Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Carnevale al Castello

Uno scenario da Disney prediletto dal jet set per celebrare feste e matrimoni. L’avita dimora degli Odescalchi sul lago di Bracciano - che ispirò addirittura John Webster - apre le porte ai bambini. E anche alla Famiglia Addams…

Se non si è in odore di stella nel cemento della Walk of Fame, il viale dei divi di Hollywood, non si entra nei saloni più fashion del Castello di Bracciano. Al massimo si può sperare di imbucarsi in un matrimonio del generone romano per avere un’idea, di notte, di certe stanze illuminate come una […]






continua »
Lidia Lombardi
Incontro con lo scrittore francese

Parole e gramigna

Pierre Michon ha vinto il premio Nonino: «Quando cominciai a scrivere la modernità aveva ancora un senso. Ormai siamo nella post-modernità, nel magma dell’indifferenziato»

Ha la camicia in tessuto jeans e un maglione color della terra d’inverno. Parla poco, sorride appena, arrossisce di fronte a qualche domanda che lo rimanda al suo privato. Eppure Pierre Michon, lo scrittore nato nel ’45 nella provincia francese, la Creuse, il suo privato più profondo l’ha raccontato con sincerità e tanta raffinatezza letteraria […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Nella Casa della vita

Boom di visitatori nei soliti noti, e poco interesse per quelli “minori” ma non meno carichi di meraviglie. Per questo con una serie di conferenze e una mostra si rilancia a Roma il Museo Praz, dimora dell’illustre anglista al 3° piano di Palazzo Primoli

A inizio gennaio il ministro Dario Franceschini ha trionfalisticamente annunciato che nel 2016 sono stati 44,5 milioni gli ingressi nei luoghi della cultura italiani, con un incremento di 1,2 milioni in più rispetto al 2015. Il boom viene trainato da Colosseo-Palatino-Foro Romano, Pompei, Firenze. I soliti noti, insomma. Invece ci sono dati negativi per il […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Le pietre della storia

Passeggiata tra le Pietre d’inciampo, le piccole targhe che Gunter Demnig, artista tedesco, cementa ogni anno nel marciapiede prospiciente il palazzo dove vissero i deportati nei campi di concentramento che non sono mai più tornati

Questo non è un itinerario ameno, di scorci paesaggistici o di prodigi artistici. È un tour della Memoria, e insieme della Storia, quella che sfugge ai manuali, quella minima, di gente il cui nome resta sconosciuto ai più, perché si confonde nella massa di soggetti che la Storia l’hanno subita. È una passeggiata a Roma […]






continua »
Lidia Lombardi
Il nuovo romanzo di Giulio Castelli

Armeni, l’alba del genocidio

Ne “La battaglia sulla montagna di Dio”, l’autore risale, tra storia e invenzione, alle origini della “prima immane catastrofe del Ventesimo secolo”. Senza rinunciare a pagine di denuncia che ci riportano all'attualità

Newton Compton, la casa editrice di Raffaello Avanzini, definisce Giulio Castelli un autore “da centomila copie”. E davvero hanno avuto successo i romanzi storici fin qui pubblicati dall’editore romano, nei quali Castelli, giornalista e storico, ricostruisce la storia del tardo impero romano, con i suoi ultimi imperatori e con il suo declino nella dilatazione geografica […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Il ritorno dell’Efebo

Il raffinato bronzo ispirato a canoni di Prassitele lascia il caveau di Palazzo Massimo a Roma e ritrova la sua sede naturale: Sutri. Una ragione in più per recarsi in pellegrinaggio nell’antica cittadina laziale carica di storia e di storie

Sutri la misteriosa, Sutri la schiva ha aggiunto un’altra pietra dura alla collana arcaica che la adorna. Una gemma più tarda, quando gli imperatori romani grandeggiavano e lo stile ellenistico si affiancava a quello repubblicano, nelle ville dei patrizi che sceglievano questo spicchio di Lazio etrusco a loro buen retiro. È il cosiddetto Efebo di […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

La Roma degli Oratori

C’è quello di Propaganda Fide disegnato da Borromini, quello del Gonfalone, vicino a via Giulia, e quello voluto dal gesuita Caravita dove pregavano, come ci racconta il Belli, «li fratelli Mantelloni». Tutti scrigni che custodiscono meraviglie. E nel periodo dell’Avvento ospitano spesso concerti…

C’è un raccolto luogo nella Capitale che ne racconta un articolatissimo pezzo di storia: non solo degli artisti che la plasmarono, ma del Vaticano, delle famiglie nobiliari e di quelle religiose. È la Cappella dei Magi, si trova all’interno del Palazzo di Propaganda Fide, l’edificio che si apre su Piazza di Spagna. Sembra una grande […]






continua »
Lidia Lombardi
Viaggio nella Grande Mela

Il gelato di NY

I post-it pro o contro Trump, gli alberi di Natale, gli homeless e il lusso sfrenato: New York non cambia mai. Neanche dopo l'ubriacatura per l'elezione del nuovo Paperone

Chissà se ci capiterà di vedere un altro Thanksgiving Day come il primo di Trump eletto presidente Usa. New York è una bolgia spasmodica e fosforescente. E se, come ogni anno dal 1961, il Wall Street Journal pubblica lo stesso nostalgico editoriale con lo stesso titolo, “The desolation wilderness” (leggi “Una terra selvaggia e desolata”, […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Ministeri di Roma

Palazzi prestigiosi, gravidi di storia, ricchi di opere d’arte. Quale altro paese oltre l’Italia può vantare tanta meraviglia data in prestito alla rappresentanza politica? Ecco una mappa dei nostri tesori ministeriali… Meritano un’occhiata ravvicinata

Il ministro per i Beni Culturali, il ferrarese Dario Franceschini, ha la poltrona in un palazzo del Cinquecento nel cuore di Campo Marzio. Quello dell’Interno, il siciliano Alfano, quando entra al Viminale varca la soglia di un edificio di primo Novecento, un po’ liberty, un po’ classicheggiante, costruito apposta per Giovanni Giolitti, il liberale che […]






continua »
Lidia Lombardi
Itinerari per un giorno di festa

Crepereia e il Papa Re

È il luogo per eccellenza dove passato e presente si intrecciano. Ora la Centrale Montemartini offre al visitatore nuove sorprese: lo spazio riservato alla giovanetta romana superstar dei ritrovamenti dell’antichità, e il sontuoso treno di Pio IX

Quando da fabbrica si presentò ai romani come luogo d’esposizione, la Centrale Montemartini affascinò immediatamente. Vecchi padiglioni industriali – industria pesante, turbine e caldaie per la produzione dell’energia termoelettrica – trasformati in quinte per bianchi marmi antico romani, mosaici, statue muliebri drappeggiate provenienti dal Campidoglio parlavano una doppia lingua. Rimandavano cioè all’Urbs gloriosa di oltre […]






continua »