Erminia Pellecchia
Alla Reggia di Caserta

Nuovo Terrae Motus

Finalmente riapre al pubblico al collezione "Terrae Motus" che Lucio Amelio costituì dopo il sisma del 1980 chiamando a raccolta grandi maestri da Cy Twombly a Rauschenberg, Schnabel, Cucchi, Kounellis, Fermariello, Gilbert & George, Andy Warhol, Pistoletto, Beuys

«Non abbiamo portato un altro ornamento a questa Reggia, ma abbiamo disseminato una serie di bombe ad orologeria per scatenare la creatività che è presente in ogni uomo e che spesso viene repressa dalla corruzione, dalla cattiveria, dalla miseria, dalla malattia. Uno strumento prorompente che serve a tutti. Vorrei che Terrae Motus superasse tutte le […]

continua »
Erminia Pellecchia
Un libro curato da Andrea Viliani

Le inquietudini di Amelio

Una grande monografia mette ordine nella memoria di Lucio Amelio e fornisce l'occasione per riflettere su quella stagione nella quale Napoli scelse di accettare le proprie contraddizioni, invece di fuggirle

«Caro Lucio, ti scrivo questa lettera dal futuro…». È l’incipit del testo di Andrea Viliani, direttore del Madre, per introdurre il lettore nel complesso universo Amelio, racchiuso oggi in un libro raffinatissimo, ricchissimo di dettagli, aneddoti, documenti, foto e analisi critiche. Pubblicato a un anno dalla mostra – Lucio Amelio. Dalla Modern Art Agency alla […]

continua »
Erminia Pellecchia
Una mostra curata da Andrea Viliani

Napoli, utopia Amelio

Il Madre rende omaggio a Lucio Amelio, il gallerista/mercante/mecenate che trasformò il paesaggio artistico della città e la inserì nel grande circuito della ricerca internazionale

«Con questa prima indicazione culturale intendiamo fare riferimento ad una nuova condizione dell’arte attuale nei Paesi dove è sentita l’urgenza di un’alternativa che può e deve darsi alla situazione che oggi si avanzano sul piano allargato delle vicende umane. Non mostre o rassegne, quindi, ma incontri per una divulgazione acuta e sensibile di documenti atti […]

continua »
Erminia Pellecchia
A novembre al Madre

Napoli secondo Amelio

Si prepara un grande omaggio a Lucio Amelio, gallerista, mecenate e intellettuale che contribuì - attraverso l'arte - alla rinascita di Napoli negli anni Ottanta

«Elegante, alto snello, gran naso che gli dava il profilo da nobiluomo spagnolo, soprattutto un seduttore dalla capacità affabulatrice rara. Parlava tedesco, francese, inglese, la padronanza delle lingue gli dava sicurezza nel rapporto non mediato con i galleristi e gli artisti europei e americani». Così Mario Franco, regista e storico del cinema, ricorda Lucio Amelio, […]

continua »
Erminia Pellecchia
Al museo Casamadre

Clemente a Napoli

Il grande artista torna nella sua città a mostrare i segni dell'infanzia ripensata e rimodulata negli anni della maturità: un ritratto tra poetico e filosofico

L’eterno ritorno. Francesco Clemente, l’artista che, appena ventenne, intraprese le sue personali “vie della seta” da Napoli all’India alla ricerca dell’altrove, ancora una volta si arrende al richiamo della sua città. Una memoria e una identità sempre presenti anche se, da tempo, si è “accampato” tra Manhattan e Benares, naufrago alla deriva tra Occidente e […]

continua »
Erminia Pellecchia
Dopo Roma, nuovo omaggio al re del Pop art

L’asse Andy-Napoli

Fa discutere la grande mostra al Pan che ripercorre il lungo e fecondo rapporto tra Wahrol e la città. Le memorie riaffiorano malgrado un allestimento mal riusciuto

È il 1975 quando Andy Warhol viene per la prima volta a Napoli su invito di Lucio Amelio: vi si fermerà tre giorni. Il gallerista, dall’occhio attento alle novità del mercato estero e col cuore rivolto alla sua città che cerca di rilanciare nel circuito internazionale della cultura, era approdato a New York l’anno prima. […]

continua »