as soon as possibile": un omaggio alla fretta, quello spazio ristretto e sospeso nel quale è ancora possibile sognare e godere

Come si racconta, in musica, l’accumulo di esperienze che velocemente, troppo velocemente, va incontro a un’impasse, a una stasi in cui ci si chiede solo: «perché»? Potrebbe essere il romanzo di un uomo che svolta verso la consapevolezza, quella per la quale si ritiene di avere a disposizione più risposte che domande. Sì. ma in […]

continua »