Ilaria Palomba
Il catalogo del Novecento/3

La meraviglia e l’osceno

“Tropico del Cancro” e “Tropico del Capricorno“ di Henry Miller, capolavori della letteratura d’avanguardia, sono diari di viaggio nell'esistenza, volti a raccogliere dettagli, susseguirsi di racconti, esperienze, considerazioni filosofiche e morali

Scrivere di Henry Miller è come viaggiare nello spazio sterminato. Credo non vi sia cosa più difficile al mondo poiché la sua scrittura dice tutto e poi lo sottrae. Non per altro ebbe diversi problemi con gli editori, il suo romanzo più famoso Tropico del Cancro fu bandito in America ed ebbe una condanna per […]






continua »
Ilaria Palomba
Il catalogo del Novecento/2

Pavese al confino

"Il carcere", lungo racconto autobiografico di Cesare Pavese è una sorta di manifesto letterario e di vita del grande scrittore: racconta del confino, ma è la stessa incapacità di comunicare a tenere prigioniero il protagonista

Come Harry per Hesse, così Stefano per Pavese rappresenta un alter ego. D’altronde anche i protagonisti di La luna e i falò, Paesi tuoi, e di altri romanzi di Pavese presentano un forte parallelismo con l’autore. Il carcere è un romanzo breve o racconto lungo pubblicato nel ’49, ben dieci anni dopo la stesura. Di […]






continua »
Ilaria Palomba
Il catalogo del Novecento/1

Il lupo nello specchio

Inizia una serie di ritratti di grandi libri. «Il lupo della steppa» di Hermann Hesse è un romanzo sulla ricerca di un sé, ma Harry ne trova molti, di sé: molti sguardi sul mondo, un caleidoscopio di forme e rispecchiamenti

È difficile scrivere qualcosa a proposito del proprio libro preferito. Spesso un libro ci piace perché evoca suggestioni profonde vicine a una qualche forma di verità interiore di cui si sa ancora poco. Il lupo della steppa non è solo un romanzo ma un percorso iniziatico nei meandri della psiche umana… L’esistenza di Hermann Hesse […]






continua »
Ilaria Palomba
Quattro raccolte da non perdere

La narrativa necessaria

Andrea Carraro, Roberto Campagna, Alda Teodorani, Lié Larousse e Gianluca Pavia: l'editoria riscopre il racconto, vale a dire la scintilla narrativa che racchiude l'essenza della vita

I libri di racconti in Italia sono spesso bistrattati e relegati ai magazzini o agli scaffali meno visibili delle librerie. Invece non è possibile alcuna letteratura senza la forma racconto che, rispetto al romanzo, richiede in chi scrive una concentrazione e uno sforzo maggiore, là dove in poche pagine è indispensabile far emergere il senso […]






continua »
Ilaria Palomba
A proposito di “Tomàs”

Tomàs, l’assente

Andrea Appetito racconta sette storie che si intersecano in un personaggio/fantasma: Tomàs, simulacro della fusione costante tra personale e sociale, tra rivalsa individuale e ingiustizia politica

Tomàs di Andrea Appetito (Effigie, 2017, pp. 170, euro 15) è un romanzo distopico ma molto insolito, in quanto centrato su sette personaggi che parlano in prima persona come confessandosi. La trama viene fuori man mano che si procede nelle confessioni. Tutti hanno in comune Tomàs, che è l’eterno assente e può essere solo amato […]






continua »
Daniela Matronola
A proposito di “Una volta l'estate”

Voci senza rete

Il nuovo romanzo a quattro mani di Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi è un quadro caleidoscopico di una relazione raccontata con lo stile dei cori delle tragedie greche

Una volta l’estate (Meridiano Zero, 159 pagine, 13 Euro) è un titolo bellissimo per un romanzo sorprendente. Gli autori, Ilaria Palomba e Luigi Annibaldi, sono riusciti a comporre un quadro caleidoscopico di una relazione trovando due frecce ai rispettivi archi che poi sono un solo arco, comune: 1) potenza della voce; 2) bellezza della lingua […]






continua »
Ilaria Palomba
A proposito di "Padania"

L’arte del fallimento

Nel suo nuovo romanzo, Massimiliano Santarossa racconta la storia di una famiglia in frantumi, di una coppia in frantumi, di un uomo in frantumi e di un'Italia in frantumi

Massimiliano Santarossa con Padania (Edizioni Biblioteca dell’immagine, 2016, pp. 351, euro 14) ci consegna un lavoro stratosferico che consta di quattro parti più un prologo e un epilogo. La storia di una famiglia in frantumi, di una coppia in frantumi, di un uomo in frantumi e di un’Italia in frantumi. Tra gli spunti letterari e […]






continua »
Ilaria Palomba
Nella chiesa della Vallisa a Bari Vecchia

L’arpa vivente

Rope art e body painting in una chiesa. È successo a Bari per una performance di Miguel Gomez, artista, Isabella Corda, performer e Damiana Ardito, danzatrice

Un evento straordinario per Bari. Per la prima volta rope art e body painting in una Chiesa. È accaduto alle 19 dell’8 gennaio 2017 nella chiesa della Vallisa a Bari Vecchia, all’interno della prima Biennale d’arte contemporanea, BibArt, ospitata dal capoluogo pugliese. Titolo della performance: Ropes and Colors. In scena Miguel Gomez, artista, performer e […]






continua »
Ilaria Palomba
Un romanzo sulle band romane

Il disagio normale

In “Come una canzone", Luca Giachi racconta una generazione insicura, sempre in cerca di un modello di vita che l'allontani dai genitori e a proprio agio solo con il disagio

Come una canzone di Luca Giachi (Hacca, 2016, pp.142, euro 14) è la storia di una ipotesi di band indie rock formata da Mattia, Andrea, Angela e Marco, romani trentacinquenni, alla ricerca di una cantante. Presto s’imbattono in Letizia, affascinante e controversa ventisettenne abruzzese, con una voce stupenda ma poco propensa a lasciarsi andare. Mattia […]






continua »
Ilaria Palomba
A proposito di “Pornocultura”

Corpi in rovina

Claudia Attimonelli e Vincenzo Susca analizzano un mondo in rovina, dove i pezzi franati non possono essere ricondotti all'unità, si può solo, con gioia tragica, danzare sulle rovine dell'eterno presente

Pornocultura, viaggio in fondo alla carne (Mimesis, 2016, pp. 142, euro 14) di Claudia Attimonelli e Vincenzo Susca è un saggio molto estremo (non solo sul mondo del porno) che indaga il grande mutamento antropologico postumano, o meglio transumano, che stiamo attraversando. Citazioni ricorrenti da Videodrome di Cronenberg, La storia dell’occhio di Bataille e Mille […]






continua »