Caterina Falconi
“Casa di carne”, edito da Avagliano

Leggi alla voce Amore

La liquidità è il tratto distintivo della protagonista del nuovo romanzo di Francesca Bonafini dove l'acqua fa da sfondo a un pellegrinaggio indentitario e sentimentale che risuona come una composizione di Debussy. Una vicenda che si dipana da Trieste alla Normandia, dalla Bretagna al Brasile, per concludersi a Lisbona...

Con una scrittura controllata e musicale Francesca Bonafini più che raccontare, nel suo secondo romanzo Casa di carne, edito da Avagliano, “suona” una storia che ha le liquide sonorità di una composizione di Debussy. La liquidità è infatti il tratto distintivo dell’anima della protagonista Angela, naturalmente portata a sconfinare e fluire come un corso d’acqua, […]

continua »
Pier Mario Fasanotti
Il pamphlet di Filippo Maria Battaglia

Agli albori della casta

S’intitola “Ma lei non sa chi ero io!” il nuovo, documentatissimo libro sugli sprechi di casa nostra, dedicato ai primi vent’anni della Repubblica italiana. Una storia antica ma tragicamente attuale…

Fino a non molto tempo fa se all’italiano mediamente colto si chiedeva che cosa fosse la “casta”, rispondeva che era la punta più alta della piramide economico-sociale dell’India. Ovvero gli intoccabili. Se la stessa domanda la si pone oggi, quasi tutti ricordano l’omonimo libro-inchiesta di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella (Rizzoli 2007), entrambi giornalisti […]

continua »
Alberto Fraccacreta
L'elzeviro secco

Il plancton di Tacito

In tempi di rincorsa affannata al successo, soprattutto economico (anche se drogato), qualcuno continua a parlare alle coscienze. Come Raffaelli editore con la collana "Scintille"

Dostoevskij è in libreria dall’Ottocento, si diceva. Or bene: un libro nasce dall’urgenza di stigmatizzare una sensazione, una presa d’atto. Il fine del libro è la bellezza, vista nei suoi contorni tersi, svincolata dalle situazioni o dalle ideologie. E Dostoevskij ci è perfettamente riuscito; bisogna armarsi soltanto della pazienza di leggerlo (cosa non da poco). […]

continua »
Paola Benadusi Marzocca
Il bestseller di Laline Paull

Le api siamo noi

La formula della metafora non delude. Così identificarsi nella vicenda di Flora 717, isolata per la sua diversità ma capace di trasformarla nella sua forza vincente trasmette al lettore un messaggio di speranza (con tante copie vendute…)

Nel mondo delle api l’odore è fondamentale, orienta la loro vita, ne decreta il successo o l’annientamento. E anche i nemici esterni come le temibili vespe, che tentano spesso attacchi a sorpresa per distruggere gli alveari, sono guidate dal fiuto che distingue chiaramente le api nutrici dalle bottinatrici. La storia di Flora 717 che scalciando […]

continua »
Nicola Fano
Terremoto nel mercato editoriale

Rizzoli all’inferno

Rizzoli è stata comprata da Mondadori. Davvero non si poteva evitare questo scempio? Davvero il mercato delle idiozie salverà la cultura? C'è ancora qualcuno disposto a protestare

Può darsi che Rizzoli (come mi hanno detto e scritto tanti amici dopo che scrissi un duro commento, qualche mese fa) non fosse più in grado di andare avanti da sola. Può darsi che negli anni avesse prodotto debiti e malfunzionamenti tali da non poter più sostenersi da sé. Sicuramente, se si è arrivati a […]

continua »
Sabino Caronia
“Questi sono i nomi” di Tommy Wieringa

L’Io di Pontus Beg

Centrale anche in questo romanzo dello scrittore olandese il tema dell’identità. Che si sviluppa sui due fronti: quello del protagonista che si scopre ebreo e nel destino di un ragazzo emigrato

L’ultimo romanzo di Tommy Wieringa, Questi sono i nomi (Iperborea, 336 pagine, 17 euro), tratta temi attualissimi – l’emigrazione e la vergognosa tratta che ne fanno coloro che si offrono a questi disperati, ad altissimo prezzo, come soccorrevole ancora di salvezza, pronti invece ad abbandonarli a una morte certa –, ma raccordandoli con i temi […]

continua »
Sandra Petrignani
Il dibattito sul caso Mondadori/Rcs

Le inutili indignazioni

Dopo la provocazione di Succedeoggi, la scrittrice Sandra Petrignani se la prende con il conformismo della società letteraria sempre pronta a uniformarsi allo "spirito del tempo"

Caro Nicola, ho letto il tuo intervento su succedeoggi (clicca qui per leggerlo). Non so se tu hai letto quel che avevo scritto io sulle firme e le indignazioni che lasciano il tempo che trovano (il pezzetto uscito sul Foglio è ora sul mio blog www.sandrapetrignani.it) Ti chiedo: hai un’alternativa per salvare Rizzoli dalla bancarotta? Lo sai che […]

continua »
Vincenzo Nuzzo
Cartolina da Lisbona

Le nuvole di Magellano

Dai mercatini d'antiquariato della città ricompare una mirabolante biografia di Magellano scritta da Stefan Zweig: una storia dove la realtà si trasforma in illusione

Spulciando tra le bancarelle di antiquariato di Lisbona, ecco apparire un libro non luso ma austriaco (Fernão de Magalhãis,  Livraria Civilisaçao, Porto 1945, con in prima pagina una dedica di Rui Bossa riportata di suo pugno a Goa il 20.07.1947). Sebbene tradotto in portoghese dal tedesco. È una di quelle tante biografie di uomini problematici […]

continua »
Marco Fiorletta
A proposito di “We are family”

Famiglia Bartolomei

Una famiglia romana vive di fatiche quotidiane senza rinunciare a coltivare le migliori illusioni: un altro romanzo di Fabio Bartolomei tutto da leggere

We are family, edizioni e/o 288 pagine 10 € l’edizione cartacea, è forse il libro più bello di Fabio Bartolomei. autore al quale va la nostra predilezione. La storia di Al Santamaria commuove, fa sorridere e, come in tutti i libri di Bartolomei, fa pensare. L’autore con la sua scrittura leggera, piacevole ci accompagna nelle […]

continua »
Gianni Cerasuolo
Tra sport, politica e passioni

Il centometrista partigiano

Storia di Manlio Gelsomini: 11 secondi netti nei cento metri e promessa del rugby. prima fascista acceso poi medico e infine leader della Resistenza romana. Morto alle Fosse Ardeatine, 71 anni fa

Correva i 100 metri in 11 secondi. Fu campione nazionale juniores e universitario. Indossò la maglia azzurra della nazionale B di atletica leggera. Era nella lista dei probabili olimpici per i Giochi di Los Angeles del ’32. Ma la vita di atleta di Manlio Gelsomini durò un soffio. Come la sua vita, che somigliò a […]

continua »