Marco Vitale
“Monte Stella” di Luigi Fontanella

Polittico del distacco

Non è indifferenza o rinuncia, ma «libertà interiore nel disporsi all’ascolto di quanto riguardandoci ci oltrepassa». Questo è per il poeta salernitano, docente negli Stati Uniti, l’esercizio della poesia. Come in questo viaggio nella memoria attraverso la raccolta di poesie 2014-2019

È forse un sovrapporre non canonico, o se vogliamo una figura del caso, ma riesce difficile resistere alla tentazione di far coincidere le inquietudini e i silenzi del nostro tempo recente con questa «caverna popolata di ombre che si abbracciano» nei modi e nei tempi di una poesia a misura delle domande prime. C’è una […]

continua »
Loretto Rafanelli
Poesia: “Lʼadolescenza e la notte”

Le stanze del tempo

Nella sua recente raccolta Luigi Fontanella evidenzia il centro nevralgico del suo vissuto in un continuo ritorno a ciò che “non ritornerà mai più” e che si fa fonte poetica

La poesia ricorre alla memoria individuale quasi in modo ossessivo. Si pensi a Heaney e alla sua piccola comunità rurale irlandese o a Giampiero Neri con la sua Milano, o a Zanzotto con i ricordi nella campagna di Soligo. Sono passaggi decisivi per rintracciare la storia personale e collettiva dei singoli poeti e ciò sicuramente […]

continua »