Massimo Morasca *
Le nuove frontiere della conoscenza medica

La base dell’arcobaleno

Occorre familiarizzare col concetto di Medicina Integrata, che guarda l’essere umano come un intero e che agisce utilizzando un insieme di saperi e di reti di collaborazione per afferrare la complessità dell’esperienza di malattia e delle possibilità di cura. Tanto più in tempi di pandemia

«I problemi importanti sono sempre complessi e vanno affrontati globalmente. Se voglio comprendere la personalità di un individuo, non posso ridurla a pochi tratti schematici. Devo necessariamente tenere conto di molte sfumature, spesso contraddittorie […] la realtà è complessa e piena di contraddizioni che sono una sfida alla conoscenza. Per affrontare tale complessità, non basta […]

continua »
Massimo Morasca
Una burrasca a bordo del “Moby Dick”

Chiamatemi Ismaele

Il nome della barca, uno splendido Two Tonner di Douglas Peterson, che si accingeva a disputare la “Settimana delle Bocche”, non può che evocare epiche sensazioni e mitici ricordi: per gli elementi della natura che si scagliano, per il modo di bolinare e di salire sull’onda dell’imbarcazione, per quella spinta verso il cielo così viva e marina…

Oggi è una giornata estiva di burrasca da nord-ovest, i colori sono vividi senza compromessi, il mare rompe fino all’orizzonte, onde maestose blu intenso con la cresta ripida che frange in bianca spuma, più a terra il colore vira dapprima in verde e poi in marrone chiaro misto a giallo, per la sabbia che la […]

continua »
Massimo Morasca
“La sottile linea grigia”

Confine primordiale

Sfida a sua maestà North Sea, fino al traguardo della Long Coastal Race, solcando le onde che bagnano la costa belga tra Dunquerke e Ostenda, là dove terra e mare si fondono. Un’impresa ardua, anche in piena estate. Eppure, entrare in armonia con un elemento che armonico non è, è possibile…

«Patrick how many time to tack?» «Massimo it’s too soon, keep sailing!» Patrick è un uomo di mezz’età, fisico asciutto e agile, in silenzio con periodicità maniacale inforca gli occhialetti rossi e osserva la nostra rotta sul suo tablet. Non gli importa del mare che spesso spazza la coperta, un mare freddo di agosto, e […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /9

Inferno e Paradiso

….So, so, you think you can tell/ heaven from hell? Pink Floyd (Allora, pensi veramente di saper distinguere/ l’inferno dal paradiso?) «Tore anche oggi andiamo a “infalangare”?» «Ma comu, sii mommo? Talìa non c’è ancora l’onda “giusta”….» La luce abbagliante della spiaggia di Cefalù ci accoglieva, il maestrale spingeva le onde che dopo aver attraversato […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /8

Marziani su “Stern”

Scivoliamo sotto Scilla di bolina, sfioriamo un tratto di mare proprio davanti alla grotta del terribile mostro (all’origine una meravigliosa ninfa trasformata per gelosia da Circe) dove la corrente crea una specie di largo vortice con piccole increspature. Tenendoci vicino la costa osservo quel vortice così misterioso, sono attratto e stordito dalla bellezza e dalla […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /7

Preghiera del vento e delle onde

A mio padre Sono le ultime miglia di questa regata, è notte il vento è fresco da ovest, costante, il mare un po’ formato con un’onda residua da ponente. Ho freddo. Non sono riuscito a cambiarmi e sono diverse ore che sono al timone. Franco mi passa un biscotto, è riuscito a resistere al mal […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /6

A tu per tu con Cariddi

È il mio turno al timone, dopo una giornata dura i miei due compagni di viaggio riposano, una in cuccetta sottocoperta e l’altro in pozzetto. La notte è splendida, una luna chiarissima quasi piena si riflette sul mare immobile. Siamo vicini alla costa calabra e sento i rumori delle macchine, le discoteche, il continuo andirivieni […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /5

Ocean dreams

Camminavo sulla spiaggia bianca, e mi piaceva sentire il monsone che mi sferzava il viso e l’incessante fragore dell’oceano che rompeva sulla battigia dove migliaia di granchi sembravano giocare con la risaccca. Era una visione primordiale – che anno era, quanto tempo era passato dalla Creazione? – tutto sembrava eterno e immutabile… Io ero solo, […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /4

Il vento dei morti

Oggi è una giornata difficile, dopo aver superato senza grosse difficoltà il Golfo di Taranto siamo entrati con una certa riluttanza nel famigerato Golfo di Squillace, un po’ in sordina, senza vento, con mare calmo e con il rassicurante ronzio del diesel dal sostanzioso effetto soporifero. Questo tratto di mare assai ventoso è noto fin […]

continua »
Massimo Morasca
Diario di bordo /3

Assolo notturno

Mi sveglio, devo aver dormito un paio d’ore, sono le tre del mattino. Sento Stern scivolare veloce sotto tutta tela, sono curioso di leggere il log, segna otto nodi, è un bell’andare, la piccola comincia a farci vedere di cosa è capace… Ci spinge un vento sui 15 nodi da terra, da Nord Ovest quindi, […]

continua »