Giuliana Vitali
Un racconto inedito

La collina di Ismet

«Appena oltrepassarono il cancello del campo, una folla di persone circondava la roulotte bianca dove lui e il padre vivevano e subito fecero largo al bambino, spalancando la porticina verde»

Si asciugò con la mano le goccioline di sudore che gli scendevano sul collo mentre, masticando un rametto raccolto per strada, camminava sul terriccio polveroso di Cupa dei Cani. Si fermò d’improvviso e una volta buttati giù i piccoli sandali che teneva sotto braccio, accovacciandosi, li legò ben stretti ai piedi rossastri per il gran […]

continua »
Giuliana Vitali
A proposito di "Botanica"

Botanica della musica

Con il loro nuovo lavoro i Deproducers mescolano musica, scienza e arte nel tentativo di rendere esplicito il magma creativo che mette in relazione emozioni e conoscenza

“Siamo ospiti di un giardino nel quale il 97,3% della biomassa è vegetale (…), la specie umana, con i suoi sette miliardi di esemplari, rappresenta soltanto lo 0,01% dell’intera biomassa”. Con queste parole inizia il nuovo capitolo musicale dal titolo Botanica ideato dai Deproducers, gruppo nato dall’incontro dei produttori e musicisti Vittorio Cosma, Max Casacci, […]

continua »
Giuliana Vitali
La band americana in tour

Un sogno in musica

Assistere al concerto dei Dream Theater è un modo per trasformare la nostra realtà abituale e disarmonica nella bellezza, nella imprevedibilità della musica dal vivo

Davanti alla sala Santa Cecilia del Parco della Musica di Roma c’è una folla di persone venute da tutt’Italia per il concerto dei Dream Theater, in tour europeo con lo storico album Images and word uscito venticinque anni fa. La band statunitense fu tra le prime, insieme ai Rush, a sperimentare il mix tra l’epicità, la […]

continua »
Giuliana Vitali
Un racconto inedito

Acquamarcia

«Dal soffitto scendevano delle gocce d’acqua che avevano riempito fino all’orlo il secchio sul pavimento. Adesso l’uomo traeva dei lunghi respiri, ebbe un conato di vomito alla puzza di uva fermentata e sale»

Aveva in testa le voci dei due uomini che lo trascinavano giù. Le gambe pesanti scivolavano sugli scalini e a ogni colpo strizzava gli occhi per il dolore alla costola rotta. La saliva cadeva sul collo sudato, bagnando il panno che stringeva la bocca. – È gruossu chistu fìgghju e’ bucchino – fece uno, la […]

continua »
Giuliana Vitali
A proposito di “Io, Daniel Blake”

L’operaio di Loach

Il nuovo film di Ken Loach parla di crisi e proletariato senza paura: un omaggio (sommamente inglese) al neorealismo cinematografico italiano. Perché il disagio sociale è uguale sempre e dovunque

Lo schermo nero, scorrono piano i titoli di testa. Un dialogo a due voci riempie la sala del cinema. È così che inizia il nuovo lungometraggio di Ken Loach: Io, Daniel Blake. Dan, il protagonista, risponde ad alcune domande fatte da una professionista della sanità, per iniziare la pratica d’indennità al lavoro per malattia. Il […]

continua »
Giuliana Vitali
Italia, primo agosto/4

Black out

C’è un vento rumoroso e umido che mi scompiglia i capelli. Sono vicinissima al lungomare di Via Caracciolo e già la salsedine mi entra nella pelle e nelle orecchie e mi sento tutta attaccata.

– Chi ha fatto pipì qua a terra? – dice severo Carlo V D’Asburgo, indicando con un dito una pozzanghera d’acqua. – Io non ne so niente. –  risponde rilassato Carlo III di Spagna, con la mano molle in tasca. – A’ colpà è a’ mia, e allora? –  confessa orgoglioso Gioacchino Murat con il […]

continua »
Giuliana Vitali
Un maestro (irregolare) da riscoprire

Una vita da critico

Ritratto di Giacomo Debenedetti attraverso le parole della figlia Elisa: «Il suo esercizio della critica consisteva nell’interagire con l’animo dell’autore soprattutto attraverso l’identificazione»

Entro nello studio che era di Giacomo Debenedetti; una piccola camera che affaccia sui tetti della città vecchia. La cupola di una chiesa è vicinissima, pare quasi di toccarla, se allungo il braccio. La figlia Elisa mi accoglie con amicizia. Mi siedo sul divano-letto coperto da un telo giallo, proprio accanto alla finestra, di fronte […]

continua »
Giuliana Vitali
Al Vascello di Roma

Laika e San Pietro

Ascanio Celestini porta a teatro la cagnetta morta nello spazio, ma ne fa una sorta di Gesù "laico". Inseguendo la sua vena consolidata di raccontatore surreale

Ascanio Celestini è un cantastorie surreale, un narratore che evoca immagini in modo poetico, talvolta con acuminata ironia.  Il suo lavoro più recente, messo in scena in questi giorni a Roma, nel Teatro Vascello, porta il titolo di Laika: la cagnetta spedita nello spazio dai russi nel ’59 che non fece più ritorno. Ma laica […]

continua »
Giuliana Vitali
Lettera da Napoli

Il pontile di Bagnoli

Dai miti antichi all'Italsider che fu, dalla rosa dei venti alla città della scienza. Viaggio in una delle zone più affascinanti e abbandonate dello skyline napoletano. Tra memoria e degrado

Bagnoli è il quartiere dove è cresciuto mio padre. Nacque nella camera da letto dei suoi genitori. In un vecchio palazzotto in Via di Niso. Nel reticolato, le numerose e piccole vie, dai nomi epici, s’inseguono lentamente per poi fuggire verso il mare, per mezzo di una lingua di cemento sospesa sull’acqua che si prolunga […]

continua »
Giuliana Vitali
Una riflessione tra poesia e cinema

Sterminator Leopardi

Il rifugio nella poesia, la vitalità umiliata, la gobba, le puttane e l'«aria buona» di Napoli: il Leopardi di Martone/Germano è un rivoluzionario mancato; che rivolge la violenza contro se stesso

«Così ho pensato di andare verso la grotta, in fondo alla quale, in un paese di luce, dorme, da cento anni, il giovane favoloso»: queste le parole di Anna Maria Ortese, dette durante una visita alla tomba di Giacomo Leopardi nel Parco Virgiliano di Piedigrotta, a Napoli. Il giovane favoloso, così lo chiama; appellativo ripescato […]

continua »