Marco Fiorletta
A proposito di “Formule mortali”

Fantasmi romani

François Morlupi, alla sua prima prova narrativa, racconta un intreccio di orrori e ironia nel cuore di Roma: un giallo di scuola che ci dice molto di una metropoli annichilita

Immaginate un commissariato di quartiere di Roma che ha a che fare tutti i giorni con liti condominiali, furti e furtarelli, scippi e raramente – oddio, mica tanto! – di omicidi. Figurarsi poi di un omicidio, all’interno di villa Sciarra, che supera la più perversa delle idee. Aggiungete una squadra problematica e, sembrerebbe, raccogliticcia e […]

continua »
Marco Fiorletta
A proposito di “La Repubblica Romana”

Quell’utopia romana

Roberto Carocci ripercorre le ragioni e la storia della rivolta contro la Chiesa del 1849. Un esperimento vitale e attualissimo, fallito sotto il peso della restaurazione e di un attendismo tutto italiano

L’elezione di Pio IX al soglio papale fu accolta da tutti con favore e alimentò speranze per un mondo migliore, d’altronde è cosa che capita sovente con i papi. La leggenda narra che nel suo viaggio di avvicinamento a Roma per il Conclave una colomba bianca si poggiò più volte sulla sua carrozza come ad […]

continua »
Marco Fiorletta
A cinquant'anni dalla morte

I 25 Che Guevara

Nadia Angelucci e Gianni Tarquini ripercorrono le tracce del mito di Che Guevara attraverso le testimonianze di chi, negli angoli più diversi della società, ne ha subito il fascino. E per ognuno c'è un eroe diverso...

Cinquanta anni, il prossimo 9 ottobre, senza il Che. Fu ucciso in Bolivia il 9 ottobre 1967, dalle forze armate boliviane con la fattiva e mai immancabile partecipazione della Cia. Era stato catturato il giorno prima e ferito alle gambe, reso inoffensivo: ma dovevano comunque distruggere l’uomo e il mito e allora lo freddarono con […]

continua »
Marco Fiorletta
Riletture postume: Praga 1945

Kohout e la spia

Come raccontare la storia (anche quella più complessa e terribile) con le armi della letteratura di genere? Provate a leggere “L’assassino delle vedove” di Pavel Kohout e avrete la risposta

Nella Praga di fine guerra, febbraio 1945, una contessa tedesca, Elisabeth von Pommeren, vedova di un generale delle truppe d’occupazione viene uccisa in maniera efferata, più violenta della morte stessa. Per le forze di polizia è un problema in più, non solo l’omicidio ma anche la pressione dei tedeschi che impongono la collaborazione dell’Oberkriminalrat Bubak […]

continua »
Marco Fiorletta
A proposito di "Diventare uomini"

Uomini a metà

Un saggio di Lorenzo Gasparrini riflette sui condizionamentie sociali e culturali che inducono i maschi a ostentare la propria superiorità di genere. Spesso anche perdendo il senso di sé

L’azione si svolge sul ballatoio/terrazzo in comune con altri due appartamenti. Gli attori sono, di solito, un bambino e una bambina, altre volte più bambini e bambine insieme. Il gioco è quello di “Mamma e figli”, è chiaro che i maschi fanno i papà. Guest star il bambolotto di turno che interpreta il figlio. Ore […]

continua »
Marco Fiorletta
Un libro da riscoprire

La vita di Orlando

Edgarda Ferri, in "Uno dei tanti", ha recuperato la vicenda normale ed esemplare di Orlando Orlandi Posti, un ragazzo romano finito alle Fosse Ardeatine, vittima facile di una Storia difficile

Molti libri hanno come traccia portante un manoscritto ritrovato che nasconde in sé un mistero, l’autore, la storia o semplicemente come è stato ritrovato. In Uno dei tanti, Mondadori 2009 diverse versioni e prezzo, Edgarda Ferri non si basa su un mistero anche se parte da alcuni foglietti, non si può chiamarli altrimenti, che sono […]

continua »
Marco Fiorletta
A proposito de "I sicari di Trastevere"

Il fango del Tevere

Sellerio ristampa un "giallo" di Roberto Mazzucco ambientato nella Roma post-unitaria. Dal quale si scopre che dalle nostre parti l'omicidio politico ha una lunga tradizione

Trastevere alla fine dell’Ottocento non era il quartiere turistico di oggi. Tra i suoi vicoli si aprivano le botteghe degli artigiani, le osterie dove si annegavano nel vino di pessima qualità i dispiaceri della vita. Era il posto dove i ricchi andavano a vedere i poveri e le loro case abbarbicate l’una sull’altra. Ed era […]

continua »
Marco Fiorletta
Una storia di flipper, cappuccini e impegno

Chiacchiere da bar

Il catalogo di una vita scorre anche negli spazi, nelle abitudini e nelle chiacchiere dei bar vissuti. La loro storia non è quella di una singola esperienza, ma quella di un pezzo (significativo) di immaginario comune

È tornato di moda dire chiacchiere da bar, non perché la quantità di corbellerie dette nei locali siano aumentate ma perché sembra che esse si sviluppino principalmente nella rete, in particolare su Facebook. Per alcuni versi, il paragone può essere giusto, per altri è assolutamente sbagliato. Nei bar di solito c’è il tizio uso alzare […]

continua »
Marco Fiorletta
Italia, primo agosto/8

Il tempo lento

«Mi siedo al pc e leggo le notizie. Lo so, anche oggi mi ammazzerò di immagini che non lasceranno alcun segno apparente nella mia memoria ma che saranno sempre pronte a riproporsi nel caso un giorno ce ne sia bisogno»

Un tre agosto come tanti iniziato di mattina presto, non guardo l’ora per non rovinarmi gli altri pochi minuti di sonno, se verranno. I rumori degli spazzini ormai stanno diventando la certezza dell’odio verso chi abita in centro nel comune dove vivo. Certo, siamo fortunati che ancora puliscano le strade e raccolgano l’immondizia ma continuo […]

continua »
Marco Fiorletta
Un romanzo Mondadori

I figli del Sud

“Io che amo solo te” di Luca Bianchini racconta una storia di figli ottimisti e padri saggi sullo sfondo di un Meridione che non sempre riesce a capire le proprie contraddizioni

Mi sono avvicinato a Io che amo solo te, di Luca Bianchini, edito da Mondadori 2013 263 pagine 16€, disponibile in diversi formati e prezzo, con una certa dose di prevenzione dovuta alle tante citazioni che apparivano sulle pagine Fb e che lo facevano sembrare il solito libro sdolcinato come se fosse un qualsiasi Harmony […]

continua »