Sabino Caronia
Ancora su “La tempesta invisibile”

Canto per l’eternità

Nell’ultimo romanzo di Dino Claudio tornano alcune caratteristiche costanti dell'opera dello scrittore e poeta pugliese. La continuità tra poesia e narrativa, il tema del silenzio, la religiosità… Il tutto tenuto insieme in un impianto avvincente

Ritornano in questo ultimo romanzo di Dino Claudio, La tempesta invisibile (Edizioni Medusa – vedi anche http://www.succedeoggi.it/?s=Dino+Claudio), alcune caratteristiche costanti della sua opera. Innanzi tutto quella che Donato Valli e con lui la critica più avvertita ha sottolineato: la continuità sostanziale tra la poesia e la narrativa. In secondo luogo il motivo del silenzio a […]

continua »
Roberto Mussapi
Every beat of my heart, la poesia

Come la strada

Wole Soyinka, da caposcuola di una nuova generazione, rimette in scena il rito (e il mito) con cui l’uomo risponde al brivido del nulla. Dopo Beckett e Shakespeare…

Nato in Nigeria nel 1934, nonostante ripetute persecuzioni mantiene un legame stretto con il suo paese. Vive negli Stati Uniti, è uno dei grandi scrittori del nostro tempo. Romanziere, poeta, saggista, premio Nobel per la letteratura nel 1986, celebre già da giovane, sulle scene londinesi, per il suo teatro, è, a mio parere e non […]

continua »
Roberto Pagan
“La tempesta invisibile” di Dino Claudio

Guardando a Lazzaro

Coraggioso, nell’economicismo dominante della nostra società, “l’esistenzialismo cristiano” dell'autore che anche nel nuovo romanzo sceglie questa dimensione per decifrare il dramma interiore del protagonista

Apollo per tenere a bada Dioniso: cioè a dire una scrittura lucida, classicamente composta, per imbrigliare una materia oscura, esagitata, inquietante. Se questa era la scommessa di Dino Claudio a proposito della sua opera più recente, La tempesta invisibile (Medusa, 240 pagine, 20 euro), al vertice di una lunga e prolifica carriera di narratore e […]

continua »